Xiaomi condivide la sua roadmap degli aggiornamenti ad Android 9 Pie 

Xiaomi condivide la sua roadmap degli aggiornamenti ad Android 9 Pie 
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/recensione_xiaomi_mi_8_lite_tta_10.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/recensione_xiaomi_mi_8_lite_tta_10-460x345.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/recensione_xiaomi_mi_8_lite_tta_10-635x476.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/recensione_xiaomi_mi_8_lite_tta_10.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/11\/recensione_xiaomi_mi_8_lite_tta_10.jpg"}, "title": "Xiaomi condivide la sua roadmap degli aggiornamenti ad Android 9 Pie\u00a0" }

Sempre in prima linea quando si parla di aggiornamenti, Xiaomi condivide un prospetto relativo alle tempistiche (cinesi) di alcuni degli smartphone che si aggiorneranno a breve ad Android 9 Pie.

Una manciata di ore ci dividono dall’ufficializzazione della prima versione beta di Android Q, e il colosso cinese si rimbocca le maniche per far approdare quanto prima la versione del robottino verde che da ieri sera è già invecchiata di un anno.

Il programma è il seguente, ma non aspettatevi date precise perché Xiaomi non ne ha comunicate per il momento. I primi della lista a ricevere Android 9 Pie saranno Xiaomi Redmi Note 5 e Redmi S2.

Se questi ultimi si aggiorneranno entro il primo trimestre dell’anno, cioè a giorni, l’update per Xiaomi Mi MIX 2, Mi Note 3, Mi 6, Redmi 6 e Redmi 6A arriverà nelle settimane successive secondo quanto riportato, comunque entro il secondo trimestre, perciò prima della fine di giugno.

Nessun accenno agli altri smartphone della casa. Xiaomi Mi 6X e Redmi 6 Pro, ad esempio, dovrebbero ricevere in Cina l’aggiornamento ad Android 9 Pie entro la fine di marzo, ma la certezza non c’è per il momento.

Comunque, vi ricordiamo che la roadmap in questione si riferisce al mercato cinese, il che significa che per i modelli globali probabilmente ci vorrà un po’ più di pazienza.

Fonte: Mysmartprice