Questo sito contribuisce alla audience di

Samsung One UI: funzioni, caratteristiche, novità e dispositivi compatibili

Samsung One UI è l’interfaccia grafica studiata dal produttore sud-coreano per i propri smartphone (e tablet), anche pieghevoli (come Infinity Flex). Si tratta della UI preinstallata su Samsung Galaxy S10 e S10 Plus e basata su Android 9 Pie, la più recente versione del robottino disponibile al momento del lancio dei flagship 2019.

Samsung ha lavorato sulla simbiosi tra software e hardware, semplificando diversi elementi e armonizzando l’intera interfaccia, senza dimenticarsi lo stile “arrotondato” di Android 9 Pie. Andiamo a scoprire tutto sulla Samsung One UI, che “prende il posto” della completissima Samsung Experience.

Interfaccia, funzioni e principali novità

Dal punto di vista stilistico, Samsung One UI utilizza forme arrotondate già tipiche delle linee di prodotti Samsung dei tempi recenti, sia per le icone sia per gli altri elementi. Le parti principali dell’interfaccia sono state spostate verso il basso, semplificando parecchio l’utilizzo dello smartphone a una mano: con l’avvento dei 18:9 (e 19:9), le mani fanno infatti sempre più fatica a raggiungere la parte superiore del display.

La parte superiore non resta comunque vuota, ma viene occupata, in base alla situazione, da orologio, data, collegamenti rapidi o altro. Un esempio lampante di questo cambiamento riguarda i toggle della tendina delle notifiche: espandendoli, come potete vedere nelle immagini, risultano più facilmente raggiungibili dato che occupano una zona inferiore del pannello rispetto alla Samsung Experience.

Altra novità rispetto alla “vecchia” interfaccia è la modalità notte, denominata Night Mode, che modifica i colori in base all’orario: di giorno si può restare sulla modalità Clear, mentre la sera e la notte si possono utilizzare tonalità più scure per non affaticare la vista.

Altro importante cambiamento riguarda la schermata delle app recenti, o Task Manager, che è stata completamente rivista con l’inclusione di uno scroll orizzontale che abbiamo già visto su Android stock (e per i più attenti, con l’app Task Changer del pacchetto Samsung Good Lock 2018).

A livello generale troviamo dunque molti cambiamenti rispetto alla Samsung Experience basata su Android 8.0 e 8.1 Oreo. Non dimentichiamoci inoltre che la Samsung One UI è stata anche studiata per i dispositivi pieghevoli dotati della tecnologia Infinity Flex, mostrata per la prima volta alla conferenza dedicata agli sviluppatori DSC 2018.

Dispositivi compatibili

L’interfaccia è preinstallata su Samsung Galaxy S10 e S10 Plus e viene rilasciata in concomitanza all’aggiornamento ad Android 9 Pie per gli altri dispositivi compatibili. Oltre ai due già citati, nel momento in cui stiamo scrivendo la compatibilità è confermata solamente per Samsung Galaxy S9, S9 Plus e Note 9, mentre permangono forti dubbi per i flagship 2017 Galaxy S8, S8 Plus e Note 8. Nessuna informazione per quanto riguarda gli altri modelli.

Programma beta e disponibilità

Gli utenti possessori di Samsung Galaxy S9 e S9 Plus possono provare l’interfaccia Samsung One UI attraverso il programma beta. Purtroppo, almeno inizialmente, il test è riservato a USA, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Polonia, Corea del Sud, Cina e India. Per aderirvi è necessario scaricare l’app Samsung Members da Google Play Store o Galaxy Apps, accedere con l’account Samsung e selezionare la voce “One UI Beta Program Registration”. Una volta fatto non resta che recarsi nelle impostazioni di sistema e scaricare il nuovo aggiornamento.

Il programma beta di Samsung One UI e Android 9 Pie è aperto dalla fine di novembre, mentre l’aggiornamento stabile è previsto per il mese di gennaio 2019 per i top di gamma 2018, ossia Samsung Galaxy S9, Galaxy S9 Plus e Galaxy Note 9.

Notizie su Samsung One UI

Top