Questo sito contribuisce alla audience di

Recensione Xiaomi Mi 8 Lite: hardware di fascia media, ma con un tocco premium

Recensione Xiaomi Mi 8 Lite – Una nuova aggiunta alla già folta fascia media targata Xiaomi, ma un’aggiunta da non sottovalutare a livello di estetica e non solo.

Ringraziando GrossoShop.net per il sample inviatoci, scopriamo insieme perché non dovreste sottovalutarlo nella recensione di Xiaomi Mi 8 Lite.

Video Recensione Xiaomi Mi 8 Lite

Hardware & Connettività

Xiaomi Mi 8 Lite ha il cuore di un medio gamma: SoC Qualcomm Snapdragon 660, octa-core a 2,2 GHz, accompagnato dalla GPU Adreno 512 e in due tagli di memoria con 4/6 GB di RAM e rispettivamente 64/128 GB di memoria interna espandibile sacrificando uno dei due slot NanoSIM.

Xiaomi Mi 8 Lite

Xiaomi Mi 8 Lite

Parte Telefonica & Antenne

A livello di connettività c’è il supporto al Dual SIM Dual Standby con anche la banda 20 del 4G LTE nella versione globale testata.Buono il reparto connettività, con supporto al WiFi 802.11 a/b/g/n/ac e al Bluetooth 5.0. Peccato per l’assenza dell’NFC.

La ricezione dati è di buon livello, senza mai incertezze di sorta, così come a livello telefonico il segnale è nella media e il livello dei volumi adeguato in ogni situazione. In quanto a geolocalizzazione sono presenti A-GPS, Glonass e BDS: il fix è veloce e l’esperienza di navigazione non presenta criticità.

Design, Ergonomia & Materiali

Ciò che più dà spicco a questa recensione di Xiaomi Mi 8 Lite è senza dubbio il design. Con questo modello Xiaomi ha voluto proporre un’offerta di fascia media che però in quanto a estetica e materiali dia all’utente la sensazione di un prodotto premium.

Nel farlo l’ispirazione ad iPhone X non è mancata, soprattutto nei bordi lucidi e stondati. Ma non manca ovviamente anche il retro in vetro, con dei riflessi accentuati simili a quelli di Honor 10. Tutto ciò, nel complesso, rende lo smartphone abbastanza scivoloso, anche perché le dimensioni non sono proprio contenute: 156,4 x 75,8 x 7,5 mm in un peso di 169 grammi. Per fortuna in confezione è presente la classica cover in silicone scuro di Xiaomi, che migliora decisamente l’ergonomia.

La disposizione degli elementi vede a destra il pulsante di accensione e il bilanciere del volume, mentre a sinistra c’è solamente lo slot per le due NanoSIM/MicroSD. In alto ha sede il microfono secondario e in basso ci sono due griglie per l’altoparlante mono e il microfono principale, con al loro centro la porta USB Type-C. Manca dunque il jack da 3,5 mm, ma c’è un adattatore type-C a jack in confezione.

Sul retro è presente un lettore di impronte digitali circolare, in posizione centrale. Il riconoscimento è abbastanza veloce e preciso, di un ottimo livello per la fascia di prezzo. Via software è possibile anche impostare lo sblocco con il volto, che però non risulta velocissimo in ogni occasione (anche perché non è ad infrarossi o 3D).

Display, Audio & Multimedia

Il display di Xiaomi Mi 8 Lite è un pannello IPS 19:9 da 6,26 pollici con risoluzione FullHD+ (1080 x 2280 pixel). Si tratta dell classico display di fascia media Xiaomi, con i colori leggermente slavati, i neri poco profondi e una luminosità massima che non fa miracoli. Gli angoli di visuale però sono elevati e in generale si tratta di un display buono per la fascia di prezzo di riferimento.

Sulla parte alta del display trova comunque posto un notch non troppo vistoso, che ospita la capsula auricolare, i sensori di luminosità e prossimità e la fotocamera frontale. E nonostante l’aggiornamento arrivato a MIUI 10 globale stabile, persiste al momento della stesura di questa recensione il problema dell’impossibilità di vedere le icone delle notifiche presenti nella barra di stato.

