OnePlus 7 rappresenta probabilmente la sfida più complessa che i CEO Carl Pei e Pete Lau abbiano affrontato durante la loro giovane esperienza nel mondo smartphone. Con i OnePlus 6T e 6, l’azienda ha alzato ulteriormente l’asticella pur mantenendo un listino inferiore rispetto alla maggior parte dei competitor, e il 2019 – in cui saranno lanciati sia OnePlus 7 che OnePlus 7T – non sarà un anno semplice per nessuno.

A detta degli analisti, i numeri del 2019 continueranno ad essere preceduti dal segno meno per quanto riguarda le vendite e per di più sarà l’anno del debutto delle reti di quinta generazione (5G). Per cui la ex start up cinese, se vuole continuare a crescere, dovrà dimostrare la maturità adatta per muoversi tra le spine.

Possibile che OnePlus 7, quindi, possa essere un top di gamma dai pochissimi compromessi. Cerchiamo di ricostruire insieme l’identikit tracciato dalle indiscrezioni.


Caratteristiche tecniche di OnePlus 7

Come ogni OnePlus che si rispetti, un aspetto tecnico è più certo di altri: l’utilizzo della più recente e prestante Mobile Platform di Qualcomm, che in questo caso sarà Snapdragon 855 realizzata a 7 nanometri. La sua CPU octa core è suddivisa in tre nuclei con quattro core votati all’efficienza, tre per i carichi medi e uno per le operazioni più gravose. Di gestire la grafica si occuperà la GPU Adreno 640. Insieme, dice l’azienda americana leader del settore, raggiungeranno performance migliori del 45% rispetto al predecessore.

L’ultimo prodigio di Qualcomm è capace di agganciare le reti 5G qualora i progettisti decidessero di adottare il modem Snapdragon X50 invece dell’X24 di default, ma pare abbastanza certo che non sarà il caso di OnePlus 7. L’azienda, infatti, lancerà nel corso dell’anno un’inedita famiglia di smartphone 5G con una dotazione tecnica ad hoc per supportare a dovere le elevate richieste energetiche delle nuove reti, mentre il successore di OnePlus 6T farà affidamento sulla rodata tecnologia 4G.

È altamente probabile che OnePlus 7 possa offrire fino a 10 GB di RAM, un quantitativo sì elevato ma che non deve sorprendere dal momento che è stato sdoganato da OnePlus 6T McLaren Edition. La memoria interna potrebbe partire ancora una volta da un taglio “base” da 128 GB, ma anche in questo caso OnePlus potrebbe alzare l’asticella arrivando a toccare, nella configurazione top, i 512 GB. Tanti, ma a qualcuno potrebbero far comodo alla luce del fatto che nessun OnePlus è dotato di memoria espandibile e neppure OnePlus 7 dovrebbe fare eccezione. Pare abbastanza probabile, comunque, che saranno adottate memorie UFS 3.0.

Per quanto riguarda le fotocamere, rumor recenti indicano l’impiego di tre sensori sul posteriore con la classica fotocamera singola sul fronte, ma questo è uno snodo cruciale che affronteremo nel macro argomento successivo. Dietro quindi a detta di “cacciatori” del calibro di OnLeaks, OnePlus 7 dovrebbe fare affidamento su tre fotocamere, la cui composizione tuttavia è ancora ignota. A queste dovrebbe aggiungersi un sensore ad infrarossi che velocizzerebbe l’autofocus.

Sulla batteria non dovrebbero esserci grossi passi in avanti. Sei mesi, quelli che separano OnePlus 7 da 6T, sono pochi per attenersi novità da una tecnologia stagnante da anni, per cui, fatto fuori da 6T l’ingresso per il jack audio da 3,5 mm, a meno di un aumento dello spessore, la capacità dovrebbe rimanere stabile intorno ai 3.700 mAh. Ci si attendono novità invece sul fronte della ricarica rapida: i 20 watt attuali dovrebbero diventare 30 (5 volt e 6 ampere), forse anche 40.

