Qual è il miglior operatore telefonico italiano?

Qual è il miglior operatore telefonico italiano?
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/MigliorOperatore_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/MigliorOperatore_tta-460x258.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/MigliorOperatore_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/MigliorOperatore_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/06\/MigliorOperatore_tta.jpg"}, "title": "Qual \u00e8 il miglior operatore telefonico italiano?" }

La scelta dell’operatore telefonico mobile è spesso fonte di dubbi e indecisioni per molti di noi. Abbiamo quindi deciso di condurre un’indagine approfondita per cercare di fare chiarezza e di stabilire, analizzando diversi parametri, quale sia il miglior operatore telefonico italiano. Sarete inoltre voi a votare, tramite il sondaggio a fine articolo, il gestore che uscirà vincitore dal confronto.

In questo articolo esamineremo nel dettaglio i “big four”, ovvero TIM, Tre Italia, Vodafone e Wind, la new entry Iliad e spenderemo qualche parola anche per gli operatori virtuali più interessanti, ovvero Coopvoce, Fastweb, PostemobileKena Mobile.

La premessa è che il risultato non sarà una sentenza inappellabile, ma cercherà di stabilire a quali categorie di persone è più adatto ogni singolo operatore telefonico.

Verranno utilizzati tre parametri per valutare le performance e stabilire quindi quale sia il miglior operatore telefonico italiano: la storia e la situazione attuale, la copertura della rete e le tariffe proposte. Inseriremo inoltre pro e contro e anche una sezione in cui indicheremo le tipologie di utenti secondo noi più adatte a sottoscrivere un contratto con il singolo operatore.

Cominciamo dalle quattro principali compagnie, presentate in ordine alfabetico.

TIM

Era il primo miglior operatore telefonico italiano per numero di clienti e per anzianità di servizio: attivo dal 1995, conta 30 milioni di SIM attive*, con la fusione tra Wind e Tre lo scettro è passato alla nuova joint venture. Fattura oltre 14 miliardi di euro l’anno.

Pro e Contro: a favore di TIM ci sono sicuramente la buona ricezione del segnale in tutta Italia, l’alta velocità di connessione e le infrastrutture che possiede. A sfavore dell’azienda abbiamo riscontrato un unico neo: in alcune (poche) zone del Belpaese, specialmente nei paesi di provincia e di montagna, il segnale risulta assente, con grande disappunto degli utilizzatori. Potete scoprire da quali servizi e tecnologia TIM è coperta la vostra zona attraverso lo strumento dedicato sul sito dell’operatore.

A CHI CONSIGLIAMO TIM: sicuramente ai giovani, che grazie alla tariffa Young possono navigare in tranquillità, senza preoccuparsi di consumare traffico (non sono però incluse le chiamate). Chi viaggia spesso per lavoro potrebbe essere allettato dalla Special Unlimited che permette anche le chiamate all’estero. Da evidenziare anche la tariffa per i meno giovani, che propone un pacchetto abbastanza completo (a patto di non navigare troppo su rete mobile).

Potete scoprire tutte le offerte TIM vistando la nostra pagina dedicata alle migliori offerte TIM.

TRE ITALIA

TRE_logo2_tta

Fondata nel 1999, nel 2000 il gruppo cinese Hutchinson Whampoa ne acquista l’80% diventandone azionista di maggioranza e cambiandone il nome in H3G Italia. Nel giugno 2015 è stata annunciata la fusione paritetica con Wind Telecomunicazioni, ma da allora ci sono stati diversi sviluppi che ne hanno messo a repentaglio la fattibilità. La fusione con Wind, che ha portato alla nascita di una joint venture, è diventata realtà a fine 2016.Vanta 10 milioni di SIM attive* e fattura circa un miliardo e mezzo di euro l’anno.

