samsung galaxy s20 ultra 5g render

Samsung Galaxy S20 Ultra, è uno dei primi smartphone Android di fascia alta del 2020. L’11 febbraio vedremo quanto di meglio Samsung ha saputo fare in campo tecnologico e non soltanto, il tutto in un dispositivo che come ogni anno ha l’arduo compito di riconfermarsi come pilastro del settore mobile. Le indiscrezioni fin qui trapelate ci hanno già anticipato tutto al suo riguardo, informazioni che ci danno il La per tracciare un identikit che ormai è pressoché completo. Una crescita nelle dimensioni del display con una frequenza di aggiornamento ben più alta, il supporto nativo delle reti 5G, un comparto fotocamere da urlo e una batteria ben più capiente sono solo alcuni dei dettagli emersi. E allora bando alle ciance e vediamo cosa sappiamo finora su Samsung Galaxy S20 Ultra.

Caratteristiche tecniche di Samsung Galaxy S20 Ultra

Migliorare un top di gamma come Samsung Galaxy S10+ è un compito piuttosto difficile. Ma gli ingegneri del colosso sudcoreano anche quest’anno hanno accettato di buon cuore la sfida e, ad oggi, possiamo dire già che hanno saputo come muoversi alla grande viste le voci di corridoio trapelate. Non che abbiamo in dote ancora chissà che di ufficiale, ma si sa, a questo punto possiamo dire di avere già fra le mani un quadro più che verosimile del nuovo flagship di casa Samsung.

Samsung Galaxy S20 Ultra dovrebbe arrivare perciò con uno schermo più grande rispetto al suo predecessore. Si parla di un pannello Super AMOLED da 6,9 pollici di diagonale con i bordi curvi, con un rapporto di forma in 20:9 con un refresh rate pari a 120 Hz, con una risoluzione WQHD+ (3200 x 1440 pixel), 511 ppi di densità, e foro nel display (Infinity-O). Sotto di lui, oltre al sensore per le impronte digitali di tipo ultrasonico, ci aspettiamo il fiammante Exynos 990. Al suo fianco ci saranno in ogni caso 12 GB di RAM, di tipo LPDDR5, mentre la memoria interna dovrebbe partire da 128 GB fino a un massimo di 512 GB a seconda delle configurazioni, in ogni caso di tipo UFS 3.0 e con l’opzione espansione esterna fino a 1 TB tramite schede microSD.

Cambiamo argomento e diamo un’occhiata alle novità che Samsung Galaxy S20 Ultra dovrebbe sfoggiare sul campo fotografia. Ebbene, massima attenzione è stata conferita a questo settore da parte degli ingegneri di Samsung, una cura che è tutta destinata a un obiettivo unico: primeggiare in un campo sempre più combattuto. Chi comanda è il sensore principale da 108 megapixel Samsung S5KHM1 (diverso da quello montato su Mi Note 10), affiancato a un sensore secondario Sony IMX586 con ottica zoom da 48 megapixel (con zoom ottico 10x e ibrido fino a 100x, il noto Space Zoom di cui si parlava) e pixel da 0,8 micron, a un terzo sensore Samsung ISOCell S5K2LA con pixel da 0,7 micron per scatti grandangolari e a un quarto sensore di cui non si conoscono i dettagli fuorché per la tipologia, un sensore Sony IMX518 ToF. E se ciò non bastasse, un flash LED e una fotocamera frontale da ben 40 megapixel per selfie di qualità.

Concludiamo con la connettività e i sensori di Samsung Galaxy S20 Ultra, un settore in cui non dovremmo trovare nulla da ridire, come sempre. Fra gli highlights si va dal supporto alle reti 5G, al Bluetooth 5.0, WiFi 802.11 ac, NFC passando per la porta USB di tipo C, doppio speaker stereo AKG fino a tutto il solito arsenale dedicato alla geolocalizzazione con tanto di GPS, GLONASS, Galileo e A-GPS. La batteria, infine, cresce parecchio di dimensioni arrivando a quota 5.000 mAh, perlomeno secondo quanto vaticinano le più recenti voci di corridoio.

