Samsung Galaxy Note 20+

Samsung Galaxy Note 20+, o Samsung Galaxy Note 20 Ultra, è uno smartphone Android top di gamma che ci aspettiamo al debutto a inizio agosto 2020. Le indiscrezioni, a ormai qualche settimana dal possibile annuncio, incominciano a dare un’idea su quello che sarà il primo Note del nuovo decennio, un dispositivo che dovrebbe essere tuttavia affiancato almeno da un altro modello, Samsung Galaxy Note 20, e che, come lo scorso anno, si configurerebbe come uno dei pochi smartphone Android davvero di spicco del panorama. Ma vediamo cosa aspettarci riguardo caratteristiche tecniche, design, software, funzioni e prezzo di questo Samsung Galaxy Note 20+.

Caratteristiche tecniche di Samsung Galaxy Note 20+

Samsung Galaxy Note 20+, o Samsung Galaxy Note 20 Ultra (non sappiamo ancora quale sarà il nome ufficiale) sarà uno smartphone premium, al top della nuova gamma prevista per la seconda metà del 2020 del produttore.

Un brevetto ci ha mostrato una particolare tecnologia che punterebbe su una sorta di display waterfall, cioè coi bordi laterali particolarmente curvati, à la Huawei Mate 30 Pro per intenderci. Riteniamo difficile che Samsung possa già puntare su una soluzione simile su un Note, ma è ancora presto per avere certezze. Sicuramente il display LTPO AMOLED sarà di qualità: prevista risoluzione QHD+ (3096 x 1444 pixel), 6,87 pollici di diagonale con rapporto di forma 19,3:9 e frequenza d’aggiornamento a 120 Hz, così come il supporto all’HDR10+ e la protezione del vetro Corning Gorilla Glass 6. Si parla inoltre di certificazione VDE circa lo spazio colore DCI-P3, di un’emissione di luce blu inferiore rispetto agli standard e della tecnologia backplane LTPO per un minor consumo energetico, la frequenza d’aggiornamento variabile e non solo.

Sotto di lui, ci aspettiamo un lettore di impronte digitali di tipo ultrasonico, oltre a un SoC proprietario, firmato Exynos (probabilmente Exynos 992, variante potenziata e migliorata rispetto a 990, specie sul fronte risparmio energetico, che dovrebbe essere realizzata con processo produttivo a 5 nm con una CPU coi nuovi core Cortex-A78 e GPU Mali-G78 di ARM), un eventuale chipset Snapdragon 865+ come alternativa, affiancato da 12/16 GB di RAM LPDDR5 e 128/512 GB di memoria interna di tipo UFS 3.0.

Samsung Galaxy Note 20+ non si scorderà il comparto fotografico, settore in cui Samsung ha sempre fatto buone figure coi top di gamma: in base a quanto sappiamo lo smartphone dovrebbe disporre di una fotocamera principale da 108 MP, di un sensore ultra grandangolare da 12 MP, di uno periscopico (zoom) da 13 MP (fino a 50X) e di un autofocus laser. La fotocamera frontale potrebbe essere posizionata nel foro nel display, ed essere da 40 MP.

Conclude la scheda tecnica presunta di Samsung Galaxy Note 20+ una dotazione completa di tutto quanto ci si potrebbe aspettare in quanto a sensori e connettività. Oltre al WiFi ac dual band, Bluetooth 5.0, NFC, GPS, GLONASS, Beidou, porta USB C, etc. etc., a bordo ci sarà sicuramente un modem compatibile con le reti 5G (presunta versione solo 4G a parte), con il WiFi 6 e altre chicche eventuali. La batteria, infine, godrà probabilmente di un upgrade significativo rispetto a quella presente sul modello che lo ha preceduto con 4.500 mAh secondo quanto emerso con ricarica rapida a 45 watt.

Design di Samsung Galaxy Note 20+

Dal punto di vista estetico, non abbiamo per il momento render ufficiali che ci aiutino a pensare con cognizione di causa alle forme di Samsung Galaxy Note 20+. Le immagini che vedete in galleria forniscono un’idea di come dovrebbe risultare lo smartphone, senza grossi stravolgimenti rispetto a quanto siamo abituati a vedere: bordi leggermente curvi, foro per la fotocamera frontale posizionato al centro e cornici particolarmente sottil (0,29 mm sui lati lunghi, 0,4 mm per i lati corti col diametro della fotocamera punch hole di circa 1 mm secondo quanto emerso). Allo stato attuale riteniamo improbabile l’eliminazione dei pulsanti fisici sostenuta da alcuni iniziali rumor, ma staremo a vedere.

Sul retro, il modulo fotocamere squadrato “alla S20” sembra decisamente verosimile, ma ne sapremo di più con l’avvicinarsi della presentazione. Per il resto, nulla di cui esser certi, se non la solita cura nella realizzazione e nella scelta dei materiali (vetro e alluminio) e gli ammiccamenti alle forme spigolose, caratteristiche della serie Note.

Lato dimensioni, si parla di una lunghezza di 165 mm, larghezza di 77,2 mm e di uno spessore di 7,6 mm (senza considerare il modulo fotocamere).

Software e funzioni di Samsung Galaxy Note 20+

A bordo di Samsung Galaxy Note 20+ ci sarà sicuramente Android 10, nonostante Android 11 sia già quasi pronto al momento del rilascio. Comunque, la personalizzazione grafica è la già nota One UI di Samsung, un’interfaccia che è stata rilevata in versione 2.5, e in ogni caso ricca di funzioni e opzioni utili per gestire lo smartphone. Molto curata esteticamente, non è certo leggerissima da far girare e potrebbe non piacere a chi ama Android in versione stock.

È tuttavia un fatto che le funzioni presenti saranno certo numerose, a partire da quelle dedicate alla S Pen, alle ottimizzazioni per il software fotografico, sino alla compatibilità di una modalità desktop dedicata sulla base di Samsung DeX o chissà. Potrebbero essere presenti anche le funzioni per rilevare le anomalie cardiache supportate da sensori ECG, EMG (per l’elettromiografia medica) ed EEG (elettroencefalografia). Ma è ancora presto per le certezze, perciò continuate a seguirci perché aggiorneremo questa pagina via via con tutte le novità.

Immagini di Samsung Galaxy Note 20+

Prezzo e uscita di Samsung Galaxy Note 20+

Samsung Galaxy Note 20+ dovrebbe arrivare il 5 agosto 2020, nonostante il Coronavirus, forse nei colori nero, bianco e rame. Mancano ancora le informazioni sui prezzi, ma bisogna aspettarsi cifre ben oltre i 1.000 euro visti i consueti rincari, nonostante si parli anche di una versione 4G per l’Europa, che potrebbe costare qualcosina in meno. L’ipotesi è che ci si possa avvicinare ai 1200 euro.