Huawei P40 Pro con quattro fotocamere

Grosse aspettative per Huawei P40 Pro che dovrà ripartire dall’ottimo successo registrato dal modello precedente, col fardello del dubbio sulla presenza di Android 10 e con l’eventualità HarmonyOS per il mercato cinese. Lo stesso colosso cinese guarda da vicino il susseguirsi degli eventi e molto dipenderà dalla posizione degli Stati Uniti. Ma per il momento concentriamoci soltanto sullo smartphone in generale, uno smartphone che promette di far faville per la qualità delle fotografie e rivoluzioni in campo estetico. Ma riassumiamone tutte le anticipazioni su caratteristiche tecniche e funzionalità software, con qualche accenno sul design e sul prezzo. E allora bando alle ciance e scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su Huawei P40 Pro.

Caratteristiche tecniche di Huawei P40 Pro

In base a quanto emerso, difficile che aspetto e composizione hardware di base riprenda quella di Huawei P30 Pro.. Partiamo ad esempio dal display, di tipo AMOLED, che dovrebbe essere superiore ai 6.5 pollici, senza notch, quindi a tutto schermo, un refresh rate a 90 Hz e soprattutto con un design a pillola, con non due ma quattro bordi arrotondati.

Il SoC a bordo sarà senza dubbio l’HiSilicon Kirin 990 che abbiamo visto già su Huawei Mate 30 Pro, che punta forte sull’intelligenza artificiale con una NPU con triple core dotata di una CPU octa core a 2,86 GHz e una GPU ARM Mali G76 MP16.  Ad affiancarla almeno 8 GB di RAM e una memoria interna minima di 128 GB, di tipo UFS 3.0, probabilmente espandibile tramite schede microSD.

Più che probabile la presenza di una quadrupla fotocamera sul retro di Huawei P40 Pro, forse corredata di un sensore Sony IMX708 che, con la tecnologia RYYB, garantirebbe la solita resa ottima per gli scatti con scarse condizioni di luce. Secondo quanto emerso la principale sarebbe una fotocamera da 52 megapixel con apertura f/1.3 con sensore 1/1.3″ affiancata a un sensore 1/1.5″ grandangolare da 40 megapixel e a un teleobiettivo con zoom 3x da 8 megapixel. Fin qui la dotazione sarebbe la stessa di P40, fuorché per il sensore periscopico, con zoom ottico 5x con il plus del ToF 3D per l’effetto bokeh. Davanti, emerge l’ipotesi doppio sensore ma non abbiamo ancora specifiche al riguardo.

Lato sensori e connettività Huawei P40 Pro dovrebbe accontentare tutti con una dotazione ricca e completa di tutto il necessario per affrontare l’anno del 5G. Il SoC d’altronde è già predisposto, come sappiamo, e oltre a questo è verosimile pensare a un contorno con Wi-Fi 802.11 ac dual band, slot per due SIM, Bluetooth 5.0, GPS a doppia frequenza, GLONASS, Beidou, un sensore per le impronte digitali sotto schermo, una presa USB di tipo C e via dicendo. Lato autonomia, spuntano numeri importanti dalle ultime voci trapelate che puntano su una batteria al grafene da 5.000 mAh che garantirebbe uno 0-100 in appena 45 minuti.

Design di Huawei P40 Pro

Lato design, Huawei P40 Pro sarebbe piuttosto rivoluzionario. Non ne abbiamo la certezza, ma i render trapelati mostrano un dispositivo con un display a pillola, cioè con la curvatura su ben quattro bordi e un modulo fotocamere posteriore rettangolare, sporgente e piuttosto grosso a contenere tutto quel ben di Dio emerso finora. Comunque, quel che è certo è che Huawei P40 Pro sarà un dispositivo curato esteticamente, probabilmente con qualche chicca stilistica mutuata anche dal suo sodale Mate 30 Pro, ma non certo il display a cascata vista la presenza di pulsanti fisici (per fortuna). Riguardo alle dimensioni è legittimo pensare che anche lui seguirà le tendenze attuali, specie visti i numeri impressionanti relativi alla capacità della batteria.

Software e funzioni di Huawei P40 Pro

Come anticipato, molto dipenderà dalla posizione di Huawei nei confronti di Google e, più in generale, con il governo americano. Se proseguirà il braccio di ferro allora si potrebbe trovare a bordo Android 10 privato dei servizi di Google come Mate 30 Pro, magari con HarmonyOS riservato ai modelli venduti in Cina. Per il resto dovrebbe esserci la gestione evoluta della quadrupla fotocamera con le funzioni della EMUI 10, magari equipaggiate con un sovrappiù di app proprietarie e servizi dedicati, vista la situazione.

Immagini di Huawei P40 Pro

Prezzo e uscita di Huawei P40 Pro

Probabile che non cambierà di molto il prezzo di partenza di Huawei P40 Pro rispetto alla generazione precedente. Difficile pensare a cifre inferiori ai 1.000 euro per la versione base, ma al momento tutto tace, anche perché non è detto che arrivi sul mercato europeo e se arriverà non sarà prima della fine di marzo 2020, secondo quanto comunicato da Richard Yu.