OnePlus 6T riceve LineageOS 16 non ufficiale e tante altre custom ROM

OnePlus 6T riceve LineageOS 16 non ufficiale e tante altre custom ROM
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/onePlus_6T_23_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/onePlus_6T_23_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/onePlus_6T_23_tta-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/onePlus_6T_23_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/onePlus_6T_23_tta.jpg"}, "title": "OnePlus 6T riceve LineageOS 16 non ufficiale e tante altre custom ROM" }

OnePlus 6T trae subito vantaggio dalla riapertura del programma di seeding sotto forma di nuove custom ROM, come ad esempio la LineageOS 16 e la nuova CarbonROM non ufficiali.

Sin dal triste giorno della morte del programma Nexus gli smartphone OnePlus sono diventati un vero e proprio punto di riferimento per la community degli sviluppatori e per tutti gli appassionati di modding. Se con il passare delle generazioni i prezzi di listino sono cresciuti di pari passo con il livello qualitativo degli smartphone del giovane brand cinese, tanto da non poter essere più propriamente definiti “economici”, OnePlus non ha smarrito al propria anima developer-friendly.

Gli smartphone OnePlus permettono non solo di sbloccare facilmente il bootloader, ma consentono soprattutto agli utenti di non perdere la garanzia in conseguenza di questa operazione e di avere accesso ai sorgenti del kernel in modo insolitamente tempestivo (basti pensare che quelli di OnePlus 6 e OnePlus 6T sono stati rilasciati già il giorno del lancio).

La volontà di OnePlus di mantenere un buon rapporto con la community e di sostenere il lavoro di sviluppo sui device è dimostrata anche dalla predisposizione di un seeding program, che prevede la distribuzione di smartphone agli sviluppatori. I risultati di questo programma sono evidenti, basti guardare alle fiorenti community che si sono raccolte attorno a tutte le precedenti generazioni di smartphone OnePlus, i cui utenti appassionati di modding non devono far altro che scegliere ed attingere a piene mani ciò che preferiscono.

Di recente OnePlus aveva annunciato la temporanea sospensione del seeding program dettata dalla necessità di una revisione dei criteri di selezione e dei canali di comunicazione. Il produttore è stato di parola ed infatti il programma è stato prontamente riaperto qualche giorno fa, rivolgendosi questa volta ad un più ristretto gruppo di sviluppatori.

La riapertura del programma ha dato subito i propri frutti per OnePlus 6T: l’ultimo nato del brand ha subito ricevuto diverse nuove custom ROM, ovvero unofficial LineageOS 16.0, unofficial CarbonROM cr-7.0, unofficial CypherOS 7.0 e official crDroid. Tutte queste ROM sono basate su Android 9 Pie e ciascuna di esse ha delle peculiarità. Se siete possessori di OnePlus 6T e siete curiosi di conoscerle un po’ più da vicino, qui sotto trovate i link utili:

Vai a: OnePlus 6T contro HONOR View20 (video confronto)

 

Fonte: Xda-developers