OnePlus 6: prezzo, caratteristiche, uscita e notizie in Italia

Al CES 2018 c’erano anche Carl Pei e Pete Lau, il cuore di OnePlus, a confermare l’esistenza del progetto OnePlus 6. A differenza di quanto ipotizzato nei mesi scorsi, quando si pensava che il nuovo top di gamma avrebbe potuto essere presentato con qualche mese di anticipo rispetto al 2017, abbiamo la conferma ufficiale che il nuovo smartphone arriverà nel secondo trimestre del 2018, con ogni probabilità nel mese di giugno, in linea quindi con quanto avvenuto negli scorsi anni.

Pian piano, indiscrezione dopo indiscrezione, inizia a prendere forma il quadro che ritrae l’identikit del nuovo portabandiera cinese. In questa pagina proveremo a riassumere le informazioni in nostro possesso man mano che escono, aggiornandole nelle settimane che ci accompagneranno alla presentazione di uno dei top di gamma più attesi di questa prima metà del 2018, soprattutto perché dovrebbe essere in grado di offrire il meglio della tecnologia ad un prezzo sì interessante ma meno competitivo che in passato.

Indice:


Caratteristiche tecniche di OnePlus 6

La scheda tecnica di OnePlus 6 inizia a delinearsi. Ufficialmente i due co-fondatori hanno semplicemente confermato che sarà utilizzato il SoC Qualcomm Snapdragon 845 destinato ad animare tutti i flagship del 2018.

Visti gli stretti rapporti di parentela con vivo esiste la possibilità che OnePlus 6 utilizzi il lettore di impronte digitali sviluppato in collaborazione con Synaptics integrato al di sotto del display. In questo modo sarebbe possibile mantenere o ridurre ancor di più i già piccoli bordi di OnePlus 5T, riportando la comodità del lettore frontale che ha caratterizzato i modelli antecedenti a partire da OnePlus 2. Tuttavia esistono pochi rumor a riguardo, per cui è altamente probabile che l’azienda guidata da Carl Pei continui con un sensore biometrico tradizionale al posteriore.

La diagonale del display dovrebbe aumentare dai 6 pollici di OnePlus 5T ai 6,28 pollici in formato 19:9 visti sul recente OPPO R15, altro produttore imparentato con OnePlus, mantenendo la tecnologia AMOLED. Possibile che su OnePlus 6 aumenti anche la risoluzione dal Full HD+ attuale al QHD+ (1440 x 2880), upgrade che renderebbe lo smartphone decisamente più appetibile a chi è affascinato dai visori e vuole avere il top sotto ogni punto di vista.

Per quanto riguarda le memorie è possibile che a questo giro OnePlus abbandoni il taglio da 6 GB di RAM e 64 GB di ROM in favore di un taglio “base” da 6/128 GB come annunciato dagli ultimi rumor. In questo caso anche OnePlus 6, come la concorrenza migliore, avrebbe in cima alla gamma una versione da ben 256 GB di memoria interna affiancata da 8 GB di RAM.

Il comparto fotografico dovrebbe beneficiare di una fotocamera anteriore da 20 megapixel con apertura f/2.0, mentre al posteriore troverebbero posto due sensori da 16 e 20 megapixel proprio come su OnePlus 5T. Rispetto a questo rimarrebbe invariata anche l’apertura f/1,7, uguale per entrambi i sensori.

Lato batteria i rumor si dicono piuttosto certi che OnePlus 6 ne vanterà una da 3450 mAh, in linea con quella ospitata sotto le vesti di OPPO R15. Per la gioia degli utenti, il jack audio da 3,5 mm non dovrebbe sparire.

Design di OnePlus 6

Il design di OnePlus 6, rispetto a quello attuale di 5T, dovrebbe proporre cornici superiore e inferiore ancor più ridotte e bordi laterali praticamente inesistenti. La principale differenza a livello estetico dovrebbe arrivare dalla presenza del notch in cui saranno annegati capsula auricolare, sensori e fotocamera.

Se sulla visuale anteriore esistono pochi dubbi, su quella posteriore le informazioni non convergono: c’è chi punta su una doppia fotocamera posta al centro in verticale o vicina al bordo sinistro come su iPhone X, e chi invece giura che il design rimarrà pressoché invariato rispetto a OnePlus 5T. Inoltre ci sarà da capire se l’azienda integrerà il sensore biometrico sotto il display.

Non è neanche escluso che OnePlus decida di rimpiazzare l’alluminio di 5T con una copertura in vetro, magari integrando quella ricarica wireless che l’azienda ha spesso definito una “tecnologia non ancora matura”.

Software di OnePlus 6

Non dovrebbero esserci particolari novità nemmeno dal punto di vista software, con una OxygenOS posta a controllo nuovo flagship e basata sulla versione più recente del robottino verde. Quasi certo quindi che vedremo Android 8.1 Oreo, con una versione rivista dell’interfaccia in grado di massimizzare le potenzialità della nuova versione di Android. In tal senso potrebbe essere veritiero un rumor secondo cui OnePlus 6 avrebbe già “girato” su AnTuTu portando a casa un incredibile punteggio di 276.510 punti.

È possibile che OnePlus riproponga il sistema di autenticazione col volto Face Unlock, una funzione che sembra aver conquistato i favori del pubblico. Anche se dovesse esserci un lettore di impronte frontale, è comunque possibile che OnePlus ottimizzi Face Unlock rendendolo ancora più affidabile di quanto sia attualmente.

Render di OnePlus 6

Prezzo e uscita di OnePlus 6

Se rapportato alla concorrenza, il prezzo di OnePlus 6 dovrebbe rimanere abbastanza competitivo, ma ci aspettiamo pretese economiche leggermente più alte comunque legittimate dalla golosa dotazione hardware, specie se l’azienda riuscisse ad integrare il sensore biometrico sotto un enorme display AMOLED QHD+.

È dunque possibile che la versione con il taglio di memoria più piccolo stazioni sui 500 euro, mentre quella più capace, a maggior ragione se fosse da 8/256 GB, potrebbe superare ampiamente i 600 euro, come peraltro è già emerso dai rumor.

Notizie su OnePlus 6

Top