Recensione HTC U11 Plus – Sarebbe dovuto arrivare qualche settimana fa, HTC U11 Plus è il diretto successore del flagship taiwanese per il 2017, HTC U11, e ne rappresenta l’evoluzione sotto tanti punti di vista, pur conservandone i tratti salienti.

Nella nostra recensione di HTC U11 Plus scopriamo se è riuscito a farsi perdonare il ritardo e se può rappresentare un po’ di ossigeno per la difficile situazione finanziaria di HTC.

Video recensione di HTC U11 Plus

Unboxing di HTC U11 Plus

In confezione troverete una cover in plastica rigida, un adattatore Type-C/Jack audio con DAC integrato, un paio di cuffiette U-Sonic con riduzione del rumore attiva, il cavetto USB/Type-C per ricarica e scambio dati e l’alimentatore da parete con uscita QC 3.0 12V-1,25A.

Hardware & Connettività

Il nuovo top smartphone di casa HTC prevede una dotazione tecnica completissima e competitiva: il processore è un Qualcomm Snapdragon 835, accompagnato dalla GPU Adreno 540, 6 GB di RAM LPDDR4 e 128 GB di memoria interna UFS 2.1

HTC U11 Plus è dotato di quasi tutti i sensori: accelerometro, giroscopio, magnetometro, orientamento, manca invece il barometro.
Completa anche la parte di connettività con LTE di Cat. 15, WiFi ac, Bluetooth 5.0, NFC, GPS, assente la radio FM.

Rispetto al predecessore, su questo device debutta uno schermo 18:9 con cornici ridotte al minimo, ciò ha costretto i progettisti a posizionare sulla parte posteriore il lettore di impronte digitali, il sensore è piuttosto veloce e preciso nel riconoscimento biometrico, tuttavia non ci ha convinto la finitura lucida e il poco stacco tra la superficie della scocca, aspetti che non lo rendono facilmente riconoscibile al tatto.

Parte telefonica e connettività

HTC U11 Plus è potenzialmente un dual SIM ma dovrete rinunciare all’espansione della memoria con microSD (fino a 2 TB).
La ricezione del segnale non è stratosferica come il suo fratello minore, ma rimane di alto livello e si piazza senza alcun dubbio tra i migliori smartphone in assoluto.

Buona anche la qualità audio in capsula e in vivavoce, grazie soprattutto all’emissione audio stereo (speaker mono + capsula auricolare condivisa).
Durante i giorni di test non abbiamo riscontrato alcuna anomalia nelle varie connessioni wireless, U11 Plus si conferma quindi affidabile anche sotto questo punto di vista.

Prestazioni

L’hardware equipaggiato su questo smartphone mette al riparo da qualunque inconveniente lato prestazioni, la reattività del software è assoluta e si traduce in una piacevolissima esperienza di utilizzo in tutti i contesti, compresi quelli di gaming e navigazione web.

Ergonomia, Design & Materiali

HTC ha scelto di non rivoluzionare il design del suo top di gamma, tuttavia sono spariti alcuni particolari interessanti di U11 che danno alla versione Plus un connotato decisamente diverso e più serioso.

Lo smartphone appare molto elegante e raffinato, meno atipico del predecessore perché perde tutte le distorsioni sui riflessi della back cover in vetro.
Anche la parte anteriore è stata modificata per accogliere il display 18:9 e ha perso anche quella curvatura del vetro 2.5d molto accentuata che caratterizzava il design.

Le dimensioni sono lievitate in lunghezza e leggermente ridotte in larghezza (158.5 x 74.9 x 8.5 mm), HTC U11 Plus è uno smartphone abbastanza grande e scomodo da tenere in mano ma in particolare ci ha colpito la sua estrema scivolosità, dovuta ad un design che ricerca la linearità di tutti gli incastri, bella a vedersi ma assolutamente poco funzionale.
Dobbiamo segnalare anche il peso di 188 grammi che si fanno sentire e nel contempo gli conferiscono un piacevole senso di solidità.

In generale HTC U11 Plus è uno smartphone che esteticamente non rappresenta una novità e soprattutto la parte frontale risulta molto simile a quella di altri prodotti, e volendo, è anche un po’ anonima.
Detto ciò stiamo parlando di un telefono dalla qualità costruttiva elevatissima, con la certificazione IP68 che ne impreziosisce ulteriormente la carta d’identità.

Display, Audio & Multimedia

Il display di HTC U11 Plus rappresenta la vera novità rispetto al predecessore, in particolare per quanto riguarda il rapporto di forma che passa a 18:9.

La tecnologia invece rimane la stessa e la scelta non ci ha convinto fino in fondo, specialmente in questo momento in cui tutti i top brand stanno migrando verso una tecnologia AMOLED in luogo di quella LCD.

Si tratta comunque di una bella unità IPS con diagonale di 6 pollici e risoluzione QHD. Manca un po’ di potenza nella retroilluminazione e di conseguenza anche di leggibilità sotto la luce del sole, sicuramente una spanna sotto ai principali competitor.
Per il resto ottima la calibrazione così come il comportamento della luminosità adattiva.

Il comparto audio è affidato ad uno speaker mono, al quale si aggiunge la capsula auricolare condivisa con funzione di tweeter, la qualità è davvero buona mentre il volume lo aspettavamo più alto.
Non c’è il jack audio per le cuffie, in confezione comunque troverete un adattatore Type-C/Jack audio con DAC integrato.