L’audio proviene da un altoparlante mono sul fondo, che mi ha sorpreso per volume massimo raggiunto e per la poca distorsione. La sonorità non è ricca di bassi, ma considerato il prezzo è soddisfacente.

Fotocamera

Xiaomi Mi 8 Lite gode posteriormente di un sistema a due fotocamere sulla carta uguale a quello di uno Xiaomi Redmi Note 5: la principale è una 12 megapixel f/1.9 con pixel larghi 1,4 µm e Dual Pixel AutoFocus e la secondaria una 5 megapixel f/2.0, che viene sfruttata però solamente per rilevare la profondità. Il flash LED è singolo. Anteriormente invece c’è una sola fotocamera da 24 megapixel con pixel larghi 0,9 µm.

L’app fotocamera di MIUI prevede vari filtri in tempo reale e molte modalità di scatto, di cui le principali sono scorribili tramite swipe laterali. C’è inoltre il supporto all’HDR Automatico e alla modalità ritratto sia frontalmente che posteriormente. Tramite un tasto dedicato si può inoltre attivare o disattivare l’Intelligenza Artificiale, che riconosce la scena e conferisce solitamente una maggiore vividezza e definizione agli scatti.

La qualità degli scatti purtroppo però non mi ha convinto, risultando inferiore a quella del sopra citato Redmi Note 5. Di giorno comunque si riescono a ottenere dei buoni scatti, con colori brillanti e contrasti piacevoli. A tal proposito però sconsiglio l’uso della modalità con AI, in quanto le foto – nonostante sul display dello smartphone sembrino migliori – tendono a diventare troppo saturate e un po’ bruciate. Quando la luce non è ottimale però le prestazioni calano molto rapidamente: i dettagli si impastano vistosamente e il rumore d’immagine la fa da padrone, con anche un po’ di effetto micro-mosso se non avete la mano estremamente ferma.

I selfie invece già di giorno risultano carenti nei dettagli, mentre in situazioni non ottimali a volte appiattiscono totalmente l’immagine creando quasi un effetto acquerello. La modalità ritratto per lo meno si comporta bene sia frontalmente che posteriormente.

La registrazione video arriva fino a 4K UHD 30fps. La messa a fuoco è molto rapida, anche se a volte necessita di un tap, e la stabilizzazione digitale si comporta molto bene. In generale la qualità della registrazione è soddisfacente.

Batteria & Autonomia

Un punto cardine in questa recensione di Xiaomi Mi 8 Lite è dato dalla batteria, che dalle specifiche pensavo avrebbe deluso visti i soli 3350 mAh. L’autonomia però mi ha sopreso ed è ciò che ci si aspetta dalla fascia media Xiaomi: con qualsiasi tipo di utilizzo si riesce senza problemi ad arrivare a sera e in particolare con un uso medio o leggero non ho avuto problemi a coprire due giornate intere d’uso. In termini numerici si raggiungono senza troppi problemi le 6 ore di display attivo.

Il caricabatterie in confezione è da 5V/2A senza ricarica rapida, per cui la ricarica completa richiede circa 2 ore. Dovrebbe comunque essere possibile utilizzare un caricatore QuickCharge di terze parti.

Software

Ho testato Xiaomi Mi 8 Lite aggiornandolo a MIUI 10 stabile basata su Android 8.1 Oreo. Nonostante non sia attualmente basata su Android 9 Pie, MIUI 10 con la sua grafica coerente e tondeggiante ricorda molto il Material Design e risulta estremamente gradevole e piacevole da utilizzare.

Senza dilungarsi troppo sul software, si tratta comunque della classica MIUI: non è presente il drawer delle applicazioni (problema che ho risolto grazie all’uso di POCO Launcher) e le app preinstallate sono molte e utili, come la bussola, il registratore vocale e il telecomando a infrarossi. A proposito di app è inoltre possibile bloccare l’acceso ad alcune di esse tramite lettore di impronte (o  un pattern) con Blocco App.

