La tecnologia dual VoLTE 4G è la chiave di volta per un servizio veloce, di qualità e flessibile per gli smartphone moderni visto che si dedica alla parte spesso più ignorata, seppur sia quella per la quale originariamente i cellulari sono stati creati. Ci stiamo naturalmente riferendo alle telefonate, che possono infatti godere anche loro dell’alta definizione grazie alla reti, ora, di ultima generazione. Con questo servizio possono portare l’alta qualità su entrambe le schede montate su uno smartphone dual sim. Scopriamo cos’è, come funziona e perché prestarci attenzione.

Che cos’è la tecnologia Dual 4G

Un tempo gli smartphone dual sim potevano al massimo offrire una delle due sim con connessione 4G mentre l’altra era limitata al 3G o, al peggio, anche al 2G. Ma con il miglioramento dei network e dell’hardware dei dispositivi, oggi sono sempre più numerosi i top di gamma (e anche i medio range) dotati della capacità di poter connettersi con entrambe le simcard su reti 4G. In attesa dell’imminente 5G che alzerà tutto di un livello abbondante.

Le prime avvisaglie di questo cambiamento radicale arrivavano, ufficialmente, nel 2018 con i primi chip dual 4G prodotti da Qualcomm e da MediaTek per poter passare da un chip all’altro in modo molto agevole e rapido, senza perdere mai un colpo e un byte.

Come funziona la tecnologia Dual VoLTE 4G

La tecnologia Dual 4G VoLTE si dedica specificamente alle chiamate dato che VoLTE significa Voice over LTE per poter effettuare telefonate su rete LTE 4G con una qualità nettamente migliore rispetto al passato visto che ci si appoggia su uno spettro di banda più ampio e una trasmissione del suono molto vicino all’originale.

Questo significa che si potrà distinguere la voce in modo pulito e più piacevole, proprio come se si fosse di fronte all’interlocutore. Va da sé che, per funzionare, è necessario che si sia connessi alla rete 4G. Il 4G VoLTE si appoggia alla tecnologia Dual Sim Dual Standby che risparmia batteria e che attiva soltanto una delle due schede in chiamata mettendo l’altra in attesa e pausa.

La tecnologia Dual VoLTE 4G in Italia

Il servizio VoLTE in Italia è attivo per ora soltanto con TIM dal dicembre 2015 e con Vodafone da luglio 2015. Per entrambi gli operatori non è richiesto un costo per l’attivazione né per l’uso e non si spendono GB del proprio traffico dati. Per ora non è dunque ancora disponibile sulle altre due realtà presenti sul nostro territorio con da un lato Wind Tre (con l’attivazione in lavorazione nel 2019) e dall’altro Iliad.

Per attivare il servizio VoLTE dallo smartphone si deve addentrarsi nel menu Impostazioni in seguito a quello delle reti e in quello delle reti mobile (i nomi potrebbero cambiare da operatore a operatore). In ambo le SIM si dovrà dunque accendere l’opzione VoLTE che potrebbe chiamarsi anche solo Voce VoLTE o similari. Inoltre, si può chiamare il numero di assistenza TIM o Vodafone facendosi attivare la funzione da un operatore.

Quali smartphone sono Dual VoLTE 4G?

Praticamente tutti quelli lanciati dal 2018 a oggi con a bordo la serie Snapdragon 600 e 800 compatibilmente con l’operatore (vedi su) e la rete. Steso dicasi da MediaTek Helio P60 in su e anche il processore di Huawei Kirin 970 e 980 e gli ultimi Exynos di Samsung. Elencare tutti i modelli sarebbe impossibile. Alcuni esempi:

Da sottolineare come Samsung e Nokia abbiano anche attivato  questa funzione attraverso un aggiornamento software.

Insomma, in un presente in cui lo smartphone viene scelto soprattutto per la fotocamera e il design, ma anche per schermo e processore o ancora per batteria e memoria, spesso una funzione molto importante come la chiamata viene ignorata, quando invece è il motivo per il quale questo gadget è nato. Grazie al Dual 4G VoLTE si può avere il meglio della scelta per una qualità d’ascolto senza pari.