HTC U11 Plus può contare anche sul sistema USonic che, con cuffie originali, permette di gestire con estrema precisione l’impronta sonora, adattandola alla propria unica conformazione del sistema uditivo.

Fotocamera

La fotocamera principale di HTC U11 Plus non è stata modificata rispetto al predecessore e per questo rischia di passare inosservata pur rimanendo una delle parti migliori dello smartphone e uno dei principali motivi che potrebbe farvene innamorare.

Si tratta di un sistema con stabilizzazione ottica e apertura F/1.7 che veicola luce ad un sensore da 12 MP con tecnologia UltraPixel.

Le foto sono stupende in ogni situazione, rivaleggiano con i migliori device del segmento premium e per alcuni aspetti risultano al di sopra di tutti gli altri. In particolare è sorprendente l’estensione della gamma dinamica, aspetto ulteriormente spinto dal ricorso frequente alla funzione HDR Auto che restituisce colori e intensità gradevolissimi.
Una piccola difficoltà l’abbiamo scovata nella gestione del rumore a bassissima luminosità, qui Google Pixel 2 XL non ha rivali grazie all’elaborazione software.

Bene anche i selfie la cui risoluzione è scesa a 8 MP rispetto ai 16 di U11 ma la qualità è rimasta molto buona nonostante l’assenza dell’AF.

Video eccellenti anche in 4K, sfruttano una perfetta stabilizzazione ottica e consentono una cattura dell’audio 3D veramente straordinaria, potrete anche divertirvi con la funzione Zoom Audio che va ad intensificare l’audio proveniente dall’area in cui andate ad effetuare lo zoom digitale.

Batteria & Autonomia

La batteria è da 3900 mAh e garantisce l’ottima autonomia di circa 2 giornate piene.
In termini numerici riuscirete a coprire circa 6h30min di schermo acceso con un utilizzo medio, valori che possono anche salire con utilizzo molto stressante.

Non siamo mai riusciti a tenere operativo HTC U11 Plus per due giorni completi ma le sue performance consentono di affrontare senza pensieri anche le giornate fuori casa e ritrovarsi alla sera con un bel gruzzolo di energia di riserva.

Software

HTC U11 Plus arriva sul mercato già aggiornato ad Android 8.0 Oreo con una convincente personalizzazione di HTC, che punta a non modificare radicalmente l’esperienza d’uso di Android puro e ad impreziosirla con alcune soluzioni pratiche e utili.

Rispetto alla HTC Sense di HTC U11, qui troviamo Edge Laucher che permette di richiamare in sovraimpressione un semicerchio a due livelli con scorciatoie per contatti, applicazioni e comandi rapidi, comparirà in ogni schermata sfruttando i bordi sensibili alla pressione iconici di HTC 11. (vedete la funzionalità ritratta in foto).

Sono state ulteriormente potenziate le interazioni con lo squeeze, aggiungendo la possibilità di personalizzare i comandi per ogni singola applicazione e assegnando funzioni personalizzate, non manca come sempre Boost Plus, ovvero un comodo strumento per mantenere pulita la memoria e gestire il risparmio energetico.

HTC riserva sempre un occhio di riguardo per le app base, come “Telefono” o le mail, ottimo anche il launcher che con Oreo si arricchisce delle icone attive con comandi rapidi e di un paio di swipe per l’utilizzo a una mano, nella fattispecie swipe su per attivare il menù applicazioni, swipe giù per la tendina delle notifiche.
Ci è piaciuta anche la particolare funzione che permette di inserire una doppia navigation bar, con tanti comandi in seconda funzione che tornano utili per risparmiare qualche tocco.

Infine non sottovalutiamo l’impatto di Android 8, un aggiornamento ben riuscito per il robottino verde, capace di portare l’esperienza di utilizzo ad un livello superiore grazie a tanti piccoli dettagli affinati nel tempo da Google.

In conclusione

Siamo alle battute finali della recensione di HTC U11 Plus, smartphone proposto a 799€ di listino.

HTC è riuscita a creare uno smartphone convincente a tutto tondo, migliorando quei piccoli dettagli che rimanevano ancora scoperti sul modello precedente.
Questo processo di svecchiamento e potenziamento ha fatto perdere un po’ di carattere al device ma l’ha indubbiamente migliorato sotto il profilo della completezza hardware, delle prestazioni e del design.

Attualmente HTC U11 Plus si pone in diretta competizione con i migliori smartphone Android in commercio, forte di un prezzo di listino leggermente inferiore e di una scheda tecnica impressionante.
Difficile decidere quale tra questi sia il migliore, di sicuro possiamo dirvi che HTC U11 Plus non ha nulla da invidiare ai vari LG V30, Huawei Mate 10 Pro, OnePlus 5T, Samsung Galaxy Note 8, Google Pixel 2 XL e non presenta difetti rilevanti, casomai qualche piccola sbavatura come un display non al top e un design accattivante ma poco funzionale, tutto resto sta al vostro gusto.

Per il momento potete preordinare HTC U11 Plus sul sito ufficiale.

Altre offerte

Pagella

9.0
Display
7.0
Ergonomia
9.8
Hardware
9.4
Software
8.5
Batteria
9.5
Fotocamera
7.4
Qualità/prezzo
10
Materiali
9
Audio
9.3
Esperienza Utente
9.1