OPPO è uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo, tuttavia la sua posizione è principalmente legata ai successi asiatici, mentre la sua fama in Occidente, e più precisamente in Europa, è molto più recente: il brand è riuscito a farsi conoscere e apprezzare grazie ad una forte spinta sulla qualità dei dispositivi e sull’innovazione, ma da qualche mese a questa parte sono iniziate le noie legali da cui traggono alimento le voci di un possibile addio al Vecchio Continente.

A beneficio di quanti si fossero persi le “puntate precedenti”, ricordiamo che il tutto nasce dall’interruzione della commercializzazione degli smartphone OPPO e OnePlus in Germania legata a presunte violazioni di brevetti di Nokia. La battaglia legale si trascina da tempo e nel frattempo si sono moltiplicate le indiscrezioni che vorrebbero il brand cinese facente capo al gigante BBK Electronics sempre più lontano dall’Europa.

OPPO si prepara a lasciare la Francia?

Per vie ufficiali, le voci di un addio imminente sono state più volte smentite: nelle scorse settimane, OPPO e OnePlus hanno confermato di voler continuare a percorrere la via dell’innovazione nel Vecchio Continente; appena il mese scorso, OPPO ha ribadito nuovamente la volontà di restare sul mercato europeo. Un mese più tardi, eccoci ad una nuova puntata di questa telenovela: un nuovo report in arrivo dalla Francia parla di un addio neppure troppo lontano al mercato transalpino, dando adito a nuove congetture sulle future strategie della casa cinese.

Stando alla fonte della testata francese Frandroid, OPPO avrebbe tagliato tutti i ruoli relativi all’animazione commerciale in Francia e tale mossa avrebbe un peso specifico molto importante. A supporto della propria indiscrezione, la testata parla anche di strategie di vendita: a quanto pare, OPPO si sta limitando a spingere la vendita di prodotti già esistenti in stock, piuttosto che pianificare la commercializzazione di modelli futuri; a questo proposito, non si può non ricordare come OPPO Find N2 Flip, il primo pieghevole del brand cinese venduto a livello globale, non sia mai approdato negli store francesi.

L’ipotesi dell’addio imminente di OPPO alla Francia ha poi trovato sostegno anche in un indizio proveniente da un partner commerciale del produttore: la società Atmospheres. A quanto risulta, infatti, quest’ultima avrebbe recentemente licenziato tutti i dipendenti impiegati per OPPO e il suo contratto di partneriato con la casa cinese sarebbe in scadenza il prossimo 30 giugno; dalle voci circolanti, pare che OPPO non abbia ancora corrisposto diversi milioni di euro all’appaltatore.

La posizione ufficiale di OPPO

Se da una parte il report al quale si è fatto riferimento sembra tratteggiare un’avventura di OPPO in Francia giunta praticamente ai titoli di coda, dall’altra c’è da considerare l’ennesima smentita arrivata dalla diretta interessata. A stretto giro dalla diffusione del report, infatti, OPPO ha diramato una dichiarazione ufficiale nella quale ha confermato che continuerà ad operare in Francia anche dopo il 30 giugno prossimo, senza tuttavia rilasciare alcun commento sulla situazione relativa ad Atmospheres e senza comunicare il numero di animatori commerciali ancora presenti a libro paga.

C’è, poi, un altro passaggio della dichiarazione che sembra piuttosto significativo, in quanto vede OPPO parlare unicamente del presente, senza prendere alcun tipo di impegno in ottica futura. Ecco il passaggio in questione:

La nostra principale priorità consiste nel continuare a fornire un servizio eccellente ai nostri utenti esistenti in Francia, come sempre. Gli utenti possono continuare ad utilizzare i prodotti OPPO, accedere al servizio post-vendita, ricevere futuri aggiornamenti del sistema operativo e quant’altro. Per gli utenti finali non cambia nulla”.

Quale che sia la verità, rimane un dato inconfutabile: negli ultimi anni, OPPO ha saputo ritagliarsi un ruolo importantissimo nel mercato europeo degli smartphone, facendosi notare per diverse soluzioni innovative ed interessanti; da appassionati, non si può che sperare nella permanenza.

Leggi anche: Recensione OPPO Find N2 Flip