Questo sito contribuisce alla audience di

Google Maps, Google Home, Google Play Musica e G Suite, quante novità interessanti

Piccole ma interessanti novità arrivano su alcune delle applicazioni più utilizzate di Google, con una chicca legata a Google Home e Google Home Mini, i due speaker intelligenti da poco disponibili anche nel nostro Paese.

Partiamo proprio dai altoparlanti che permettono di trovare il proprio smartphone, ammesso che quest’ultimo sia acceso e collegato alla Rete. Vi basterà infatti dire “Hey Google, dov’è il mio telefono” per farvi aiutare nella ricerca dall’assistente vocale di Google. Nel caso aveste più dispositivi connessi al vostro account vi verrà chiesto quale far squillare anche se al momento la scelta è limitata solamente ai due dispositivi usati più recentemente.

Altrettanto gradita è la novità in fase di test da parte di Google Maps, che utilizza punti di riferimento reali per fornire le indicazioni. Invece, ad esempio, di dirvi “gira a destra fra 300 metri”, la voce guida potrebbe dirvi “gira a destra subito dopo Burger King”, una indicazione decisamente più semplice da interpretare.

Non è ancora chiaro quali saranno i punti di interesse utilizzati da Google e quando la funzione sarà disponibile per tutti (ammesso che incontri il gradimento degli utenti che stanno testando la funzione), ma a noi sembra una novità degna di nota.

L’aggiornamento alla versione 8.8 di Google Play Musica invece ha introdotto una nuova sezione Privacy e Posizione che permette di gestire lo storico della propria musica, la propria posizione e i brani suggeriti. È inoltre possibile cancellare completamente la propria libreria, operazione prima possibile solamente tramite l’interfaccia web.

Chiudiamo con una nota dedicata agli amministratori di G Suite, che potranno autorizzare l’installazione di qualsiasi applicazione sugli smartphone gestiti, consentendo comunque di creare una selezione di applicazioni accettate.

Tutte le novità descritte, ad eccezione di quella legata a Google Maps sono in fase di roll out e potrebbero impiegare qualche giorno per raggiungere tutti gli utenti interessati.

Fonte: Androidpolice, 9to5google, Androidpolice, Engadget

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Gabriele

    l’idea di maps mi pare interessante

Top