Sensore di battito, ecco il wearable con quello migliore

Il sensore di battito cardiaco è ormai presente su molti dispositivi indossabili, sia che si tratti di smartwatch sia che si tratti di smartband. Per capire quale sia il migliore, è stato condotto uno studio che metteva a confronto quattro tra i più popolari wearable ad oggi sul mercato.

In questa prova, supervisionata dal dottor Gordon BlackburnFitbit Charge HR, Basis Peak, Mio Alpha e Apple Watch sono stati messi sotto torchio su 50 adulti sani. Le “cavie” hanno percorso a varie andature una certa quantità di chilometri indossando i vari dispositivi, oltre naturalmente ad un dispositivo medico in grado di rilevare con altissima precisione il loro battito cardiaco (elettrocardiogramma). Ebbene, Apple Watch si è rivelato il migliore, con oltre il 90% delle rilevazioni esatte, mentre gli altri tre concorrenti si sono fermati a circa l’80%.

Il dottor Blackburn (università di Cleveland) ha spiegato che un fattore determinante per l’efficienza del sensore di battito cardiaco è la superficie di contatto con la pelle, ed è soprattutto per questo che Apple Watch ha avuto la meglio. Avrete sicuramente notato l’assenza di dispositivi Android Wear nell’elenco: purtroppo non sappiamo se la loro assenza sia determinata da una scarsa diffusione fra gli utenti, un’inefficienza troppo alta per competere con i migliori o qualche altra causa a noi ignota.

Speriamo che in futuro si possa condurre un test simile che veda competere anche un indossabile con sistema operativo targato Google.

Immagine WindowsCentral

Fonte: Androidauthority

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Peter

    “Avrete sicuramente notato l’assenza di dispositivi Android Wear nell’elenco: purtroppo non sappiamo se la loro assenza sia determinata da una scarsa diffusione fra gli utenti, un’inefficienza troppo alta per competere con i migliori o qualche altra causa a noi ignota.”

    E se invece li avrebbe sfigurati??? come è possibile che non venga in mente questa possibilità?

    • Tiwi

      concordo..sarà un caso che hanno preso solo prodotti di aziende “americane”..e che a vincere, con uno scarto del 10% è stato proprio il nuovo oggetto della eppol!??!

      misa che al dottore si sono gonfiate un po le tasche dopo questa “ricerca”

  • Ame

    In tutte le prove eseguite da agenzie o siti americani la Apple é sempre la migliore.. ma come mai?? mi sorge un dubbio!

  • Tristania

    Apple è sempre superiore, non solo sul battito, ma su tutto, qualità e stile.

    • Casper

      Come no… 😂😂😂

    • pietro

      Stile proprio no, l’Apple Watch è un insulto allo stile

      • Tristania

        Per me Apple è una soddisfazione pura in ogni prodotto. Sono entusiasta.

        • pietro

          Ok

  • Roberto Felici

    Date una occhiata a empatica… altra categoria… altro che i giocattoli…

  • Matteo Contrini

    “oltre il 90% delle rilevazioni esatte”
    andrebbe definito cosa significa “rilevazione esatta”, cioè ad esempio rispetto a quale dispositivo è stato effettuato il confronto (per capire se il dispositivo in questione si può veramente considerare “verità assoluta” [il risultato di un ECG professionale ad esempio]), e qual è il range di errore che è stato considerato tollerabile.
    Non mi piacciono troppo queste notizie riportate approssimativamente e senza fonte…

    • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

      Concordo. In ultima analisi è solo relativo al sensore usato per il rilevamento. È ovvio che un sensore fotopletismografico non compete minimamente con un sensore bio-impedenziometrico o comunque elettrocardiografico. La cosa più difficile, come dici tu, è stabilire quale è il dato “vero”, che già è complesso, perché un minimo di errore c’è sempre, e con attrezzature professionali può solo essere minimizzato.

      • Ma fate sul serio?? Vi state preoccupando del fatto che il dispositivo medico usato come termine di paragone, abbia un errore maggiore o minore del 1-2%, quando questi wearable hanno errori che vanno dal 10% al 20%!!

        • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

          E quindi ? Stiamo solamente commentando l’articolo. E soprattutto è poco chiaro quale sia il riferimento in base al quale si calcola precisione, errore e affidabilità del dispositivo, tutto qua.

          • Voglio solo dire che trattandosi di un dispositivo medico creato per questo, è irrilevante quali siano le sue specifiche tecniche. Questo perché l’errore dei wearable testati è MOLTO più grande.

          • definitivamenteforse

            E soprattutto é inaccettabile che Apple sia (come sempre) in testa 😂

          • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

            Come anche nelle classifiche per sistemi operativi più vulnerabili, del resto ;).

          • definitivamenteforse

            vallo a dire a FBI… non credere a tutte le idiozie che sparano i giornalisti ignoranti e vengono riprese dai fanboy ;-)

          • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ
          • definitivamenteforse

            Proprio quello a cui mi riferivo, capirai anche tu che quel numero non significa nulla perché non tiene conto della gravità della falla… uno specchietto per giornalisti ignoranti e fanboy
            Ripeto vallo a dire a FBI o NSA…

          • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

            Assolutamente no, quelle sono vulnerabilità registrate, e qualsiasi sia la loro gravità resta il fatto che sono i più vulnerabili.

          • definitivamenteforse

            si, le vulnerabilita’ sono tutte uguali… e io che credevo fossi solo un fanboy
            ps: se controlli, se leggi… vedi che le vulnerabilita’ sono elencate anche per gravita’… o, ovviamente c’e’ chi se la passa peggio
            http://www.cvedetails.com/vulnerability-list.php?vendor_id=1224&product_id=&version_id=&page=1&hasexp=0&opdos=0&opec=0&opov=0&opcsrf=0&opgpriv=1&opsqli=0&opxss=0&opdirt=0&opmemc=0&ophttprs=0&opbyp=0&opfileinc=0&opginf=0&cvssscoremin=0&cvssscoremax=0&year=0&month=0&cweid=0&order=3&trc=283&sha=86a94353faef6126ecd27117af5cd6ce0c3aa8fc

          • Oxygen ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

            Premettendo che io non sia un fanboy di niente e di nessuno, come tu credi forse di chiunque altro ti dica qualcosa in contrasto con le tue idee, torno a ribadire che, mio malgrado, i 2 sistemi operativi con più vulnerabilità registrate, qualunque sia la loro gravità in termini di fuga di dati sensibili, eccetera, sono proprio (incredibile!), i primi 2 della lista. Sarà perché i sistemi operativi più diffusi sono più conosciuti e quindi le loro falle più evidenti, ma resta il fatto che siano loro, tutto qua.

          • definitivamenteforse

            in realta’ se usassi un minimo di spirito critico, noteresti che , ad esempio, windows e’ diviso in mille versioni, iOS e MacOS no, Android poi e’ un discorso a parte: non ha bisogno di vulnerabilita’… tutto e’ perfettamente disponibile a chiunque (secondo me non le cercano nemmeno)

    • definitivamenteforse

      Basta cliccare su fonte, e puoi leggere la fonte…

      • Matteo Contrini

        Non c’era ieri

        • definitivamenteforse

          scusa l’ho letto oggi

Top