Google Pixel Watch potrebbe finalmente debuttare nel corso dei prossimi mesi come primo modello di smartwatch prodotto e commercializzato direttamente dal colosso con sede a Mountain View. Si attendeva già a fine 2018, ma l’orologio intelligente Made in Google dovrebbe uscire ufficialmente fra breve tempo, magari in occasione dell’evento Google I/O 2019.

Sul piatto, Google Pixel Watch metterà un hardware competitivo, funzionalità software che spaziano dal fitness a controllo i parametri vitali, un design moderno e un prezzo che non dovrebbe essere troppo abbordabile. Come abituati dai più recenti rumors, i nomi in codice scelti da Google si riferiscono al mondo acquatico e anche Pixel Watch si traveste per ora da pesce, nello specifico al medaka altrimenti noto come pesciolino del riso.

La natura graziosa e le piccole dimensioni di questo animaletto non traggano in inganno perché Google Pixel Watch dovrebbe presentarsi come uno smartwatch high-end, con una scheda tecnica di alto livello per competere con l’offerta di casa di Apple ossia Apple Watch. Scopriamo tutti i dettagli emersi finora a proposito della scheda tecnica di Google Pixel Watch, delle funzioni previste e le anticipazioni sul prezzo e l’uscita dello smartwatch esclusivo.

Indice:

Caratteristiche tecniche di Google Pixel Watch

Le informazioni sull’hardware di Google Pixel Watch sono ancora abbastanza nebulose, tuttavia possiamo anticipare la presenza di componenti per la rilevazione del battito cardiaco approfondito. Insomma, un vero e proprio elettrocardiogramma da polso come dimostrato da un recente certificazione medica che Alphabet, la società dietro Google, ha ottenuto.

Il processore che gestirebbe lo smartphone sembra essere Snapdragon Wear 3100 tuttavia non è utopia immaginare che, visto il rinvio del lancio, sarà utilizzata una piattaforma più recente di Qualcomm. Le indiscrezioni su Wear 3100 prendono in considerazione naturalmente una CPU quad core con architettura ARM Cortex A7 e scheda grafica Adreno 304. Inoltre, risulterebbe a bordo la tecnologia Qualcomm Blackghost per ridurre i consumi energetici ottimizzando l’attivazione della cpu; un compito necessario per un dispositivo come un fitness tracker.

Possibile che Pixel Watch esca con diverse configurazioni, magari con nome identico e differente capacità in termini di spazio di archiviazione, RAM (fino a un massimo di 1 GB) e eventuale presenza di modulo LTE per connettersi velocemente alla rete tramite sim integrata. Scontata la presenza di Bluetooth, GPS e Wi-Fi, si spera anche del chip NFC per consentire il pagamento contact-less.

La batteria dovrebbe essere duratura garantendo fino a due giornate di pieno utilizzo. Ci sono voci addirittura di tre giorni di autonomia, ma sembrano meno probabili.

Design di Google Pixel Watch

Precedenti rumors si riferivano a addirittura altri tre modelli (sempre con nomi acquatici) come Ling, Triton e Sardine. Poco possibile credere nei tre modelli di Google Pixel Watch, più probabile che si tratti solo di diverse caratteristiche interne. Verosimile che ci siano dimensioni che possano adattarsi a polsi maschili o femminili (o di bambini).

Ancora nessuna informazione sulla diagonale né sulla forma del quadrante e neppure sulla natura dello schermo. Si dovrebbe quantomeno poter prevedere la certificazione per la resistenza ad acqua e polvere, così da usarlo addirittura immergendosi o nuotando.

Software di Google Pixel Watch

Riassumendo tutto ciò che abbiamo già citato nei precedenti paragrafi, lo smartwatch Made in Google dovrebbe dunque posizionarsi in vetta ai cataloghi in quanto a funzionalità offerte. Sarà un fitness tracker completo, potrà rilevare la qualità del sonno, contare i battiti cardiaci, sincronizzarsi con accessori e garantire scansioni di parametri vitali. La recente acquisizione di parte delle proprietà intellettuali di Fossil da parte di Google potrebbe portare in dote qualche chicca ancora da scoprire, che però potrebbe riguardare più in esteso tutti i modelli di smartwatch on l’OS di Google.

Il modello più evoluto dovrebbe poter telefonare e connettersi senza passare dallo smartphone e effettuare pagamenti sicuri. Poco probabile la presenza di una fotocamera digitale. Qualche fonte parla di uno scanner delle impronte digitali sotto al display, ma farebbe lievitare un prezzo che promette di essere già piuttosto salato.

Prezzo e uscita di Google Pixel Watch

Tutti gli indizi fanno presagire l’uscita di Google Pixel Watch per il prossimo Google I/O 2019 che si terrà dal 7 al 9 maggio presso il Shoreline Amphitheatre a Mountain View. Il prezzo di Google Pixel Watch non sarà certo leggero, potrebbe avvicinarsi a quello dei rivali più accreditati, Apple Watch in testa.