Google Pixel 6a

Google Pixel 6a è uno smartphone Android di fascia media, non ancora ufficializzato dalla casa di Mountain View, ma già oggetto di varie indiscrezioni saltate fuori nel corso delle ultime settimane. Si parla di un dispositivo che potrebbe andare a riprendere quanto visto col modello che lo ha preceduto, migliorandone vari aspetti. Per saperne di più, seguiteci nei paragrafi qui sotto perché andremo ad analizzare le caratteristiche tecniche, il design, le funzioni software, le informazioni trapelate sui prezzi e sulla disponibilità di Google Pixel 6a.

Caratteristiche tecniche di Google Pixel 6a

Il componente più giovane ed economicamente accostabile della sorprendente famiglia dei Google Pixel 6 è ancora questione riservata agli interni di Google; benché qualcosa sia già trapelato. Le aspettative, considerando proprio quanto già visto con i cugini premium, sono piuttosto elevate, sia in termini qualitativi che, per così dire, monetari.

Google Pixel 6a dovrebbe presentarsi con uno schermo OLED completamente piatto, con una diagonale di 6,2 pollici, quindi più piccino rispetto al suo predecessore, almeno secondo quanto emerso finora. La risoluzione difficilmente oltrepasserà quota Full HD+ mentre il refresh rate non è escluso possa salire da 60 a 90 Hz.

Sotto lo schermo le indiscrezioni prevedono un lettore per il riconoscimento delle impronte digitali e un foro centrale in alto ad ospitare la fotocamera frontale, con gli altri sensori posteriori, probabilmente tre (un 12,2 megapixel Sony IMX 363, un 12 megapixel IMX386 e un 8 megapixel; con ottica standard, grandangolare e teleobiettivo) inseriti in un modulo rettangolare in pieno stile Pixel 6.

Per quel che riguarda il SoC, Google Pixel 6a dovrebbe seguire anche in questo caso la strada tracciata dalla famiglia, che significa montare un chipset proprietario, basato sul Tensor di Google, ma probabilmente per qualche aspetto differente. Al suo fianco, lato memorie, si parla di configurazioni da 6 o 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna.

Questione sensori e connettività, infine, dando credito all’indiscrezione sulla presenza del Google Tensor, non dovrebbe mancare proprio nulla, compreso chiaramente il supporto alle reti 5G, NFC, e via dicendo. La batteria di Google Pixel 6a, considerando le dimensioni del display di dimensioni ridotte rispetto al suo predecessore, potrebbe rimanere intorno a quota 4.500 mAh per garantire già un’ottima autonomia.

Design di Google Pixel 6a

Come anticipato poc’anzi, i render trapelati hanno tracciato una chiara distinzione fra il presunto Google Pixel 6a e il modello che lo precede. Entrerebbe appieno nella serie sesta, esteticamente parlando, per via innanzitutto della banda orizzontale sporgente che andrebbe ad accogliere i sensori fotografici, un elemento che è peculiarità della serie.

Stesso discorso per il frontale, con il foro centrale per la fotocamera selfie meno tendente alle linee morbide del passato ma più spigoloso e ottimizzato dal punto di vista degli spazi che, considerando la diagonale del display, dovrebbero essere indice di ingombri ridotti all’osso. Le dimensioni presunte parlano di 152,2 mm di altezza, 71,8 mm di larghezza e 8,7 mm di spessore, 10,4 considerando la sporgenza del gruppo fotocamere.

Software e funzioni di Google Pixel 6a

Android 12, 3 anni di aggiornamenti del sistema operativo e fino a 5 anni di update di sicurezza è il minimo che ci si aspetta da Google Pixel 6a, aspettative importanti ma in linea con quanto visto in passato. Difficile per il momento parlare di funzioni software specifiche o di funzionalità derivate dai suoi cugini premium in mancanza di indiscrezioni. A presto quindi per ulteriori aggiornamenti in merito.

Immagini di Google Pixel 6a

Prezzo e uscita di Google Pixel 6a

Mancano per il momento le informazioni sui prezzi e sull’uscita di Google Pixel 6a che, con tutta probabilità verrà presentato non prima dell’estate del 2022 a un prezzo di listino certo inferiore alle cifre relative alla serie Pixel 6.