Huawei Mate 30 sarà in uscita il prossimo autunno 2019 installandosi in vetta al catalogo del produttore cinese. Secondo quanto affermato finora sembra confermato che potrebbe essere il primo smartphone dotato di chipset a 7 nanometri con processo Extreme UltraViolet (EUV) per performance notevoli. Il riferimento è al System on Chip proprietario Kirin 985 realizzato in collaborazione con il noto brand TSMC.

Facciamo un riepilogo su tutte le voci a proposito delle caratteristiche tecniche, funzionalità software, le foto render che ne raccontano il design e le anticipazioni su uscita e prezzo per l’Italia.

Caratteristiche tecniche di Huawei Mate 30

Al centro delle caratteristiche tecniche del nuovo smartphone top di gamma sederà il processore proprietario Kirin 985 costruito sempre con processo produttivo a 7 nm come il ben noto Kirin 980 montato sulle ammiraglie del 2019, tuttavia con la miglioria della litografia EUV Huawei. Cosa cambia? Che aumenta la densità dei transistor del 20% per ancora più performance con miglioramenti compresi tra il 10 e il 30% aprendo al successivo balzo evolutivo verso chip a 5nm.

Ancora sconosciuta la scheda grafica che però dovrebbe essere la stessa di Mate 20 mentre possiamo dare per certa la presenza del modem 5G per navigare velocemente sulle reti di nuova generazione. Tra le altre caratteristiche tecniche fino a rumoreggiate c’è quella un po’ meno papabile della presenza di un doppio schermo con un display anche sul retro che andrebbe ad occupare circa il 40% della superficie posizionandosi appena sotto le fotocamere. Ma sembra un rumors a cui dare poco conto così come quello che punta su addirittura cinque sensori sul retro mentre più verosimilmente ce ne saranno tre o, al massimo, quattro.

A livello costruttivo sembra che andrà a utilizzare la tecnologia SLP ossia su Substrate Like PCB per impilare il maggior numero possibile di chip riducendo lo spazio occupato dalla scheda madre andando spingersi fino a venti strati di rame invece dei dieci attuali così da liberare ingombro per batterie più capienti o altri componenti lasciando più libertà ai progettisti.

Design di Huawei Mate 30

Ancora sconosciuto il design che però non dovrebbe cambiare più di molto rispetto a Huawei Mate 20 dunque con un fronte praticamente senza bordi se non quello inferiore e un notch che dovrebbe presentarsi non tanto con foro in-hole ma più verosimilmente a goccia come il recente Huawei P30 e P30 Pro. Come detto, gira una voce su la possibile presenza di un secondo schermo sul retro ma è verosimile pensare che ci sarà soltanto uno schermo.

Software e funzioni di Huawei Mate 30

Ancora poche voci a proposito delle funzionalità software di Huawei Mate 30 che, come già anticipato, dovrebbe andare senza dubbio a essere già predisposto alla connessione alle reti 5G non soltanto in patria ma anche nel resto del mondo, Italia compresa. Inoltre, grazie alla tecnologia SLP possiamo aspettarci una batteria dell’autonomia ancora superiore a quella già ottima di Mate 20. Per quanto riguarda le fotocamere potrebbero presentarsi molto simili a quelle di P30 se non addirittura con qualche miglioramento.

Scontata la presenza del sistema operativo Android 9 Pie con la nuova versione dell’interfaccia EMUI, mentre non dovrebbero esserci dubbi sullo sblocco facciale per l’accesso al dispositivo.

Immagini di Huawei Mate 30

Prezzo e uscita di Huawei Mate 30

Non resta che attendere ulteriori informazioni ben consci che sia per quanto riguarda l’uscita sia per quanto riguarda il prezzo per l’Italia è ancora troppo presto per avanzare ipotesi. Possiamo immaginare che si vedrà qualcosa di concreto il prossimo autunno per un costo che potrebbe essere simile a quello del modello precedente al lancio ossia da 700 euro circa.