Power Bank – Nonostante la capacità delle batterie degli smartphone stia aumentando, e i nuovi chipset siano in grado di ottimizzare i consumi, non è così raro ritrovarsi con la batteria scarica e nessun caricabatterie a disposizione. La soluzione migliore, ovunque vi troviate, è rappresentata dai power bank, quelle batterie portatili che permettono di ricaricare lo smartphone, e non solo, in qualsiasi situazione ci si trovi.

Il mercato offre numerose possibilità, alcune valide altre meno, per cui abbiamo pensato di proporvi questa guida, aggiornata al mese di luglio 2021, per aiutarvi a trovare il miglior power bank in base alle vostre necessità. Il primo passo è quello di capire i dati utili a effettuare la scelta del miglior power bank per voi.

Come scegliere un power bank

Scegliere un power bank non è semplice come potrebbe sembrare, visto che il mercato è ricco di proposte. Sono disponibili di diverse dimensioni, di diverso peso e numero e di diversa tipologia di porte. Cerchiamo dunque di capire le varie tipologie di power bank e come scegliere la capacità adeguata, oltre alla tipologia di dispositivi supportati, alla presenza della ricarica wireless o rapida.

Va detto che ormai tutti i power bank dispongono di circuiti di protezione in caso di sovraccarico o cortocircuito ed erogano la corrente in base al dispositivo collegato, riconoscendolo automaticamente. In questa guida parliamo principalmente di smartphone, ma le considerazioni valgono anche per i tablet, con le opportune valutazioni basate sulla maggiore capacità delle batterie interne.

Tipologie di power bank

Nella nostra guida trovate i piccoli power bank tascabili, o dalle dimensioni molto contenute per semplificarne il traporto, quelli di dimensioni medie, più pesanti e da portare in una borsa, magari insieme al notebook, e quelli più grandi, dotati di una elevata capacità.

Non mancano i power bank wireless, visto il crescente numero di smartphone che utilizzano la ricarica senza fili, i modelli rugged, che possono essere maltrattati e non si danneggiano in seguito a cadute o immersioni, quelli a energia solare e quelli in grado di ricaricare anche un computer portatile.

Capacità dei power bank

Uno degli aspetti più importanti da prendere in considerazione al momento dell’acquisto di un power bank è ovviamente la capacità della batteria, solitamente indicata in mAh. Bisogna subito fare una considerazione, che vi eviterà sorprese al momento del reale utilizzo del prodotto.

In alcuni casi la capacità viene indicata in Wh (Watt ora) e per tradurre il dato in mAh è sufficiente dividerlo per 5, visto che smartphone e tablet sono alimentati a 5 Volt. Salvo qualche rara eccezione, comunque indicata sul power bank, la capacità in mAh è riferita alla tensione interna della batteria, pari a 3,7 V.

È per questo che se possedete uno smartphone con batteria da 4.000 mAh e acquistate un power bank da 5.000 mAh, non riuscirete a completare una ricarica. La capacità reale, quella a 5 V, è infatti pari a 5.000 x 3,7 / 5, cioè 3.700 mAh.

Un altro importante parametro da valutare è la corrente erogata, che si traduce in un diverso tempo di ricarica dello smartphone. Come per l’indicazione relativa alla capacità, anche la corrente è indicata insieme al relativo voltaggio. Potete quindi trovare alimentatori in grado di erogare 1 A a 5V o 2 A a 5 V, con modelli in grado di supportare 2,4 o 3 ampere per aumentare la potenza.

In alcuni casi, se lo smartphone lo supporta, viene aumentata anche la tensione di alimentazione, che può salire a 9 o 12 Volt, se non addirittura oltre per alcuni modelli specifici.

Ultimo aspetto da verificare è il numero di porte disponibili, per capire se potete ricaricare più di un dispositivo alla volta, e il connettore di ricarica. I power bank più recenti dispongono di un connettore USB Type-C per la loro ricarica, e di almeno due porte USB per ricaricare altri dispositivi. Per ricaricare lo smartphone basta utilizzare il cavo che solitamente utilizzate con il caricabatterie da muro, o uno fornito in dotazione al power bank.

