Recensione Samsung Galaxy S8 – Lo smartphone Android più atteso e chiacchierato della prima metà del 2017 è senza ombra di dubbio Samsung Galaxy S8.

Noi vi abbiamo già raccontato della variante “maggiorata” nella recensione di Samsung Galaxy S8 Plus, ma oggi trattiamo il piccolino dei due, quello più mainstream e portatile, destinato a macinare numeri di vendita importanti.

Come il suo fratello maggiore, anche Samsung Galaxy S8 ha qualche compromesso dovuto al suo design e ad alcune soluzioni tecniche originali come lo sblocco con riconoscimento dell’iride, aspetti che vanno considerati nel momento in cui si decide di invesitre gli oltre 800€ che servono per portarselo a casa.

Abbiamo realizzato una recensione di Galaxy S8 un po’ diversa dal solito, riassumento in 5 punti l’esperienza di utilizzo che abbiamo avuto nel nostro test, ecco come è andata nel nostro video.

Video recensione di Samsung Galaxy S8

Video recensione di Samsung Galaxy S8 dopo 4 mesi

Unboxing di Samsung Galaxy S8

In confezione troviamo un paio di cuffiette in-hear AKG di buona qualità, un paio di adattatori (micro USB – Type C e USB A – Type C), un cavetto per ricarica e scambio dati e un alimentatore dotato di ricarca veloce con uscita 9v-1,8 A capace di caricare Galaxy S8 Plus in poco più di 2 ore (50% in 40 min).

Una buona dotazione che va ad aggiungersi alla Samsung DeX, docking station venduta separatamente a 149 €.

Hardware & Connettività

A bordo di Samsung Galaxy S8 troviamo un processore proprietario di Samsung, l’Exynos 8896, octa core realizzato con un processo produttivo a 10 nm, accompagnato dalla GPU Mali G71 MP20 e 4 GB di RAM lpDDR4.

Probabilmente avrete sentito parlare di un Galaxy S8 con lo Snapdragon 835, questa variante è però destinata al mercato americano.

Il taglio di memoria base è da 64 GB, espandibile fino a 256 GB con microSD. Vi ricordiamo che anche in questo caso le memorie sono veloci, di tipo UFS 2.1.

La dotazione di sensori è completa e vede solo l’assenza di un porta infrarossi, a nostro parere non fondamentale ma per molti una pecca importante. Acceleromtro, giroscopio, sensore di luminosità, di prossimità, magnetometro e barometro costituiscono i “sei sensi” di Samsung Galaxy S8, ai quali devono essere aggiunti un lettore di impronte digitali ed uno dell’iride.

Non  ci sono più tasti fisici come in passato, ma sotto alla navigation bar virtuale è presente un sensore di pressione che agisce come un force touch ma solo per risvegliare il dispositivo dallo standby.

Parte telefonica e antenne

Come già constatato nella recensione di Samsung Galaxy S8 Plus, i due nuovi flagship coreani hanno uno straordinario comparto telefonico, impeccabile dal punto di vista della ricezione e delle possibilità offerte.

Lo scambio dati avviene in LTE di cat. 16, arrivando ad una velocità teorica di 1 Gbps, il WiFi supporta lo standard AC ed è dotato anche di WiFi bridge, ovvero permette di condividere una rete WiFi a cui è collegato lo smartphone fungendo da access point.

Il Bluetooth è in versione 5.0, un bel vantaggio in termini di portata e di flessibilità, potento trasmettere audio a due dispositivi contemporaneamente ed eventualmente separando i suoni di sistema e le conversazioni dalla riproduzione multimediale.

Prestazioni

Samung Galaxy S8 è uno smartphone molto veloce e performanete anche se non è riuscito a trasmettere quella sensazione di reattività estrema che ci saremmo aspettati.
Come con il suo fratello maggiore abbiamo assistito ad alcuni spordaici lag e ricaricamenti che ci hanno fatto pensare alla necessità di ulteriori affinamenti software.

