Il mercato degli smartphone Android è vasto e offre soluzioni per tutte le tasche. Anche se le copertine sono quasi sempre dedicate ai top di gamma, il cui prezzo supera spesso e volentieri i 1.000 euro, ci sono molti utenti che cercano soluzioni decisamente più abbordabili.

Abbiamo dunque realizzato una guida, aggiornata al mese di giugno 2020 dedicata ai migliori smartphone economici, il cui prezzo deve restare al di sotto dei 200 euro. Troverete quindi il modello entry level, adatto come muletto o per utenti alle prime armi, ma anche smartphone di fascia media, con una buona dotazione tecnica, fotocamere multiple e software sempre aggiornati.

Per ogni modello proposto troverete un riassunto delle caratteristiche principali, dettagli sulla scheda tecnica con chipset e memoria, e le migliori offerte disponibili sul mercato. In alcuni casi i modelli vicini al limite superiore dei 200 euro potrebbero sforare il tetto, a causa delle normali fluttuazioni di mercato. Terremo comunque sempre aggiornata questa pagina per aiutarvi a trovare i prodotti più adatti alle vostre necessità.

Come selezioniamo i migliori smartphone economici

Oltre ai modelli più recenti, tra i migliori smartphone economici potrete trovare anche qualche modello più datato, proveniente da fasce di prezzo superiori. In alcuni casi le funzioni o le specifiche tecniche sono decisamente competitive in relazione al prezzo rendendoli particolarmente appetibili.

Nella nostra guida troverete esclusivamente smartphone già in commercio ufficialmente in Italia, con supporto ufficiale da parte del produttore e facile reperibilità online o nei negozi specializzati. Questo per rendere agevole l’acquisto anche agli utenti meno esperti e per avere la certezza di poter usufruire di un servizio di assistenza nel nostro Paese.

Ovviamente non guardiamo solo il prezzo ma anche le relative specifiche tecniche: niente schermi di pessima qualità, fotocamere che non riescono a catturare scatti quantomeno accettabili o batterie dall’autonomia rivedibile. Anche se la fascia di prezzo impone qualche sacrificio, selezioniamo solo prodotti che valgono il prezzo che costano.

Non manca la valutazione sul rapporto qualità/prezzo, che ci porta a inserire prodotti meno recenti ma che si sono svalutati notevolmente rimanendo ugualmente appetibili per le loro caratteristiche. Dopotutto un medio gamma di un anno è sicuramente migliore di un entry level nuovo di zecca. Per questo ogni mese la classifica viene aggiornata, per essere sicuri di inserire solamente i prodotti più meritevoli.

I migliori smartphone economici

Redmi 8A

L'autunno 2019 di Redmi è iniziato con la presentazione di Redmi 8A, un entry level disponibile in svariate colorazioni e due diversi tagli di memoria, per raccogliere il testimone da Redmi 7A. Le dimensioni non sono compatte (156,48 x 75,41 x 9,4 millimetri) ma grazie all'Aura Wave Grip Design, una particolare trama che migliora la presa (riducendo le impronte sulla cover), l'ergonomia migliora in maniera significativa. Difficile rimanere a piedi grazie alla batteria da 5.000 mAh che unita allo schermo HD e al processore a basso consumo, consente di superare agevolmente i due giorni di autonomia e di arrivare a sera anche con un uso esagerato. La doppia fotocamera posteriore, un sensore da 12 megapixel (f/1.8) e un sensore di profondità da 2 megapixel, permette di realizzare foto discrete, penalizzate inevitabilmente in scarse condizioni di illuminazione.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 439 Qualcomm SDM439, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna.

Altre offerte

Nokia 2.3

Nokia 2.3 è stato presentato dal produttore finlandese sul finire del 2019, arrivando sul mercato italiano a metà gennaio del 2020. Decisamente ingombrante nonostante lo schermo da 6,2 pollici, e le dimensioni (157,69 x 75,41 x 8,68 mm) fanno si che l’ergonomia non sia il top e diventi quasi impossibile l’utilizzo con una sola mano. Con 4.000 mAh la batteria è il punto di forza del dispositivo, grazie anche a una scheda tecnica non particolarmente spinta e al display HD che permettono di contenere i consumi. Si arriva sempre a sera e due giorni di autonomia sono facili da raggiungere. La doppia fotocamera posteriore, con sensore principale da 13 megapixel (f/2.2) e un sensore di profondità da 2 megapixel, non è niente di eccezionale e produce scatti buoni per i social, a patto che ci sia buona illuminazione.

Ulteriori specifiche: processore Helio A22 MediaTek MT6761, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna.

