Sony annuncia cuffie, dispositivi con Android Auto e speaker al CES 2019

Sony annuncia cuffie, dispositivi con Android Auto e speaker al CES 2019
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/sony_logo_ifa18_tta_02-460x345.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/sony_logo_ifa18_tta_02-635x476.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/sony_logo_ifa18_tta_02.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/sony_logo_ifa18_tta_02.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2022\/07\/sony_logo_ifa18_tta_02.jpg"}, "title": "Sony annuncia cuffie, dispositivi con Android Auto e speaker al CES 2019" }

Al CES 2019 che si sta svolgendo in questi giorni a Las Vegas, Sony sta mostrando parecchie novità. Vi abbiamo dato conto delle nuove smart TV ma il produttore giapponese ha presentato numerose novità anche per quanto riguarda il settore audio, in particolare con nuovi speaker, miglioramenti alle cuffie e una nuova unità con Android Auto.

Partiamo con le cuffie della serie WH-1000, che ricevono finalmente il supporto ad Alexa grazie a un aggiornamento del firmware che può essere installato sui modelli WH-1000XM3, WH-1000XM2 e WH-1000X. L’aggiornamento arriverà nel corso del primo trimestre di quest’anno e permetterà di attivare l’assistente vocale di Amazon premendo l’apposito pulsante sulle cuffie.

Novità anche per la serie di speaker portatili EXTRA BASS che si arricchisce di nuovi modelli per il 2019. Si parte dalla serie di dimensioni minori, SRS-XB12, con singolo radiatore passivo, certificazione IP67 e una copertura in materiale simile alla gomma che ne migliora la durabilità. Negli Stati Uniti lo speaker sarà in vendita a 59,99 dollari.

Si prosegue con i modelli SRS-XB22 e SRS-XB32, evoluzioni dei modelli dello scorso anno, con doppio radiatore passivo e speaker stereo full-range, in grado di garantire un suono più corposo e profondo. Anche in questo caso sono presenti la certificazione IP67 e una copertura resistente ai graffi e ai maltrattamenti.

Entrambi ii modelli offrono giochi di luce, con la versione XB32 che permette di ottenere effetti stroboscopici per ravvivare le vostre feste. Migliora l’autonomia, che raggiunge le 12 ore per il modello XB22 e le 24 ore per XB32 (che può essere utilizzato anche per ricaricare lo smartphone).

I prezzi vanno dai 99,99 dollari per SRS-XB22 per arrivare a 149,99 dollari del modello SRS-XB32, entrambi disponibili nel corso della prossima primavera.

Non meno interessante è lo speaker GTK-PG10, in grado di offrire 13 ore di autonomia e proposto a 250 dollari. È dotato di un processore digitale del segnale in grado di ottimizzare le prestazioni all’aperto, rivelando la sua natura festaiola. Aprendo i due pannelli superiori ci sarà una migliore propagazione del suono e verranno scoperti quattro portabicchieri. La parte superiore è resistente agli schizzi, quindi anche in caso di feste “alcoliche” la sopravvivenza dello speaker è garantita.

Chiudiamo quest’ampia carrellata di prodotti Sony, annunciati in questi giorni al CES 2019, con AX7000, una head unit con Android Auto che promette di migliorare la qualità dell’impianto audio della vostra vettura, solitamente di livello base.

Troviamo uno schermo con cornici ridotte da 6,95 pollici con amplificatore Class-D e 100W di potenza erogata. Non mancano i miglioramenti audio come EXTRA BASS, per un suono potente e corposo, e altre funzioni per garantire la miglior esperienza possibile.

A differenza di altri produttori, che si concentrano su componenti esterni da controllare, Sony punta tutto sull’esperienza audio e sulla connettività con lo smartphone, mantenendo il prezzo su livelli accettabili. Manca purtroppo il supporto alla connettività Wireless, ma la presenza di due porte USB semplifica le operazioni di connessione di uno smartphone qualsiasi.

Sony XAV-AX7000 sarà disponibile nel corso dell’estate a un pezzo che non è ancora stato ufficializzato.

 

Fonti: Techcrunch, Androidheadlines, Theverge, Androidheadlines
Condividimi!