Huawei P40, Huawei P40 Pro e Huawei P40 Pro+ sono realtà da pochissimo tempo ma già da adesso si contendono il trono di miglior smartphone Android 2020 con mostri del calibro di Samsung Galaxy S20, Xiaomi Mi 10 e, fra non molto, OnePlus 8. Un nuovo ed interessante leak ci permette di scoprire la lista di quelli che sembrerebbero essere i fornitori ufficiali per i componenti della gamma Huawei P40.

Huawei si rifornisce da questi fornitori

La maggior parte di essi sono prodotti da aziende cinesi, benché siano altresì presenti componenti realizzati invece da altre realtà come: Sony, Largan, Sunny Optical, OFILM, LuxVision, Q Technology e Crystal Optech, impegnate in accordi commerciali con Huawei per la sezione fotografica di Huawei P40 Pro e Huawei P40 Pro+.

Offerta

HONOR 200 Pro 12/512GB

Coupon: ATUTTOANDROID150 + Sconto premuta, click in pagina (valido anche se non hai un usato)

579€ invece di 799€
-28%

Il sensore per le impronte digitali nel display sarebbe prodotto da Goodix Technology con parti provenienti da OFILM e Q Technology. Il display, invece, sarebbe realizzato da Lens Technology e Beil Crystal, di cui BOE avrebbe fornito il pannello per i due top di gamma della serie Huawei P40.

huawei p40 componenti hardware fornitori

Per quanto riguarda la presenza di alcuni componenti provenienti da aziende USA del calibro di SkyworksQorvo e Qualcomm presenti all’interno della gamma Huawei P40, questi sarebbero da considerarsi antecedenti al ban USA contro Huawei. Avevamo avanzato questa idea settimana scorsa, quando era spuntata la notizia che Huawei P40 Pro facesse uso di componenti USA in barba al ban.

In questo caso non è c’è nessun segreto, macchinazione, complotto: l’azienda cinese ha giocato d’anticipo iniziando a creare uno stock piuttosto nutrito di componenti essenziali realizzati da aziende USA, il tutto per evitare di trovarsi in seri guai nel caso in cui l’azienda non fosse più stata in grado di acquistare componenti di aziende americane per problemi con il governo USA – come del resto è avvenuto.

Potrebbe interessarti anche: recensione Huawei P40 Pro