Nel gaming e in generale nelle situazioni di forte stress, lo smartphone non ha alcun problema mentre al termine di lunghi periodi di standby c’è qualche calo di frame nelle animazioni.
Nulla di preoccupante, potremmo mettere le mani sul fuoco sulle performance di questo device.

Ergonomia, Design & Materiali

Samsung Galaxy S8 è incredibilmente piccolo rispetto alla diagonale del display da 5,8 pollici (148.9 x 68.1 x 8 mm). E’ costruito a regola d’arte con un frame in metallo e due facce in vetro Gorilla Glass 5 con bordi curvi, appare come un oggetto sofisticato e lussuoso, inoltre è resistente ad acqua e polvere con certificazione IP68.

Senza mezzi termini, è bellissimo, non convenzionale, futuristico, appariscente ed elegante. Ci è piaciuto completamente dal punto di vista estetico e non c’è stata persona a cui l’ho mostrato che non abbia espresso lo stesso concetto.

Questo design così estremo ha ovviamente dei compromessi, uno su tutti l’ergonomia. Nonostante le dimensioni ridotte, infatti, si fa un certa fatica ad impugnare saldamente, si ha sempre la sensazione che potrebbe scappare di mano con soffio di vento e bisogna sempre spendere troppa concentrazione per un oggetto che maneggiamo continuamente durante la giornata.

Scivoloso e senza spigoli sembra davvero una saponetta, ma non è tutto, perché all’interno del paragrafo ergonomia si inserisce bene il discorso sul metodo di sblocco.
Fa parte dell’usabilità poco convincente che ha dimostrato Samsung Galaxy S8 durante il periodo di test dal giorno di lancio.

Samsung Galaxy S8

Disporremo del blocco di sicurezza tramite riconoscimento dell’iride che funziona benissimo in alcune condizioni, benino in altre e male quando abbiamo il sole alle spalle o se non posizioniamo con attenzione il telefono di fronte a noi. Non mi sento di bocciare in toto la tecnologia, ma la vedo adatta all’autorizzazione dei pagamenti o al blocco privacy per particolari file, non di certo come metodo di sblocco principale, ci sono troppe variabili di disturbo.

Poi c’è il sensore di impronte digitali, abbastanza veloce ma posizionato talmente male da essere quasi inutilizzabile. Ci ho provato per un paio di giorni ma dover fare contorsionismi con la mano per raggiungerlo senza sporcare il vetro della cam è una bella scocciatura alla lunga.

Lo sblocco con il riconoscimento del volto non è una novità, va bene ogni tanto ma è poco sicuro e non funziona totalmente di notte, inoltre siccome sfrutta la microcam anteriore non può essere attivato insieme allo sblocco con scanner dell’iride.

Display, Audio & Multimedia

Il display è una unità da 5,8 pollici con risoluzione QHD, con bordi curvi, angoli arrotondati e form factor di 18,5:9.
E’ stupendo sotto ogni profilo, luminoso, vibrante, immersivo.

Samsung Galaxy S8

La tecologia è AMOLED e i colori appaiono vividi senza essere innaturali, i neri profondi e gli angoli di visuale estremi, senza dubbio il miglior schermo visto finora su uno smartphone.

Il comparto audio è soddisfacente per quanto riguarda la capsula auricolare, nella media invece per l’altoparlante mono. Ci saremmo aspettati qualcosa in più sotto questo punto di vista, peccato.

La sfera multimediale è avvalorata dal Bluetooth 5.0 che consente di trasmettere l’audio su due dispositivi contemporaneamente. In molte situazioni sarà come avere una marcia in più.

Fotocamera

Samsung Galaxy S8 possiede una fotocamera prncipale da 12 mega pixel con lenti stabilizzate F/1.8 e tecnologia dual pixel autofocus.

A livello hardware non ci sono grosse differenze nella scheda tecnica rispetto a Galaxy S7/Edge, di fatto però il miglioramento è sensibile, come abbiamo visto nel nostro confronto tra Samsung Galaxy S8 Plus e Galaxy S7 Edge.

