Questo sito contribuisce alla audience di

Samsung Galaxy S10: prezzo, caratteristiche, uscita e notizie in Italia

Samsung Galaxy S10 (e la sua variante Plus) sarà il flagship del produttore sudcoreano per la prima parte del 2019. Le prime indiscrezioni sono arrivate già a breve distanza dal rilascio del predecessore, ma ora manca giusto qualche settimana all’attesa data di lancio e i rumor sono sempre più fitti.

Come sempre aggiorneremo questa pagina fino al giorno della presentazione per offrirvi una panoramica completa e via via più precisa su cosa è lecito attendersi. Andiamo quindi a scoprire quali sono le informazioni attualmente in nostro possesso su Samsung Galaxy S10, o “Beyond” (al di là) nel caso in cui preferiste il suo nome in codice.

Indice:

Specifiche tecniche di Samsung Galaxy S10

Il comparto tecnico riunirà senza dubbio il meglio della tecnologia disponibile. Partendo dal display, Samsung Galaxy S10 dovrebbe adottare un pannello leggermente migliorato rispetto ai già ottimi utilizzati su Galaxy S9, S9+ e Note 9: si tratterà senza dubbio di un’unità AMOLED, probabilmente da 6,1 pollici a risoluzione QHD+.

Samsung Galaxy S10 dovrebbe essere mosso dal nuovo Exynos 9820 su cui, secondo indiscrezioni, l’azienda lavora fin dal gennaio 2018, quindi ancor prima dell’ufficializzazione di Galaxy S9. Il SoC sarà uno dei primi a vantare un processo produttivo a 7 nanometri grazie alla tecnologia di stampa EUV, cioè la litografia ultravioletta estrema. Il supporto alle reti 5G dovrebbe arrivare solamente in una variante più costosa, attesa più avanti.

Il SoC dispone di nuova unità NPU, in grado di eseguire operazioni che richiedono l’utilizzo dell’intelligenza artificiale (IA) ben sette volte più velocemente rispetto al suo predecessore: Exynos 9820 è infatti in grado di eseguire le attività con IA direttamente sul dispositivo, senza passare per un server esterno.

Ad affiancare il SoC dovrebbero esserci 6 o 8 GB di RAM in base alla versione: è praticamente impossibile che in Corea possano riproporre i 4 GB di RAM di Galaxy S9, quasi anacronistici su un top di gamma da circa 1.000 euro equipaggiato con un’interfaccia, la Samsung Experience (che diventa Samsung One UI da Android 9 Pie) non particolarmente leggera.

Rimanendo sul tema della rapidità di esecuzione, Samsung Galaxy S10 potrebbe adottare le nuove memorie UFS 3.0, più veloci del doppio rispetto alle attuali UFS 2.1. I tagli di memoria dovrebbero essere 128 e 512 GB.

Riguardo il comparto fotografico, Samsung potrebbe adottare una tripla fotocamera posteriore e una singola anteriore integrata in un foro nel display. Dopo i recenti passi avanti fatti da uno dei principali competitor, leggasi Huawei, il produttore sud-coreano ha la necessità di dare una bella sterzata, portando ulteriori miglioramenti alle capacità fotografiche che hanno regalato notorietà a tutti i componenti top di gamma della famiglia Galaxy S fino a questo momento.

Grazie all’IA, la fotocamera sarà in grado di riconoscere l’ambiente di scatto e ottenere informazioni sugli oggetti inquadrati, che poi fornirà all’utente tramite AR (realtà aumentata) o tramite VR (realtà virtuale).

Per quanto riguarda gli sblocchi, lo smartphone potrebbe contare su un sensore di impronte integrato nel display, di tipo ultrasonico, e forse su una nuova scansione del volto: vista la conformazione delle fotocamere anteriori, dubitiamo che Galaxy S10 possa disporre di scansione 3D. Sembra confermata anche la presenza della porta per il jack da 3,5 mm.

Alcune indiscrezioni riportano che potrebbe essere variata la geometria della batteria per sfruttare ogni millimetro cubo disponibile all’interno di Samsung Galaxy S10. Con una forma ad L, infatti, i progettisti potrebbero implementare un accumulatore più capace evitando che a farne le spese sia lo spessore. Chissà che non possa essere questa la chiave che, unita ad un SoC più efficiente per merito del processo produttivo a 7 nm, consenta di placare le ansie da presa elettrica accusate dai possessori di Galaxy S8 e Galaxy S9. Per il momento si ipotizzano 3400 mAh.

Design di Samsung Galaxy S10

Dopo il Samsung Galaxy S9 che non ha stravolto il design dell’apprezzatissimo Galaxy S8 limitandosi a qualche modifica per migliorarne l’ergonomia, i progettisti sudcoreani potrebbero agire in maniera più decisa sulle linee di Galaxy S10 (e guardando la logica seguita in passato le possibilità non sembrano remote).

Il tratto distintivo di Galaxy S10 dovrebbe essere il foro nel display, posizionato nella parte superiore, a destra, contenente la fotocamera anteriore. Grazie a questa soluzione dovrebbero essere ulteriormente ridotte le cornici, con una percentuale di display oltre il 90%. Samsung non dovrebbe, a meno di improbabili stravolgimenti dell’ultim’ora, utilizzare il notch in nessuna delle (almeno) tre varianti Galaxy S del 2019.

Le colorazioni di Samsung Galaxy S10 potrebbero essere quattro: bianco, nero, verde e blu. Le dimensioni potrebbero essere di 148,9 x 70,9 x 7,8 millimetri.

Software di Samsung Galaxy S10

Samsung Galaxy S10 potrà contare sulla personalizzazione Samsung One UI basata su Android 9 Pie. La nuova interfaccia è stata quasi completamente rivisitata rispetto alla “vecchia” Samsung Experience, con importanti miglioramenti per facilitare l’utilizzo a una mano e diversi perfezionamenti grafici.

Le forme arrotondate del design dello smartphone andranno a fondersi ancora di più con il software: praticamente tutte le app preinstallate, dalla rubrica alla calcolatrice, dal dialer al registratore vocale, sono state riviste in chiave Android 9 Pie. Con la nuova interfaccia saranno anche introdotte le gesture, che forniranno un’alternativa alla barra di navigazione.

Immagini di Samsung Galaxy S10

Prezzo e uscita di Samsung Galaxy S10

Arrivati a questo punto è decisamente probabile che abbiate già in testa un ordine di grandezza sui prezzi. Sarà praticamente impossibile immaginare cifre in calo rispetto ai modelli precedenti: Samsung Galaxy S10 si farà pagare, almeno nelle prime settimane dal lancio.

Vista la probabile esistenza di una terza variante, per ora definita “Lite”, il produttore potrebbe avere la “scusa” per salire sopra i 1000 euro, stando attenta a non “scomodare” troppo Samsung Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole che potrebbe spingersi decisamente oltre. Ad avvalorare questa ipotesi c’è anche l’eliminazione della versione da 64 GB.

Le informazioni in nostro possesso in effetti non fanno altro che confermare tutto questo: secondo una fonte piuttosto attendibile, Galaxy S10 sarà commercializzato l’8 marzo 2019 in tre colorazioni, nero, bianco e verde, a un prezzo di 929 euro e 1179 euro per le versioni da rispettivamente 6/128 GB e 8/512 GB di memoria.

La presentazione avverrà durante un evento dedicato il 20 febbraio,  a pochi giorni di distanza dall’apertura del Mobile World Congress 2019 di Barcellona (25-28 febbraio).

Notizie su Samsung Galaxy S10

Top