Un software beta può accusare problemi talvolta molto fastidiosi e tedianti nell’utilizzo quotidiano, soprattutto se al centro c’è una versione totalmente nuova del robottino alle sue prime uscite pubbliche. Così Google ha rilasciato rapidamente la seconda beta di Android P, e Sony non ha tergiversato nell’adattarla al suo Xperia XZ2.

Se in precedenza avevate installato il software “sperimentale”, nessun problema: nelle prossime ore una notifica avviserĂ  della disponibilitĂ  dell’aggiornamento; altrimenti, per entrare nella cerchia dei beta tester, basta seguire le istruzioni del produttore per installare direttamente la nuova beta di Android P contrassegnata dalla sigla PDP-PKQ1.180513.001-10128. La pagina risulta inaccessibile, ma confidiamo nella temporaneitĂ  del disagio.

Sony fa sapere di aver risolto i problemi al volume in chiamata, al microfono, alla ricarica wireless, alle microSD talvolta non riconosciute, alla modalitĂ  notturna, al GPS, al 4G+ e anche al tethering/hotspot Wi-Fi che poteva destabilizzare il sistema. Miglioramenti importanti che, release dopo release, accompagneranno Android P alla stabilitĂ  che deve contraddistinguere un sistema operativo nella sua versione definitiva.

Vai a: Recensione Sony Xperia XZ2: il coraggio di cambiare, a volte, non basta