Più passa il tempo e più la maggior parte dei prodotti e dei servizi che utilizziamo quotidianamente offrono funzionalità legate all’intelligenza artificiale, i servizi del colosso di Mountain View non fanno eccezione, abbiamo infatti visto in diverse occasioni come Google Gemini si stia facendo largo all’interno di svariate applicazioni offerte dall’azienda.

Nel corso degli ultimi mesi la società ha lavorato senza sosta per portare Gemini su diversi dei propri prodotti e servizi, abbiamo visto per esempio come l’IA dell’azienda sia arrivata su Google Messaggi in forma stabile, come nel prossimo futuro arriverà sui dispositivi con Google TV (e forse anche su TV e box TV dotati di Android TV), come la versione Advanced consenta il caricamento di fogli di calcolo e l’analisi dei dati, oltre a tutta una serie di funzionalità integrate nei Chromebook Plus grazie all’IA di Google.

Oggi vediamo insieme un altro esempio di come Gemini stia entrando di prepotenza nella nostra quotidianità, visto che lo strumento sta iniziando a diventare maggiormente disponibile in Gmail sia sul web che nell’app Android, ma vediamo anche qualche piccolo intoppo nell’utilizzo del chatbot.

Google Gemini arriva ufficialmente in Gmail, sia sul web che su Android

Abbiamo già avuto modo di vedere come l’azienda avesse iniziato i test per implementare Google Gemini nell’app Gmail per Android e come i lavori fossero continuati nel tentativo di inserire ulteriori funzionalità, oggi però è la stessa Google ad annunciare l’inizio della distribuzione di Gemini per Gmail con un post sul blog ufficiale.

Partiamo dalla versione web del famoso servizio dell’azienda, dopo aver introdotto Gemini nel pannello laterale di diversi altri servizi, come Documenti, Fogli, Presentazioni e Drive è giunto anche il momento di Gmail, che potrà beneficiare dell’integrazione con il chatbot IA per le seguenti funzioni:

  • Riepilogare un thread di posta elettronica
  • Suggerire risposte a un thread di posta elettronica
  • Ottieni aiuto nella stesura di un’e-mail
  • Poni domande e trova informazioni specifiche dalle email nella tua casella di posta o dai file di Google Drive

Google Gemini Gmail

Sempre a partire dalla giornata odierna, anche l’app Gmail per Android inizia a ricevere la possibilità di utilizzare Gemini per analizzare i thread di posta elettronica e visualizzare un riepilogo con i punti salienti; al momento dunque questa è l’unica funzionalità disponibile nell’app mobile, ma Google fa sapere che ulteriori funzioni come la risposta intelligente contestuale e le domande e risposte di Gmail saranno presto disponibili.

Come detto, Google Gemini in Gmail (sul web e su mobile) è in distribuzione a partire da oggi e sarà disponibile per i clienti Google Workspace con componente aggiuntivo Gemini Business ed Enterprise, Gemini Education e Education Premium e Google One AI Premium.

Gemini e Google Assistant hanno qualche problema nell’impostare i promemoria

Già da qualche tempo ormai abbiamo visto come il colosso di Mountain View abbia iniziato in alcune occasioni a suggerire Gemini al posto di Google Assistant, l’intento dell’azienda è quello, a lungo termine, di sostituire lo storico assistente con il nuovo chatbot IA.

Il passaggio non sarà breve né indolore, tanto che al momento i due strumenti condividono alcune funzionalità che l’utente può decidere di affidare ad uno o all’altro; tra queste funzioni figura l’impostazione dei promemoria, operazione che sembra aver incontrato qualche ostacolo.

Come individuato da un utente su X (ex Twitter), sembra che ultimamente Google abbia modificato il comportamento di Gemini e dell’assistente per quel che concerne la creazione di promemoria: rispetto a quanto accadeva in precedenza, i due strumenti ora pretendono che l’utente imposti un orario in cui essere avvisato, senza questa indicazione il promemoria non viene creato.

Non è chiaro al momento se si tratti di un bug o se Google abbia deciso di rendere questo il funzionamento predefinito per la creazione di promemoria utilizzando i due strumenti, l’utente ha comunque facoltà di utilizzare Tasks per eseguire lo stesso compito manualmente, senza necessità di impostare per forza un orario.