Samsung Galaxy S8

Di Galaxy S8 ci è piaciuta l’affidabilità, difficilmente infatti sbaglia la foto e otterrete quasi sempre delle belle immagini in ogni condizione di illuminazione. Ancora una volta il flagship coreano si pone come riferimento per il mondo mobile.

Un passo in avanti c’è stato anche per la cam anteriore da 8 mega pixel, finalmente dotata di autofocus e all’altezza del resto dei componenti.
Il comparto video è in linea con le performance fotografiche, grande qualità e ottima stabilizzazione ottica e digitale combinate fino al 4K.

Batteria & Autonomia

La batteria da 3000 mAh potrebbe sembrare “stiracchiata” considerando l’hardware con cui è equipaggiato Samsung Galaxy S8, in realtà la buona efficenza energetica del processore e l’ottimizzazione software permettono di ottenere un’autonomia soddisfacente.

Riuscirete ad arrivare a sera senza grossi problemi, senza comunque dover esagerare con la luminosità e l’utilizzo della fotocamera. Eventualmente avrete a disposizione diverse possibilità di risparmio energetico, tra cui un’opzione per simulare la risoluzione FHD del display, condizione nella quale il calo qualitativo del display è impercettibile.

In altri termini otterrete mediamente 4h di display acceso in un periodo di attvità di 12/15h.

Software

Una parte importante per la recensione di Samsung Galaxy S8 è il comparto software che vede la presenza di Android 7.0 Nougat con personalizzazione chiamata Samsung Experience in versione 8.1.

Si tratta di una customizzazione radicale del robottino verde che offre tante funzioni avanzate e possibilità di personalizzazione.
Come da tradizione Samsung è stato riservato un occhio di riguardo per la produttività e per la privacy, attorno a queste due aree, infatti, ruotano la maggior parte dei vantaggi rispetto ad Android puro.

Ci è piaciuta l’organizzazione dei menù e la grafica che rendono un po’ più intuitivo un software altrimenti confusionario a causa dell’estrema complessità e ricchezza di funzonalità.

Le app preinstallate includono tutti i servizi di Google e qualche tool di base ben realizzato, come calendario, note o file manager. Dallo store di Samsung potrete poi scaricare tanti altri programmi gratuitamente.

Novità per il 2017 è Bixby, che può godere anche di un tasto dedicato per l’attivazione. Al momento si tratta di pura potenzialità per quello che dovrebbe essere un assistente virtuale completo e flessibile, in grado di competere con Google Assistant e Siri.

Entro fine anno saranno abilitate anche le funzioni vocali in italiano e questo aprirà nuovi scenari di utilizzo.
Per ora non abbiamo trovato un reale valore aggiunto in Bixby, capace di riconoscere oggetti tramite la fotocamera e unire feed di notizie e attità nella pagina dedicata del launcher.

In conclusione

La recensione di Samsung Galaxy S8 si conclude con uno sguardo generale sul prodotto, proposto con un prezzo di listino di 829€ in Italia.

Ci aspettavamo una differenza maggiore rispetto all’esperienza di utilizzo ottenuta con Galaxy S8 Plus: nella recensione avevamo sottolineato una certa mancanza di praticità compensata dalla grande qualità di tutti i componenti ma per il fratello minore dobbiamo ribadire le stesse considerazioni, al netto di piccoli cambiamenti.

Samsung Galaxy S8 è uno smartphone che rivoluziona il concetto di rapporto tra display e dimensioni, ha un design inarrivabile e una qualità estrema di ogni comparto.
Attualmente è il prodotto che integra le migliori teconologie e apporta alcune innovazioni rispetto al passato, ma tutto ciò deve convivere con alcune soluzioni imperfette che ne limitano la piacevolezza d’uso.

Se siete disposti a scommettere sulla novità è certamente la miglior scelta possibile ma il prezzo è salato e la perfezione è ancora lontana.

Pagella

9.7
Display
8.0
Ergonomia
9.9
Hardware
9.5
Software
8.0
Batteria
9.6
Fotocamera
7.8
Qualità/prezzo
10
Materiali
8
Audio
9.1
Esperienza Utente
9.2