Tante sono anche le modalità di utilizzo dello smartphone: modalità non disturbare e modalità a una mano le più utili tra tutte. Ci sono poi molte funzioni integrate nel sistema, come Quick Ball per avere scorciatoie a portata di mano, Secondo Spazio per avere un secondo utente distinto nello smartphone e App Clonate per tenere due istante di una stessa app.

Non manca ovviamente l’uso con Display a schermo intero, che permette di navigare nel sistema tramite gesture invece che tramite la consueta barra di navigazione. A tal proposito però l’implementazione non è ancora stata ottimizzata per poter utilizzare la modalità ad una mano anche se si sfruttano tali gesture.

Per maggiori informazioni su MIUI, e in particolare su MIUI 10, potete approfondire l’argomento tramite i video qui sotto.


Prestazioni

Xiaomi Mi 8 Lite, grazie anche alle bellissime animazioni di MIUI 10, risuta sempre molto fluido. Si nota che non è un top di gamma in quanto a pura potenza e reattività istantanea, ma nel complesso l’esperienza utente è estremamente positiva e, soprattutto, costante.

L’unico punto negativo è nel gaming con giochi pesanti, dove per esempio su Asphalt 9 questo Mi 8 Lite non riesce a riprodurre i dettagli alla massima qualità e la differenza rispetto ad uno smartphone di fascia più alta è palese. Se ciò non è però un problema per voi insormontabile, la giocabilità – in termini di fluidità e temperature dello smartphone – è buona.

Di seguito potete anche dare un occhio ai risultati ottenuti in alcuni popolari benchmark.

Conclusioni

Per concludere questa recensione di Xiaomi Mi 8 Lite, si tratta di una proposta solida nella fascia media, ma con alcuni cavilli da considerare. In particolare se siete in cerca di una grande qualità fotografica il consiglio è di rivolgervi piuttosto verso Xiaomi Redmi Note 6 Pro o Xiaomi Mi A2; se invece delle foto non vi interessa troppo ma volete uno smartphone dall’estetica ricercata e senza spendere troppo, Mi 8 Lite è la vostra risposta.

Attualmente Xiaomi Mi 8 Lite parte da un prezzo base di circa 220€ per la versione da 64 GB, o 250€ per quella da 128 GB, su GrossoShop.net. Un prezzo inferiore a quello di listino per l’Italia, che lo rende una scelta interessante. Assicuratevi però di acquistarlo in versione globale.

PAGELLA

Display:
7.9
Ergonomia:
7.5
Hardware:
8.6
Software:
8.9
Batteria:
8.7
Fotocamera:
7.2
Qualità/prezzo:
8.9
Materiali:
8.5
Audio:
8.2
Esperienza Utente:
8.6
VOTO GENERALE:
8.2

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Paolo Ferrari

    Appena acquistato, davvero un bel device e veramente performante per l’uso che ne devo fare.
    Ho provato anch’io a installare Poco Launcher per avere l’app drawer, ma ho notato che mancano alcuni dei widget presenti nel launcher miui di default, uno di questi il widget per aggiungere la scorciatoia di un singolo contatto. A questo non c’è soluzione? (Senza ovviamente installare ulteriori app…)

  • 𝕃๏𝕣χ

    Bel device. Unica cosa che non mi convince della vostra recensione è il parere sulla fotocamera.
    Un po’ ovunque ho letto che la fotocamera sarebbe il punto di forza dello smartphone e ne vedo parlare molto bene.
    D’altronde a meno di 200 euro hai un telefono con l’IMX363, stesso sensore di Pixel 3, ovviamente senza stessi risultati . Però hai comunque stesso sensore e lenti di PocoPhone, che non sarà pari a un Pixel, ma fa buone foto e con la Gcam addirittura si avvicina ai vari top di gamma 2018. Quindi dovrebbe decisamente superare il Redmi Note 5 in questo comparto.

Top