In qualche caso i power bank offrono uno o più connettori integrati, che vi evitano di portare con voi altri cavi ma che potrebbero limitare la libertà di ricarica.

Limitazioni per il trasporto aereo

Se viaggiate spesso ricordatevi che la IATA (International Air Transport Association) ha stabilito delle limitazioni per il trasporto di dispositivi dotati di batterie al litio come i power bank. Innanzitutto devono essere inseriti esclusivamente nel bagaglio a mano e sono previste delle limitazioni sulla capacità complessiva. Trovate la guida aggiornata a questo indirizzo, ma in caso di dubbi è preferibile contattare la compagnia aerea prescelta per evitare problemi al momento dell’imbarco.

Video guida ai migliori Power Bank

I migliori power bank

Vediamo ora di scoprire quali sono i migliori power bank presenti sul mercato, suddivisi in sei categorie: inferiori a 10.000 mAh, tra 10.000 e 15.000 mAh, oltre i 15.000 mAh, rugged, wireless e in power bank in grado di ricaricare un PC portatile.

Miglior power bank fino a 10.000 mAh

ANKER Astro E1 6.700mAh

Non sono molti i power bank con capacità inferiore ai 10.000 mAh e questo ANKER Astro E1 è uno dei più compatti e interessanti. È compatto, così da trovare posto nelle tasche o in una qualsiasi borsetta, ma è in grado di ricaricare almeno una volta la maggior parte degli smartphone in circolazione, grazie alla batteria da 6.700 mAh.

La tecnologia Power IQ permette di erogare fino a 2 A di corrente mentre la ricarica della batteria interna avviene tramite un connettore microUSB. Nella confezione di vendita trovate un borsello da trasporto, il power bank e un cavo microUSB per essere subito operativi.

 

Scoprite il prezzo più basso su Amazon

Miglior power bank fino a 15.000 mAh

XTORM Fuel Series 3 10000 mAh

XTORM Fuel Series 3 è un power bank della nuova linea economica di XTORM. Il prezzo è superiore a molte proposte della concorrenza, ma la qualità non manca. In un corpo tutto sommato compatto, 148 x 73 x 14 millimetri, per 210 grammi di peso, troviamo ricarica rapida in entrambi i versi.

Troviamo un connettore USB Type-C in entrata e in uscita, con supporto al Power Delivery a 18 watt, mentre in uscita abbiamo lo standard Quick Charge 3.0 sulle porte USB Type-A.

Scoprite il prezzo sullo store ufficiale XTORM

 

ANKER PowerCore Slim

ANKER Power Core Slim è un power bank versatile, con doppio ingresso USB Type-C e microUSB per soddisfare le esigenze di qualsiasi utente. Compatte le dimensioni, 141 x 72 x 14,5 millimetri per 213 grammi di perso, un ottimo risultato per 10.000 mAh di capacità.

Non troviamo alcuna certificazione Quick Charge, ma la potenza in uscita arriva a 12 watt (5V/2,4A), sufficienti per ricaricare velocemente la maggior parte degli smartphone o dei dispositivi collegati con le tecnologie proprietarie PowerIQ e VoltageBoost.

Scoprite il prezzo più basso su Amazon

 

 

YOOLOX 10000 e 16000 mAh Wireless 

Yoolox ha da poco lanciato una coppia di power bank di grande qualità, con tanto di supporto per la ricarica wireless a 1 A.  Possiedono anche un ingresso USB Type-C e microUSB, oltre che una classica porta full size. Bella la finitura gommata per entrambi, che gli consente di essere riposti nello zaino insieme ad altri device senza rischi.

Presente la certificazione Quick Charge 3.0, con una potenza che arriva a 18 Watt su entrambi i modelli.
Il budget che vi verrà richiesto è un po’ più elevato del solito, ma la qualità lo è altrettanto, lo si nota nei piccoli particolari, come le sette ventose posizionate sul lato con ricarica wireless che servono per tenere in posizione lo smartphone e si applicano saldamente alle back cover in vetro.