Non arrivano buone notizie sul fronte della ricarica wireless: è di Carl Pei, CEO di OnePlus, l’ammissione che mancherà anche dalla dotazione di OnePlus 7 per le note questioni legate all’immaturità della tecnologia. Per OnePlus, la ricarica senza fili è meno prestante e sicura di quella cablata, ragion per cui non verrà fatto alcuno sforzo per implementarla sul prossimo top di gamma.

Design di OnePlus 7

In linea di massima i designer che hanno lavorato sul progetto OnePlus 7 non sono partiti dal classico foglio bianco: le linee del nuovo flagship saranno un’evoluzione di quelle viste negli ultimi tempi, con qualche novità.

Appare quasi certo che la principale risiederà nell’abbandono del notch, che già era stato ridimensionato nel passaggio da OnePlus 6 a 6T. La fotocamera anteriore apparirà all’occorrenza dall’interno della scocca grazie ad un motorino; una soluzione simile a quella già vista da alcuni dispositivi di Vivo (che con OnePlus è imparentata) che permetterà di avere una superficie frontale a tutto schermo e che di contro si tradurrà nell’impossibilità di ottenere una qualsiasi certificazione IP contro polvere e liquidi. Questa ipotesi è sostenuta da leaker di spessore come OnLeaks e da alcune aziende di cover che hanno iniziato a progettare le loro con un foro che lascerebbe lo spazio necessario a venir fuori alla fotocamera anteriore a scomparsa.

Per quanto riguarda le dimensioni ed il display, che con ogni probabilità continuerà ad essere un AMOLED prodotto da Samsung, non ci si attendono rivoluzioni: i 6,41 pollici del predecessore sono abbastanza e dovrebbero rimanere pressoché inalterati. La presenza allo stand OnePlus del Mobile World Congress 2019 di alcuni prototipi di smartphone 5G con rapporto di forma 21:9 ha fatto sorgere in alcuni il dubbio che OnePlus 7 possa essere più stretto e allungato di OnePlus 6T e compagnia.

Confermatissimo il lettore di impronte digitali nel display denominato Screen Unlock: possibile che venga evoluto per essere più rapido e preciso, che significherebbe abbandonare il riconoscimento ottico in favore di quello ultrasonico.

Software di OnePlus 7

Anche in questo caso, come per il processore, i dubbi stanno a zero: OnePlus 7 farà affidamento sulla OxygenOS, una delle personalizzazioni di Android più apprezzate in assoluto. Difficile dire a distanza di parecchi mesi quali evoluzioni riguarderanno il nuovo top di gamma, ma osservando il gran lavoro svolto su OnePlus 6T c’è da stare tranquilli: la OxygenOS di OnePlus 7 sarà il solito firmware fast and smooth, rapido e fluido.

Non rimane che attendere le interviste dei CEO che arriveranno di sicuro nel corso dei mesi, in passato foriere di parecchie anticipazioni.

Immagini di OnePlus 7

Prezzo e uscita di OnePlus 7

Questo è uno degli argomenti più cari agli aficionados di OnePlus: quanto costerà il prossimo smartphone? Crediamo che la filosofia del top di gamma ad un prezzo “umano” non subirà variazioni, ma è impossibile dire se OnePlus 7 costerà più del predecessore. In passato il prezzo della variante T è stato spesso confermato sul primo flagship dell’anno successivo, ma se dovessero arrivare novità sostanziose non è da escludere un piccolo ritocco verso l’alto.

OnePlus 7 dovrebbe arrivare a maggio 2019, ma va messo in conto un piccolo ritardo (un mese?) dovuto al lancio dello smartphone 5G. Prendono quota le ipotesi secondo cui insieme al top di gamma OnePlus lancerà i primi auricolari true wireless della sua giovane storia. Piano con l’immaginazione: le possibilità che siano nella confezione di OnePlus 7 sono quasi nulle.