Questo sito contribuisce alla audience di

Android One, tutto ciò che dovete sapere: cos'è, come funziona, smartphone compatibili

Android One è un progetto presentato durante il Google I/O del 2014, principalmente destinato – almeno all’inizio – ai mercati emergenti e in via di sviluppo. Lo scopo primario è quello di commercializzare smartphone di fascia bassa/media (ma non solo viste le ultime novità) con Android stock e aggiornamenti rapidi e garantiti più a lungo del solito. Il debutto di Android One è avvenuto in Paesi come India, Pakistan, Bangladesh, Nepal, Indonesia, Filippine, Sri Lanka e Myanmar, ma è in continua espansione (come vedremo più avanti).

Caratteristiche di Android One

La principale caratteristica dei dispositivi Android One riguarda gli aggiornamenti software: come detto, gli smartphone facenti parte del progetto dispongono di Android stock e ricevono update più rapidamente. La pagina dedicata sul sito di Google sostiene che possono essere necessarie fino a due settimane prima che i nuovi firmware siano resi disponibili, tempistiche assolutamente più rapide rispetto a quanto siamo abituati a vedere con OEM “esterni”.

Tutti i partner si impegnano a fornire aggiornamenti per almeno 18 mesi dal lancio del telefono, con almeno una nuova major release e molti update minori, compresi quelli che includono le patch di sicurezza più recenti; non arriviamo esattamente al supporto Nexus e Pixel (24 mesi per le versioni Android), ma non siamo troppo distanti (considerando anche l’hardware), almeno per velocità.

Android One, dalla nascita all’arrivo in Italia

Inizialmente, nel 2014, i partner del progetto erano solo Micromax, Spice e Karbonn, con l’aggiunta, nel 2015, di Mito Impact, Evercoss e Nexian, che hanno commercializzato la seconda generazione di dispositivi Android One, dotati di Android 5.0 Lollipop.

Col tempo si sono aggiunti diversi altri marchi (decisamente poco conosciuti in Italia) in sempre più Paesi, come Egitto, Ghana, Costa d’Avorio, Marocco, Kenia, Cameroon, Uganda, etc. etc., e dal 2016 il progetto ha iniziato a espandersi in mercati più “importanti” come il Giappone (Sharp 507SH), fino ad arrivare anche in Italia nel giugno 2017 grazie a General Mobile.

Android One ha debuttato in Italia con General Mobile 6 e 5 Plus: entrambi gli smartphone sono acquistabili sul sito ufficiale del produttore e possono contare sul suddetto supporto software. L’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo è già stato confermato dal produttore ed è arrivato a dicembre su GM 6.

Smartphone Android One

La famiglia Android One si è allargata col tempo, anche se naturalmente diversi dispositivi hanno esaurito il periodo di supporto. Attualmente gli smartphone Android One disponibili (o in arrivo a breve) sono:

In Italia risultano acquistabili Xiaomi Mi A1 (dopo l’arrivo ufficiale di Xiaomi nel nostro Paese), General Mobile 6, 5 Plus (in arrivo General Mobile 8) e presto la nuova gamma Nokia: al MWC 2018 HMD Global ha infatti annunciato che ogni nuovo smartphone Nokia che arriverà sul mercato sarà un Android One; anche BQ Aquaris X2 e X2 Pro dovrebbero essere commercializzati in Italia.

E Android Go? Differenze

Android Go è stato presentato durante il Google I/O 2017, arriverà nel corso del 2018, ed è una versione di Android ottimizzata per gli smartphone economici; l’obiettivo è quello di fornire un’esperienza d’uso ottimale anche su hardware di basso livello, con 512 MB/1 GB di RAM. Android One e Android Go non sono la stessa cosa: il primo può contare su Android stock, senza alcun tipo di limitazione da questo punto di vista, il secondo include un OS più “limitato”, con applicazioni “lite” ottimizzate per funzionare sulla fascia molto bassa; queste, che includeranno ad esempio YouTube, Chrome e Gboard, avranno una sezione dedicata sul Play Store.

Quale futuro per Android One?

Il progetto Android One è partito un po’, come si suol dire, “in sordina”, e fino a non molto tempo fa sembrava non essere riuscito ad avere molto successo e conquistare il grande pubblico. Recentemente però, grazie anche a partner come Xiaomi, HTC e Nokia, il progetto sembra essere pronto per spiccare definitivamente il volo, data soprattutto la disponibilità, finalmente più ampia: se ciò avverrà sarà solamente il tempo a dircelo, ma la strada potrebbe essere quella giusta.

Notizie su Android One

Top