Software e funzioni di Samsung Galaxy S20 Ultra

A bordo di Samsung Galaxy S20 Ultra ci sarà Android 10, su questo non ci piove. L’interfaccia grafica col quale l’utente potrà interagire è la One UI 2.0, una personalizzazione che vi abbiamo già anticipato (qui per approfondire) e che, come sappiamo è quanto di più lontano ci sia da Android Stock. Che sia un bene o un male non sta a noi dirlo, ma è senza dubbio tangibile la gran quantità di funzionalità e chicche software presenti, corredate da un’estetica curata nei minimi dettagli. Oltre alle novità introdotte da Google con l’ultima versione del robottino verde (potete farvene un’idea in questo nostro video dedicato), la nuova versione della One UI di Samsung punta tutto sul miglioramento di quanto già visto finora.

E questo significa ottimizzazioni per l’Always On Display, per la gestione delle app in background, per la Dark Mode, per le funzioni a una mano, una funzione come Quick Share per la condivisione in prossimità e per il software fotografico, chiaro. Proprio a questo proposito sono emerse varie funzioni interessanti che, oltre ai video in 8K a 30 fps e a registrazioni in 4K a 60 fps con la fotocamera frontale, parlano di nuovi effetti bokeh per i ritratti, “Single Take Photo” per catturare una scena in una serie di foto e brevi videoclip, “Data timing”, “Directors Cut”, una chicca che permetterebbe di selezionare un soggetto da mettere a fuoco che la fotocamera potrà seguire via via (con l’opzione microfono direzionale per zoomare concentrando l’audio, a completare il quadro), oltre a “Single Take Photo” e “Smart Selfie Angle” per i selfie e alla tecnologia Nano Binning per una resa qualitativa superiore con una luminosità scarsa.

Design di Samsung Galaxy S20 Ultra

Una scheda tecnica tanto pregiata non può che essere corredata da un’estetica altrettanto curata, impreziosita da materiali premium come il vetro e l’alluminio e mutuata da una tradizione che vuole bordi curvi e tanta eleganza. Questo dovrebbe essere Samsung Galaxy S20 Ultra, uno smartphone che fra i suoi obiettivi ha come sempre l’intenzione di affascinare i suoi clienti. Anche quest’anno pare volerci provare con linee morbide che smussano i bordi riducendone le cornici all’estremo, e con un design che di fatto non rivoluziona ma aggiorna quanto abbiamo visto finora. Dovrebbero crescere le dimensioni (pesa 221 grammi e misura 167 mm di altezza, 76 mm di larghezza e 8,8 mm di spessore), che sarebbero un po’ il suo limite. Il foro centrale nel display sarebbe uno dei suoi elementi di spicco, con bordi curvi, meno accentuati rispetto agli S10, con un inedito modulo rettangolare posteriore che dalla parte opposta bilancia il tutto con l’arsenale dedicato al comparto fotografico e nessun elemento di troppo. Equilibrio ed eleganza, questo paiono voler trasmettere i render fin qui trapelati. Le colorazioni? Solo due secondo quanto sappiamo: in grigio e in nero.

Immagini di Samsung Galaxy S20 Ultra

Prezzo e uscita di Samsung Galaxy S20 Ultra

Samsung Galaxy S20 Ultra debutterà l’11 febbraio 2020, il giorno in cui è previsto il Galaxy Unpacked di Samsung, con la disponibilità sul mercato italiano prevista per il 13 marzo e l’eventualità di preordini con in regalo le Samsung Galaxy Buds+ e consegne con tre giorni d’anticipo. L’esperienza ci insegna che i prezzi potrebbero subire un leggero rincaro. Si parla di 1.379 euro per la versione 12 – 128 GB e di 1.549 euro per la 12 – 512 GB, ma non abbiamo ancora l’ufficialità.