Questo sito contribuisce alla audience di

Google Lens | Funzionalità | Italiano | Dispositivi supportati

Google Lens è un servizio annunciato durante il Google I/O 2017 progettato per fornire informazioni all’utente attraverso l’analisi visiva di ciò che viene inquadrato con la fotocamera dello smartphone o ciò che è presente all’interno di scatti già catturati.

In occasione del Google I/O 2018, a distanza di circa un anno dalla prima apparizione, la casa di Mountain View ha presentato varie novità che spingono Google Lens a un livello successivo. Andiamo a scoprire quali sono le funzionalità e le potenzialità di Google Lens, come funziona e quali dispositivi Android sono supportati.

Funzionalità di Google Lens

In poche parole, Google Lens è un servizio che prende le basi dal caro e “vecchio” Google Goggles, risultando però decisamente più avanzato: questo grazie all’integrazione con Google Foto e Google Assistant e al machine learning/reti neurali (Intelligenza Artificiale).

Dopo essere stato richiamato tramite l’Assistente, Lens proverà a identificare ciò che inquadriamo con la fotocamera dello smartphone e a mostrare risultati di ricerca relativi ad esso, rivelandone alcune informazioni (ma non solo). Google Lens può anche, ad esempio, collegare un dispositivo a una rete Wi-Fi dopo che ne abbiamo inquadrato l’etichetta che la identifica (quella con nome della rete e password).

Se puntiamo la fotocamera su ciò che abbiamo di fronte, Google Lens può riconoscere di cosa si tratta e fornirci utili risultati di ricerca: se ad esempio inquadriamo la copertina di un libro ci verranno fornite informazioni sulla trama, l’autore, le recensioni e persino prezzo e negozi dove acquistarne una copia. Google Lens prova in sostanza a identificare in tempo reale tutto ciò che la fotocamera inquadra, che siano oggetti di uso comune o animali, piante, opere d’arte, monumenti, edifici, paesaggi, volantini di un evento, biglietti da visita, etc. etc.

Con la funzione Style Match e il riconoscimento di abiti e mobilia, Google Lens può aiutarci con lo shopping: avete visto una bellissima lampada e non avete idea di dove possiate trovarne una? Lens potrebbe esservi di aiuto e riferirvi prezzo e negozio.

Altra interessante funzionalità offerta prende il nome di Smart Text Selection e permette di eseguire un copia-incolla del testo inquadrato con la fotocamera, che sia un documento fisico o digitale. In “collaborazione” con Assistant, Lens può anche riconoscere, salvare e conservare scontrini e prove di acquisto (attualmente in test).


Grazie all’integrazione in Google Foto, Lens può essere sfruttato anche nelle fotografie presenti nei nostri album: per utilizzarlo, nel caso sia disponibile sul vostro smartphone, basta aprire l’app Foto, selezionare l’immagine desiderata e premere sull’icona di Google Lens Google Lens in basso.

Come si usa Google Lens

Facciamo un po’ di ordine e cerchiamo di chiarire il funzionamento di Google Lens. È bene sottolineare che non si tratta di un’applicazione a sé stante (come invece l'”antenato” Google Goggles), ma è utilizzabile attualmente in tre modi:

  1. Google Assistant: aprendo l’Assistente Google potete notare in basso a destra l’icona di Google Lens; dopo averla premuta non resta altro da fare che puntare la fotocamera dello smartphone verso l'”obiettivo”.
  2. Google Foto: aprite l’applicazione Foto e selezionate lo scatto sul quale avete intenzione di “indagare; una volta fatto, in basso potete notare l’icona di Google Lens.
  3. Fotocamera: alcuni produttori di smartphone Android hanno iniziato a integrare Google Lens all’interno dell’interfaccia fotografica (in lento rollout); nel caso risulti disponibile sul vostro device potete semplicemente premere l’icona corrispondente.

Dispositivi supportati da Google Lens

Google Lens è stato annunciato durante il Google I/O 2017 ed è arrivato inizialmente solo sugli ultimi smartphone della casa di Mountain View (Google Pixel 2 e Pixel 2 XL). Successivamente ha iniziato a farsi vedere su molti altri dispositivi.

Risulta sulla carta compatibile con praticamente ogni smartphone Android in commercio: la funzione in italiano ha iniziato a mostrarsi verso fine maggio 2018. Il rollout è graduale, dovreste ricevere Lens entro qualche giorno dopo l’inizio della distribuzione. Le funzionalità più recenti, annunciate nel maggio 2018 al Google I/O di quell’anno, sono state distribuite a partire dai dispositivi Google (ovviamente), LG, Motorola, Xiaomi, Sony, Nokia, ASUS, OnePlus e BQ.

Top