Questo sito contribuisce alla audience di

Android 8.0 Oreo: novità, download, dispositivi supportati, video e notizie

Il 21 agosto 2017 Google ha presentato Android 8.0 Oreo, in occasione di una eclissi totale di Sole. Con una breve cerimonia, molto scenografica, è stato svelato il nome della nuova versione, che seguendo la tradizione indica un dolce famoso in tutto il mondo, il biscotto Oreo.

Scopriamo dunque tutte le novità che riguardano la nuova versione del robottino verde, quali sono gli smartphone supportati, quali dovrebbero ricevere l’aggiornamento e, soprattutto, quali sono le più importanti novità introdotte con la versione 8.0 di Android.

Novità di Android 8.0 Oreo

Con le nuove API di livello 26, che potranno essere utilizzate dagli sviluppatori per realizzare applicazioni sempre più potenti, arrivano tante piccole novità. Non si tratta di funzioni rivoluzionarie, quanto piuttosto di ottimizzazioni per migliorare le prestazioni e l’autonomia complessiva degli smartphone.

L’ottimizzazione del codice ha permesso di raddoppiare la velocità di boot, dato basato sulla prima generazione Google Pixel, mentre l’introduzione dei Background Limits viene posto un limite alle attività in background, riducendo quindi i consumi e prolungando l’autonomia dei dispositivi.

Con la funzione Autofill sarà possibile eseguire il login ai propri servizi o alle app preferite in un batter d’occhio. La funzione potrà essere sfruttata da app di terze parti grazie all’apposita API. Tra le novità più comode c’è l’introduzione della modalità picture-in-picture, che permette di avere un’applicazione in una finestra galleggiante da posizionare a piacere.

Molto comodi sono i Notification Dots, piccoli puntini colorati che segnalano la presenza di notifiche su una determinata applicazione. Una pressione prolungata sull’icona dell’app permetterà di visualizzare una piccola anteprima della notifica e all’occorrenza di cancellarla.

Le Android Instant Apps invece sono applicazioni che possono essere avviate direttamente dal browser, senza necessità di doverle installare. Si tratta di una funzione molto comoda per testare le applicazioni prima di scaricare una versione completa dal Play Store.

Rinnovata anche la funzione Ambient Display che ora non mostra direttamente il contenuto delle notifiche ma solo le relative icone, per una maggiore privacy. Le notifiche possono essere posticipate di 15, 30 e 60 minuti, per tenere pulita la barra delle notifiche senza dimenticare quelle importanti.

Google Play Protect, esteso successivamente alle versioni precedenti di Android grazie ai Play Services, mette al sicuro da possibili malware mentre per gli appassionati di chat e servizi di messaggistica in tempo reale sono disponibili oltre 60 nuove emoji. È possibile personalizzare le scorciatoie visualizzate nella schermata di sblocco, che andranno ad aggiungersi a quella della fotocamera.

Non sono certamente finite qui le novità, visto che abbiamo il supporto ai tooltips, i piccoli popup con testo descrittivo, il TextView Autosizing che consente di adattare il testo alla finestra in cui è contenuto o il supporto alla stampa integrato, compatibile col il 97% delle stampanti commercializzate finora. Con le Adaptive Icons sarà possibile avere icone con lo stesso aspetto senza che gli sviluppatori debbano creare nuove icone per le proprie applicazioni.

In ottica futura la novità più interessante è indubbiamente Project Treble, un’architettura modulare che renderà più semplici gli aggiornamenti alle nuove versioni di Android da parte dei produttori di hardware.

Dispositivi supportati

Con la presentazione di Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL sono saliti a sette gli smartphone sui quali è presente Android 8.0 Oreo, oltre a Pixel C e Nexus Player. Troviamo Google Pixel e Google Pixel XL, Huawei Nexus 6P, LG Nexus 5X e Sony Xperia XZ1. La situazione è destinata a cambiare entro la fine dell’anno con numerosi produttori che stanno già testando la nuova versione del robottino verde sui propri dispositivi.

Abbiamo preparato una lista sempre aggiornata dei dispositivi che riceveranno Android 8.0 Oreo ma se non contiene il vostro dispositivo non disperate. Vi basterà visitare il forum di XDA per trovare tante ROM alternative a quelle ufficiali che permetteranno di installare Android 8.0 Oreo su dispositivi dimenticati dai rispettivi produttori.

Sono già disponibili ROM cucinate per Nexus 4, Nexus 5, Samsung Galaxy S6, OnePlus One, moltissimi dispositivi Xiaomi e altri ancora. In questo caso ricordiamo che si tratta prevalentemente di ROM basate sul codice AOSP, ma non mancano nomi di grosso calibro come LineageOS e Paranoid Android, con le loro valide offerte alternative.

Video Anteprima di Android 8.0 Oreo

Download e installazione Android 8.0 Oreo

Se possedete un dispositivo supportato direttamente da Google è presente la pagina di supporto dalla quale è possibile scaricare le factory image. Per effettuare l’installazione potete utilizzare la nostra guida che vi seguirà passo passo nell’operazione.

Notizie su Android 8.0 Oreo

Top