Pro e Contro: i prezzi sono decisamente vantaggiosi rispetto alla concorrenza, soprattutto se si considerano le offerte in abbonamento (CC o carta di credito). Inoltre non va trascurata la possibilità di abbinare uno smartphone al proprio piano tariffario, con opzione per cambiarlo ogni anno (con i piani FREE). Di contro non si può ignorare che la copertura della rete 4G è inferiore ai concorrenti (circa il 60% della popolazione italiana viene raggiunta da questa tecnologia al momento) e che potrebbero esservi attivate fastidiose “offerte” via SMS. Segnaliamo anche che i GB di traffico delle tariffe sono soggetti a soglie settimanali, che non potranno essere sforate. Potete scoprire da quali servizi e tecnologia H3G è coperta la vostra zona attraverso lo strumento dedicato sul sito dell’operatore.

A CHI CONSIGLIAMO TRE: se vivete in una grande città coperta dal 4G e avete necessità di effettuare spesso chiamate, allora Tre Italia potrebbe soddisfare le vostre esigenze. Al contrario, se vivete in zone non raggiunte dal segnale o comunque in cui il segnale va e viene, forse vi converrebbe orientarvi su un altro operatore telefonico. Sconsigliato agli anziani e alle persone con scarsa praticità tecnologica (sempre per il discorso delle “offerte”).

Potete scoprire le più interessanti offerte Tre visitando la nostra pagina dedicata alle offerte Tre.

VODAFONE

Vodafone_logo_tta

Vodafone nasce nel 1994 con il nome Pronto Omnitel Spa. Nel corso degli anni ha cambiato nome prima in Vodafone-Omnitel e infine in Vodafone. Nell’ultimo periodo si è contraddistinta in particolare per i servizi di rete fissa, con l’introduzione della FTTH (fiber to the home) a 500 mbps in alcune città italiane come Milano, Bologna e Torino, nonché per aver lanciato, per prima in Italia, il servizio di chiamate VoLTE (Voice over LTE). Il suo fatturato è di oltre 5 miliardi di euro e vanta quasi 25 milioni di SIM attive* in Italia.

Pro e Contro: Vodafone garantisce un servizio quasi perfetto, con ottima ricezione, velocità del 4G più alta rispetto ai concorrenti e copertura quasi ovunque. La Rete Veloce 4G di Vodafone è stata riconosciuta come la migliore rete mobile in Italia dall’Istituto tedesco di Qualità e Finanza e dalla società di ricerca P3 Communications.
Di contro i suoi prezzi sono spesso al di sopra di quanto richiesto dalle compagnie rivali. L’utente più attento noterà anche alcuni aspetti che risultano quantomeno fastidiosi: a differenza dei concorrenti, l’hotspot non è sempre gratuito (lo è ad esempio con Vodafone Exclusive), e in caso di consumo del traffico dati prima della scadenza, la connessione sarà bloccata (e non rallentata) fino al rinnovo della promozione. Potete scoprire da quali servizi e tecnologia Vodafone è coperta la vostra zona attraverso lo strumento dedicato sul sito dell’operatore.

A CHI CONSIGLIAMO VODAFONE: per la qualità del servizio e per i prezzi, consigliamo questo operatore telefonico a chi può permettersi di spendere. Interessante comunque anche la tariffa Under 30 con Vodafone Shake che permette di non rimanere senza dati, minuti e sms.

Potete scoprire tutte le offerte Vodafone visitando la nostra pagina dedicata alle migliori offerte Vodafone.

WIND

WIND_LOGO2_tta

Terzo miglior operatore telefonico mobile dopo TIM e Vodafone, Wind vanta circa 21 milioni di SIM attive*. Nata nel 1996, è passata in successione sotto proprietà italiane (Enel) ed egiziane (Orascom). Attualmente la proprietà è la russa VimpelCom. Wind Telecomunicazioni fattura circa 4 miliardi e mezzo di euro l’anno. Da dicembre 2016 si è fusa in una joint venture con Tre, anche se le due compagnie continuano a presentare offerte separate.

A CHI CONSIGLIAMO WIND: se volete spendere poco e navigare a piacimento, non potrete non pensare alla tariffa All Digital, a patto di risiedere in una zona ben servita da Wind. Il cliente ideale di questo operatore telefonico potrebbe essere lo studente universitario di una grande città che ha bisogno di utilizzare il proprio laptop con una connessione hotspot. Se riuscirà a convincere 4 amici a passare a Wind potrebbe raggiungere la quota di 10 GB a 10€ ogni 28 giorni. Non male, vero?