Altre offerte

Redmi 8

Redmi ha completato il rinnovamento della fascia medio bassa lanciando, nel novembre 2019, Redmi 8 in tre diverse colorazioni e due varianti di memoria con prezzi davvero allettanti. Lo schermo da 6,22 e le cornici non particolarmente ottimizzate rendono Redmi 8 abbastanza grande (156,48 x 75,41 x 9,4 millimetri) per cui l'ergonomia non è tra le migliori del mercato. La batteria è il vero punto di forza, con ben 5.000 mAh e un'autonomia che raggiunge i due giorni senza alcuno sforzo. Aggiungiamo una ricarica rapida a 18 watt e il gioco è fatto. La fotocamera posteriore, spostata ora al centro della cover posteriore, utilizza un sensore principale da 12 megapixel (f/1.8) e un sensore secondario da 2 megapixel utilizzato per la misurazione della profondità di campo. Le foto sono in linea con la fascia di prezzo con qualche inevitabile limite con poca luce.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 439 Qualcomm SDM439, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna.

Altre offerte

Redmi Note 8T

Redmi Note 8T è arrivato nei nostro Paese a inizio novembre 2019, anche se in realtà si tratta di un semplice rebrand di Redmi Note 8, mai arrivato sui mercati internazionali. Nonostante utilizzi uno schermo da 6,3 pollici le dimensioni sono decisamente importanti, pari a 161,44 x 75,4 x 8,6 millimetri, con un peso di 199,2 grammi. L'ergonomia risulta dunque penalizzata anche se non in maniera eccessiva, grazie anche a una cover in TPU che migliora decisamente il grip. Impeccabile come sempre l'autonomia, grazie alla batteria da ben 4.000 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18 watt, che riduce decisamente i tempi di ricarica. Di buon livello anche la qualità del comparto fotografico, nel quale ritorna il sensore da 48 megapixel (f/1.79) affiancato da un sensore ultra grandangolare da 8 megapixel (f/2.2), un sensore da 2 megapixel (f/2.4) per le macro e un sensore da 2 megapixel (f/2.4) per la misurazione della profondità di campo. Ottimi i risultati con una buona luce, presenta solo qualche difficoltà di notte, anche se l'apposita modalità migliora i risultati.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 665 Qualcomm SDM665, 3/4 GB di RAM e 32/64 GB di memoria interna.

Altre offerte

Realme 5 Pro

Disponibile in Italia dall'estate del 2019, Realme 5 Pro può essere acquistato nelle colorazioni Crystal Green e Sparkling Blue, con due diversi tagli di memoria (4 o 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna) Lo schermo da 6,3 pollici influisce inevitabilmente sulle dimensioni (157 x 74,2 x 8,9 mm e 184 grammi di peso) ma l'ergonomia è comunque buona anche nell'uso con una mano. Peccato solo per un'eccessiva scivolosità, con la curvatura 3D del vetro posteriore che accentua il problema senza tuttavia renderlo grave. Con i suoi 4.035 mAh la batteria di Realme 5 Pro consente di raggiungere un'autonomia davvero elevata: è possibile raggiungere le 8 ore di schermo acceso arrivando comunque a sera con una carica residua del 20% circa. Da segnalare la presenza della ricarica rapida VOOC con un caricabatteria da 20W. Come per il fratello minore Realme 5, anche la variante Pro dispone di quattro fotocamere posteriori: al sensore principale da 48 megapixel (f/1.8) si affiancano un sensore ultra grandangolare da 8 megapixel (f/2.25), un sensore macro da 2 megapixel (f/2.4) e uno per la profondità di campo (f/2.4) con la medesima risoluzione. Molto buoni i risultati, con un bokeh realistico e una modalità notturna che garantisce foto di buon livello.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 712 Qualcomm SDM712, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna.

Altre offerte

HONOR 9X

In Italia è arrivato sul finire del 2019, e si caratterizza principalmente per la fotocamera frontale a scomparsa Proprio l'assenza della fotocamera frontale consente di avere uno schermo che occupa quasi tutti il frontale, mentre nella parte posteriore la cover in plastica offre un aspetto simile al vetro. È abbastanza grande (163,5 x 77,3 x 8,8 mm ma non è impossibile utilizzarlo con una sola mano. HONOR 9X consuma pochissimo in stand-by e grazie alla batteria da 4.000 mAh non è mai un problema arrivare a sera. I più attenti possono ambire a due giorni di autonomia. Sono tre i sensori presenti nella fotocamera posteriore: uno da 48 megapixel (f/1.8), sensore ultra grandangolare (FoV 120 gradi) da 8 megapixel e sensore da 2 megapixel per la misurazione della profondità di campo. Buoni gli scatti anche se in alcuni casi la nitidezza è esagerata, nel complesso è un buon camera phone grazie anche all'intervento dell'intelligenza artificiale.

Ulteriori specifiche: processore Huawei HiSilicon Kirin 710f, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna.