Scoprite il prezzo più basso su Amazon

Miglior power bank oltre i 15.000 mAh

ANKER PowerCore 20100

Anche in questo caso ANKER ha optato per il supporto alle tecnologie PowerIQ e VoltageBoost piuttosto che alle più diffuse QuickCharge. Le dimensioni rimangono compatte, 166 x 58 x 22 millimetri e 331 grammi di peso, un dato sicuramente valido.

Troviamo un connettore microUSB per la ricarica del power bank e due porte USB Type-A, in grado di erogare 2,4A ciascuna, con una corrente massima in uscita di 4,8 A.

Scoprite il prezzo più basso su Amazon

 

 

Redmi PB200LZM

Il primo power bank proposto da Redmi, il brand cinese che da gennaio 2019 si è reso indipendente da Xiaomi, è disponibile in versioni da 10.000 e 20.000 mAh. Il modello più capace è anche il più interessante.

Offre infatti la ricarica rapida a 18 watt, due porte USB per caricare contemporaneamente due dispositivi, e i connettori USB Type-C e micro USB per poterlo ricaricare in qualsiasi situazione.

La batteria da 20.000 mAh è sicuramente uno dei suoi punti di forza, insieme all’ottimo prezzo. È disponibile solo in colorazione bianca. Scoprite il prezzo migliore su Banggood

 

Miglior power bank wireless

Xiaomi PLM11ZM

Il crescente numero di smartphone con ricarica wireless sta facendo rapidamente decollare il mercato dei power bank con supporto a questa tecnologia. Non poteva mancare Xiaomi con questo power bank da 10.000 mAh, in grado di garantire un’ottima velocità anche nella ricarica cablata.

La batteria interna si carica con un connettore USB Type-C, una uscita USB Type-A con potenza massima di 18 watt. Per quanto riguarda la ricarica wireless invece la potenza massima è di 10W, non il massimo in questo campo.

Scoprite il prezzo più basso su Banggood

 

ANKER PowerCore wireless

ANKER è uno dei produttori di accessori più apprezzati nel panorama mondiale e il recente power bank wireless della linea PowerCore testimonia l’elevata qualità costruttiva. Il power bank offre una ricarica wireless fino a 5 watt, non velocissima ma comunque sufficiente a caricare qualsiasi smartphone, anche i precursori della ricarica wireless.

Sono comunque presenti due porte USB a 12 W per ricaricare rapidamente anche gli smartphone che non supportano la ricarica senza fili.

Scoprite il prezzo più basso su Amazon

Recensione ANKER PowerCore Wireless

XTORM 6000 Essence

Più essenziale, come dice il nome stesso, la proposta 6000 Essence di XTORM, in grado di erogare, in modalità wireless, una potenza di 5 watt. La carica della batteria interna da 6.000 mAh avviene tramite una presa USB Type-C con potenza massima di 18 watt.

Potete ricaricare i dispositivi esterni utilizzando una presa USB Type-C a 18 watt o due USB Type-A a 10,5 watt. Compatte le dimensioni, parliamo di 139 x 68 x 15 millimetri, per un peso di 180 grammi.

Scoprite il prezzo più basso su XTORM

 

 

Miglior power bank rugged

XTORM 10000 Limitless

Non sono molti i power bank rugged, pensati per essere maltrattati, utilizzati sotto il sole o la pioggia senza paura di danneggiarlo. è presente un moschettone, con un robusto nastro in tela, per fissarlo a uno zaino. La capienza è buona, le dimensioni arrivano a 153 x 85 x 20 millimetri, con un peso di 340 grammi. La carica avviene tramite un connettore microUSB a 10 watt.

In uscita invece troviamo una porta USB Type-A con potenza massima erogata di 10 watt. Il power bank dispone di una certificazione IP68, che lo rende resistente anche alle immersioni, e della certificazione MIL STD 810 G, di grado militare.

Scoprite il prezzo più basso su Amazon. Link alla nostra recensione

Questa era la nostra guida ai miglior power bank sul mercato aggiornata al mese di luglio 2021. Ogni mese aggiorneremo i prezzi, inserendo le novità del mercato e togliendo i prodotti che col tempo diventeranno obsoleti. Se avete domande potete utilizzare il box dei commenti per porle.

Vai ora alle altre nostre guide: