Come parte del Pixel Feature Drop di giugno 2023, Google ha introdotto sui propri smartphone Pixel alcune nuove funzionalità legate alla personalizzazione, annunciate durante il Google I/O dello scorso mese. Tra queste rientrano gli sfondi emoji, gli sfondi “Cinematic” e gli sfondi generati dall’intelligenza artificiale.

Quello che il colosso di Mountain View sta compiendo riguardo la personalizzazione dei propri smartphone è un passo in avanti importante, considerando che negli ultimi tempi la concorrenza è stata piuttosto agguerrita su questo ambito. In questo articolo ci concentreremo sulla prima delle tre novità annunciate da Big G, provando a spiegare cosa sono, come si ottengono (e con quali smartphone sono compatibili) e come si usano gli sfondi emoji.

Cosa sono gli sfondi emoji?

Gli sfondi emoji costituiscono una delle novità in ambito personalizzazione annunciate da Google durante il keynote di apertura del Google I/O 2023 dello scorso 10 maggio.

Rilasciati da Big G come parte integrante del Pixel Feature Drop di giugno (trovate qua tutte le novità introdotte sugli smartphone compatibili) e rese disponibili qualche giorno prima agli utenti registrati al programma Android Beta dopo il passaggio alla beta 3 di Android 14 (trovate qua tutte le novità), gli sfondi emoji sono una nuova categoria di sfondi che punta tutto sulla immediatezza della personalizzazione: l’utente dovrà semplicemente scegliere fino a 14 emoji da visualizzare, una fantasia con cui disporli sulla schermata (e la dimensione delle stesse emoji) e la coppia di colori di sfondo ed emoji.

Le emoji tra cui scegliere le 14 che comporranno il motivo sono praticamente tutte quelle disponibili sulla tastiera Gboard (oltre 4000 emoji diverse). Le fantasie tra cui scegliere sono cinque e sono denominate Mosaico, Loto, Impilati, Sparsi e Prisma. Le venti coppie di colori proposte, sono realizzate in maniera che vi sia un colore pastello di sfondo e un colore che ricalchi la sagoma dell’emoji pensato per fare contrasto. Nella seguente galleria riportiamo alcuni esempi realizzati scegliendo diversi colori e fantasie.

Come ottenerli su uno smartphone Pixel

Annunciando le novità del Pixel Feature Drop di giugno 2023, Google ha confermato che tutti gli smartphone attualmente supportati su Android 13 (ovvero da Google Pixel 4a in avanti) sono compatibili con gli sfondi emoji.

I requisiti, dunque, sono uno smartphone compatibile e aggiornato ad Android 13 con il Pixel Feature Drop di giugno o alla beta 3 di Android 14 (a proposito, nella serata di ieri è arrivata la beta 3.1 come patch correttiva).

Non temete se sul vostro smartphone (compatibile e aggiornato) non sia ancora arrivata la funzionalità: oltre all’aggiornamento software, per funzionare, gli sfondi emoji necessitano dell’aggiornamento di una nuova app pubblicata qualche giorno fa sul Google Play Store e chiamata “Emoji Workshop Wallpaper” (potete raggiungere la pagina dell’app tramite il badge sottostante).

Nel caso in cui il link vi apra la pagina sullo store ufficiale e sia visibile il tasto “aggiorna”, procedete con l’aggiornamento e, terminata la procedura, riavviate il vostro dispositivo.

Se invece il badge dovesse rimandarvi a una pagina d’errore o vi apra la pagina ma non vi segnali la presenza di un aggiornamento (e avete verificato di non avere già la funzionalità in “Sfondo e stile”), sarà il segnale che la funzionalità non è ancora stata rilasciata per il vostro dispositivo (ribadiamo che il rilascio avviene in fase graduale). A quel punto avrete due possibilità: attendere la ricezione dell’aggiornamento o procedere con l’installazione manuale del pacchetto APK (scaricabile tramite questo link).

Arriveranno su altri smartphone?

Quando Google ha annunciato gli sfondi emoji, gli sfondi cinematografici e gli sfondi generati dall’intelligenza artificiale, le parole esatte riportate nel comunicato parlavano di funzionalità che “arriveranno inizialmente sui dispositivi Pixel”.

C’è, pertanto, la possibilità che queste funzionalità vengano prima o poi implementate anche da altri produttori di smartphone Android ma non conosciamo le tempistiche affinché ciò possa avvenire (e non abbiamo nemmeno conferme sul fatto che ciò possa effettivamente avvenire).

Come si usano gli sfondi emoji?

Archiviati tutti i discorsi preliminari del caso, passiamo all’ultima parte di questo articolo, quella che parla di come utilizzare gli sfondi emoji su uno smartphone Google Pixel compatibile.

Per impostare uno sfondo emoji vi basterà seguire il percorso “Impostazioni > Sfondo e stile > Cambia sfondo > Workshop sulle emoji”. A questo punto potrete cominciare a personalizzare il vostro sfondo emoji o, in alternativa, effettuare un tap su “Randomizza” e sarà il servizio a proporvi una combinazione casuale di emoji, colori e disposizione.

Come anticipato poco sopra, potrete selezionare un massimo di quattordici emoji (sia diverse che doppioni) tra un set composto da oltre 4000 emoji diverse. Passando alle fantasie, quelle attualmente disponibili sono cinque (Mosaico, Loto, Impilati, Sparsi e Prisma) che dispongono le emoji in maniera differente all’interno dello sfondo. Infine, vi sono venti coppie differenti di colori che pervaderanno lo sfondo e la sagoma dell’emoji stessa.

Una volta che avrete finito il processo di personalizzazione, sarà necessario effettuare un tap sul pulsante con la spunta (in alto a destra) per completare la creazione dello sfondo. Adesso vi verrà proposta la schermata di “Anteprima” che, come di consueto, vi permetterà di vedere come apparirà lo sfondo se impostato sulla schermata di blocco o sulla schermata iniziale. A quel punto, basterà effettuare un tap su “Imposta sfondo” e scegliere se impostarlo sulla “Schermata Home” o sulle “Schermata Home e di blocco”.

Rientrando all’interno del “Workshop sulle emoji”, adesso vi comparirà lo sfondo emoji creato in precedenza. Premendo sul pulsante “+” sarà possibile ricominciare il processo di creazione. Terminata la creazione di un secondo sfondo, avrete la possibilità di modificarlo o eliminarlo (a questo punto potrete anche eliminare il primo che avete creato, dato che quando ne viene creato solo uno è impossibile eliminarlo).

Oltre ai pulsanti per eliminare o modificare uno sfondo emoji, vi sono altri tre pulsanti nella schermata in cui è possibile impostarlo come sfondo del dispositivo: il terzo della lista consente di abilitare lo “Sfondo animato(potete apprezzare l’animazione nel video di esempio riportato poco sotto).

Il quarto consente di condividere lo sfondo creato con i vostri amici o sui social (tramite il foglio di condivisione di Android); il quinto è il pulsante delle informazioni (cliccandolo, esce fuori la dicitura “Il tuo sfondo di emoji” ed è presente un link denominato “Avvisi di terze parti” che rimanda a una pagina contenente tutte le licenze coinvolte per la realizzazione e la fruizione della funzionalità).

Sfondi emoji Google Pixel - demo sfondo animato

Siamo alla fine: questo era tutto ciò che c’è da sapere sugli sfondi emoji, la più recente novità in ambito personalizzazione rilasciata da Google solo pochi giorni fa su tutti gli smartphone ancora ufficialmente supportati della gamma Pixel.

Potrebbero interessarti anche: Android 14 fa “all in” in ambito personalizzazione con la beta 3 e Recensione Google Pixel 7 Pro: lo smartphone premium da prendere senza fare un mutuo