Altre offerte

OPPO A9 2020

È disponibile nel nostro Paese dalla fine di ottobre 2019, con due colorazioni e una sola variante di memoria. Vista la presenza dello schermo da 6,5 pollici le dimensioni (163,6 x 75,6 x 9,1 mm) sono tutt'altro che compatte, ma l'ergonomia nel complesso non è male, grazie anche alla scocca in policarbonato non troppo scivolosa. Ottima l'autonomia grazie alla batteria da 5.000 mAh e alle numerose ottimizzazioni. Una giornata impegnativa viene coperta senza problemi, con un uso normale non è fantascienza ambire a tre giorni. Sono quattro le fotocamere posteriori, con sensore principale da 48 megapixel, ultra grandangolare da 8 megapixel (FoV 119 gradi), doppio sensore da 2 megapixel (uno monocromatico) per profondità di campo e contrasto. Molto dettagliate le foto e i colori sono molto gradevoli su entrambi i sensori principali.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 665 Qualcomm SDM665, 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna.

Altre offerte

Samsung Galaxy M20

Giunto in Italia nel mese di marzo 2019, a un paio di mesi dal lancio in India, Samsung Galaxy M20 è disponibile nel nostro Paese in una sola variante, con due diverse colorazioni. Le dimensioni non proprio contenute (156,6 x 74,5 x 8,8 mm) e il policarbonato lucido utilizzato per la scocca non aiutano per niente l’ergonomia: lo smartphone è scivoloso e quasi impossibile da utilizzare con una sola mano. Impossibile scaricare completamente la capiente batteria da 5.000 mAh in una sola giornata, anche con un utilizzo particolarmente intenso: si raggiungono almeno 8 ore di schermo con un buon 20% di carica residua. Più semplice raggiungere due giorni di autonomia senza prestare troppa attenzione ai consumi. Il sensore principale da 13 megapixel (f/1.9) coadiuvato da un sensore ultra grandangolare da 5 megapixel (f/2.2) scatta bene di giorno ma si perder un po’ di notte, pur garantendo risulti apprezzabili vista la fascia di prezzo.

Ulteriori specifiche: processore Samsung Exynos 7904, 3/4 GB di RAM e 32/64 GB di memoria interna.

Vai a: Recensione Samsung Galaxy M20

Altre offerte

Huawei P30 Lite

Nato con l’idea di accontentare le esigenze di chi vuole uno smartphone di buon livello senza spendere cifre folli, Huawei P30 Lite è arrivato in Italia a maggio del 2019in quattro diverse colorazioni. Le dimensioni non sono troppo generose (152,9 x 72,7 x 7,4 mm) e la finitura aiuta la presa, migliorando sensibilmente l’ergonomia, complice anche il peso contenuto in appena 159 grammi. Con 3.340 mAh la batteria non è certo al top eppure riesce a portare a sera senza particolari problemi, grazie soprattutto a consumi quasi inesistenti in standby che, con qualche accortezza, possono far arrivare l’autonomia a due giorni. Molto buone le foto, grazie al sensore principale da 48 megapixel (f/1.8) a cui sono affiancati un sensore grandangolare da 8 megapixel (f/2.4) e un sensore di profondità da 2 megapixel. In notturna viene in aiuto il potente algoritmo presente nelle versioni più costose, il che si traduce in un notevole vantaggio rispetto alla concorrenza in questa fascia di prezzo.

Ulteriori specifiche: processore Huawei HiSilicon Kirin 710, 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna.

Vai a: Recensione Huawei P30 Lite

Altre offerte

Redmi Note 9S

Due varianti di memoria e tre diverse colorazioni per il nuovo medio gamma targato Redmi, presentato a marzo e disponibile da aprile 2020. Decisamente ingombrante (166,9 x 76 x 8,8 mm) e pesante (209 grammi) non è il massimo dell'ergonomia, ma con uno schermo da 6,67 pollici e a questo prezzo era difficile fare meglio. La batteria da 5.020 mAh è una garanzia, una giornata senza problemi anche con un utilizzo particolarmente intenso, due giorni con un uso più moderato, davvero ottima. Curato anche il comparto fotografico, con sensore principale da 48 megapixel (f/1.79), ultra grandangolare (FoV 119 gradi) da 8 megapixel, con sensore macro da 5 megapixel e sensore di profondità da 2 megapixel. Molto buone le foto, si sente solo la mancanza di uno zoom ottico che avrebbe reso quasi perfetto lo smartphone.

Ulteriori specifiche: processore Snapdragon 720G Qualcomm SM7125, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna.

Altre offerte

Questi sono dunque i migliori smartphone economici sotto ai 200 euro al mese di giugno 2020. Se il vostro budget è superiore, o se siete curiosi di trovare nuove alternative, abbiamo numerose altre guide che trovate elencate a seguire.