Potete scoprire tutte le offerte Wind visitando la nostra pagina dedicata alle migliori offerte Wind.

Iliad

L’ultimo arrivato nella telefonia mobile italiana è Iliad, che ha fatto il proprio debutto a fine maggio 2018, con un’unica offerta. Come promesso di stratta di un’offerta aggressiva, sulla carta molto semplice, priva di costi nascosti e servizi a pagamento.

Il gruppo francese fa proprio della trasparenza e della semplicità delle offerte il proprio cavallo di battaglia. In Francia in pochi anni è riuscito a ricavarsi una importante fetta di mercato. In Italia ha preso il posto lasciato libero dalla fusione fra Tre e Wind, avvenuta a fine 2016.

La situazione è in costante evoluzione, e inizialmente la copertura è data dalle sole antenne Wind/Tre, viste alcune difficoltà legate all’attivazione dei siti dismessi dai due operatori. La copertura è in fase di miglioramento via via che vengono accesi i ripetitori e che il segnale viene potenziato.

La copertura indicata sul sito, almeno inizialmente non è particolarmente attendibile e va verificata in loco viste le molte differenze tra una zona e l’altra.

A CHI CONSIGLIAMO ILIAD

Indubbiamente Iliad è indicata per quegli utenti che vogliono una tariffa semplice, con tutti i servizi inclusi nel costo mensile, tariffe semplici e chiare, senza alcuna voce in piccolo che solitamente porta a sorprese più o meno sgradite. Per contro va messo in preventivo, almeno nella prima fase di operatività dell’operatore, qualche disagio e una copertura non sempre omogenea del segnale.

Trovate tutte le novità su Iliad visitando la nostra pagina dedicata, mentre a questo indirizzo potete seguire l’evoluzione dell’offerta mobile Iliad.

OPERATORI VIRTUALI

COOPVOCE_logo2_tta

Un operatore virtuale è un operatore telefonico che sfrutta le infrastrutture di uno dei quattro “grandi” per erogare il proprio servizio. In Italia ce ne sono diversi, noi vi segnaliamo Coopvoce, Fastweb e Postemobile. Le prime due si appoggiano a TIM, mentre Postemobile viaggiava su rete Vodafone (le nuove SIM da oltre un anno invece su rete Wind).
Non  va dimenticato Kena Mobile, l’operatore virtuale di TIM, che ha iniziato a operare esclusivamente su 3G ma che da settembre 2018 opera anche in 4G, sempre sulla rete dell’operatore blu.

POSTEMOBILE_logo2_tta

Prima di passare alle conclusioni avrete notato che abbiamo presentato solo alcune delle tariffe disponibili: per tutti i dettagli visitate il nostro articolo specifico e i siti ufficiali delle compagnie aggiornato di mese in mese.

CONCLUSIONI

Dal confronto non emerge un vincitore indiscusso, ma soltanto concorrenti più o meno adatti a soddisfare le esigenze del singolo cliente. Il consiglio che possiamo darvi, oltre a quelli già dispensati per ogni gestore, è di informarvi sempre il più possibile: spesso le aziende telefoniche indicono promozioni a tempo, attivabili solo in determinati periodi, che noi puntualmente vi segnaliamo su TuttoAndroid.net e sui social. Inoltre bisogna tenere conto delle winback, ovvero delle promo ad personam che vengono proposte agli ex clienti: di solito sono molto vantaggiose.

Tutte le promozioni e iniziative dei singoli operatori le trovate di giorno in giorno nelle nostre pagine dedicate:

SONDAGGIO

Adesso però lasciamo a voi la parola: qual è il miglior operatore telefonico italiano? esprimete la vostra preferenza nel sondaggio sottostante, indicando qual è il vostro operatore telefonico preferito.

[poll id=”77″]

*Fonte SIM attive

Condividimi!