Google sta testando il backup manuale su Google Drive in Android 9 Pie

Google sta testando il backup manuale su Google Drive in Android 9 Pie
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/09\/oneplus_6_android_9_pie_1_tta-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/09\/oneplus_6_android_9_pie_1_tta-635x477.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/09\/oneplus_6_android_9_pie_1_tta.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/09\/oneplus_6_android_9_pie_1_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/09\/oneplus_6_android_9_pie_1_tta.jpg"}, "title": "Google sta testando il backup manuale su Google Drive in Android 9 Pie" }

Anche se il backup integrato in Android non offre particolari funzioni, come la possibilità di salvare i dati delle applicazioni, può rivelarsi molto utile per trasferire la lista delle chiamate, i messaggi e i propri contatti su un nuovo telefono.

Attualmente però non è prevista la possibilità di eseguire manualmente un salvataggio dei propri dati su Google Drive, ed è necessario attendere i backup automatici effettuati in base all’ora del giorno e alla percentuale di carica residua. Google ha confermato poco più di un mese fa che in una release futura di Android sarà possibile effettuare manualmente i backup e potrebbe non essere  sufficiente aspettare molto.

Come ha mostrato oggi XDA, grazie all’aiuto dello sviluppatore Quinny899, la funzione è già in test su Android 9 Pie e con alcuni accorgimenti è stato possibile attivarla su un Google Pixel 2 XL con le patch di sicurezza di ottobre, rilasciate da qualche giorno da Google.

Ovviamente permangono i limiti imposti dal backup automatico, ovvero l’impossibilità di salvare le impostazioni delle singole app, ma quanto meno sarà possibile decidere quando effettuare un backup completo, per poter trasferire i dati su un nuovo smartphone o per effettuare un ripristino completo del sistema Android.

Finora l’unica alternativa era quella di ricorrere a un comando ADB per attivare manualmente il backup, o utilizzare soluzioni di terze parti, per le quali spesso è necessario però attivare i permessi di root.

Vai a: Ecco Google Drive con il nuovo Material Theme

Fonte: Xda-developers
Condividimi!