samsung gallaxy s20 s20+ ultra immagini prezzo

Del terzetto che Samsung lancerà a inizio 2020, Samsung Galaxy S20 è il più piccolino e quello che dovrebbe arrivare con qualche compromesso in più rispetto ai suoi fratelloni Samsung Galaxy S20+ e Samsung Galaxy S20 Ultra. Le carte in regola per rimanere nella ristretta cerchia dei flagship ce le dovrebbe avere tutte lo stesso, ma come ci insegna l’esperienza, si tratta di uno smartphone Android che potrebbe avere qualcosina in meno da offrire. Le indiscrezioni ce ne hanno già parlato abbastanza per poter mettere giù un quadro chiaro e verosimile di un prodotto che promette bene con chicche quali un display AMOLED da 6,2 pollici, un comparto fotografico curato e un’autonomia niente male grazie alla presunta presenza di una batteria più capiente rispetto al predecessore. Ma bando alle ciance e vediamo tutto quello che c’è da sapere su Samsung Galaxy S20.

Caratteristiche tecniche di Samsung Galaxy S20

Il più piccolino del terzetto che debutterà l’11 febbraio si chiama Samsung Galaxy S20, uno smartphone Android che nel suo precedente modello è stato particolarmente apprezzato perché sposa un concetto che in questi ultimi tempi fatica a trovare spazio: e cioè offrire un dispositivo con caratteristiche al vertice ma dalle dimensioni contenute. Forte del successo dell’esperimento tentato nel 2019, Samsung riproporrà perciò un Galaxy S11 più piccolo, ma solo nelle dimensioni. A bordo ci aspettiamo di trovare pressoché il medesimo hardware, con qualche rinuncia sul comparto fotografico e poco altro.

E proprio in questo settore, c’è da dire che le indiscrezioni parlano anche per lui della presenza di sensore principale Sony IMX555 da 12 megapixel con pixel da 1,8 micron, affiancato a un sensore secondario Samsung ISOCell S5KGW2 da 64 megapixel, probabilmente per lo zoom ottico 3x (con digitale fino a 30x), e un terzo sensore grandangolare Samsung ISOCell S5K2LA da 12 megapixel. Davanti, dovremmo comunque trovare una fotocamera singola da 1o megapixel, con sensore Sony IMX375 e pixel da 1,22 micron.

Comunque, a parte questo e il display più piccino, di tipo AMOLED con 6,2 pollici di diagonale, con le stesse caratteristiche dei modelli più grandi: la frequenza d’aggiornamento a 120 Hz, una risoluzione WQHD+ (3200 x 1440 pixel), una densità di 563 ppi e un fattore di forma 20:9, con tanto di foro centrale (Infinity-O-Display). A bordo c’è il medesimo chipset, Exynos 990 e un simile quantitativo di memoria, cioè da 8 a 12 GB di RAM LPDDR5 e da 128 a 512 GB di spazio d’archiviazione interno, di tipo UFS 3.0, espandibile fino a 1 TB tramite schede microSD.

Questione sensori e connettività, Samsung Galaxy S20 dovrebbe disporre di una nutrita lista con tutto il necessario per dormire sonni tranquilli (tranne l’entrata jack audio da 3,5 mm) con tanto di supporto alle reti 5G (per la versione relativa), fra le altre, WiFi 802.11 ac dual band, Bluetooth 5.0, USB C, NFC, doppio speaker stereo by AKG un sensore per le impronte digitali sotto schermo e via dicendo. La batteria, viste le dimensioni dello schermo, sarebbe di 4.000 mAh secondo quanto emers.

Software e funzioni di Samsung Galaxy S20

Samsung Galaxy S20, come i suoi fratelloni, arriverà sul mercato con Android 10 e tutte le novità correlate, ve ne abbiamo parlato qui in un nostro video putacaso vi fosse sfuggito. L’interfaccia grafica è una personalizzazione piuttosto spinta della versione stock di Android, e come noto si tratta di un aggiornamento della Samsung One UI, la One UI 2.0. Qui potete trovarne un assaggio, sia testuale che video.

Comunque, basti sapere che si tratta di una personalizzazione particolarmente ricca di funzioni e assai curata esteticamente con ottimizzazioni rispetto alla versione precedente che vanno dalla gestione delle app in background, alla Dark Mode, passando per le funzioni a una mano, alla nuova messaggistica con tanto di video chiamate, alla funzione funzione Quick Share per condividere file in prossimità di grandi dimensioni e per il software fotografico, uno dei malcelati obiettivi di Samsung coi nuovi S20. Già si parla della presenza di un parco di funzioni rinnovato con feature come la registrazione video in 8K a 30 fps dietro, in 4K a 60 fps davanti, “Single Take Photo” per brevi video e foto a catturare una scena, una nuova modalità Pro per i video oltre a “Data timing” e “Directors Cut” per mettere a fuoco un soggetto e seguirlo (anche con un microfono direzionale per concertrare l’audio nella parte zoomata) oltre ad altre funzioni per i selfie come “Smart Selfie Angle” e “Single Take Photo”.

Design di Samsung Galaxy S20

Dal punto di vista estetico, Samsung Galaxy S20 non è poi così tanto diverso dai suoi compari più grossi, fuorché per le dimensioni, che considerando l’ottimizzazione degli spazi, migliorata rispetto a Samsung Galaxy S10e, lo rende l’unico tascabile del trio. Fra le novità ci aspettiamo uno schermo con un foro centrale, piatto (cioè con la sola curvatura 2,5D classica) e un retro in cui spicca un modulo rettangolare posto in alto a sinistra a contenere le tre fotocamere posteriori. Per il resto, la costruzione dovrebbe essere la solita, vetro e alluminio per un design curato ed elegante come da tradizione. Queste le sue presunte dimensioni: 152 mm di altezza, 68 mm di larghezza e 7,9 mm di spessore per un peso di 164 grammi.

Immagini di Samsung Galaxy S20

Prezzo e uscita di Samsung Galaxy S20

Samsung Galaxy S20 esordirà l’11 febbraio 2020 in occasione del Samsung Galaxy Unpacked con il lancio sul mercato europeo previsto per il 13 marzo. Sarebbero tre le colorazioni (rosa, grigio e blu, e un leggero rincaro dei prezzi rispetto al modello precedente, per un listino che dovrebbe da 929 euro per la versione 4G e da 1029 euro per la versione 5G, nelle configurazioni di memoria di base.