AnTuTu rilascia i dati di maggio 2017 sulle preferenze dei consumatori sugli smartphone

AnTuTu rilascia i dati di maggio 2017 sulle preferenze dei consumatori sugli smartphone
{ "img": {"small":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_04.jpg","medium":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_04-460x259.jpg","large":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_04-635x357.jpg","full":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_04.jpg","retina":"https:\/\/www.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/08\/Smartphone_Vari_5Ago_tta_04.jpg"}, "title": "AnTuTu rilascia i dati di maggio 2017 sulle preferenze dei consumatori sugli smartphone" }

AnTuTu ha pubblicato una serie di grafici che ci indicano quali sono le preferenze dei consumatori per quanto riguarda le specifiche dei loro smartphone, anche se forse sarebbe più corretto parlare di diffusione.

Si tratta di dati provenienti da coloro che hanno utilizzato la nota piattaforma di benchmark, dunque non di una ricerca statistica globale. Andiamo a scoprire dunque queste preferenze su risoluzione e dimensioni display, SoC, numero di core, quantità di RAM e memoria interna e infine versione del sistema operativo Android.

Risoluzione display

Risultato piuttosto prevedibile in questo campo: ad avere la meglio con il 72% è la risoluzione Full-HD (1920 x 1080 pixel), seguita a grandissima distanza da QHD (2560 x 1440 pixel) e HD (1280 x 720 pixel).

Dimensione display

Battaglia vera invece nel campo della dimensione: la spuntano di pochissimo, con il 27,51%, i 5,5 pollici, tallonati dai 5,1 pollici (26,33%); al di là di alcune diagonali tipiche c’è molta varietà, e dunque non sorprende che al terzo posto ci sia il valore “altro”. Da notare che i 6 pollici arrivano al 6%, una percentuale poi non così bassa. Con l’avvento dei display con cornici ridotte (come quelli di Galaxy S8 e LG G6) le dimensioni generose sono probabilmente destinate ad aumentare di popolarità.

SoC

Non c’è molta storia in questa categoria: ad avere la meglio è Qualcomm, i cui SoC sono presenti sul 63,84% dei dispositivi passati su AnTuTu a maggio; segue Huawei (Kirin) con il 15,92% e MediaTek con il 15,60%, mentre Samsung, con i suoi Exynos, è appena al 2,27%. Anche in questo caso c’è poco di cui rimanere sorpresi.

Numero di core

Il numero di core è sensibilmente aumentato negli ultimi anni: lo dimostrano i dati qui in basso, secondo i quali i più diffusi risultano gli octa-core (60,11%), che arrivano quasi a “doppiare” i quad-core (ad esempio Snapdragon 820); interessante notare come i deca-core (tra i quali MediaTek Helio X25) raggiungano la percentuale del 4,33%.

RAM

Anche la memoria RAM è cresciuta negli ultimi tempi, com’è giusto che sia: nel grafico qui in basso è una bella lotta tra i 4 GB e i 6 GB, con i primi che hanno la meglio di pochi punti percentuale (35,50% contro 32,54%). Staccati, con il 21,81%, troviamo i 3 GB, ancora più che sufficienti per far girare adeguatamente il sistema operativo. È probabile che in un futuro non troppo lontano vedremo comparire nella “torta” anche gli 8 GB.

Memoria interna

Fortunatamente i piccoli tagli di memoria sono sempre più rari: come potete vedere i 128 GB di storage (11,74%) superano in diffusione/preferenza il vecchio tipico taglio da 16 GB (9,52%). I più diffusi sono i 64 GB (51,04%), seguiti a distanza dai 32 GB, che si fermano al 24,23%.

Versione Android

Concludiamo con la classica nota dolente del nostro amato sistema operativo: dato che il report tiene conto dei dispositivi passati da AnTuTu non siamo comunque sorpresi di vedere numeri decisamente più incoraggianti di quelli globali. È Android 6.0.1 Marshmallow ad avere la più alta diffusione (31,62%), ma è seguito da vicino da 7.0 Nougat (26,92%). A una discreta percentuale arriva anche la versione 7.1.1, che raggiunge il 16,09%; 5.1.1 Lollipop non riesce a superare la soglia del 5%, mentre le altre versioni insieme si fermano a poco più del 10%.

Per la maggior parte delle categorie è probabilmente più corretto parlare di diffusione più che di preferenze, visto che il consumatore non ha sempre a disposizione la scelta desiderata. Vi ritrovate in questi numeri? Fateci sapere cosa ne pensate nel solito box qui in basso.

Vai a: migliori smartphone per prezzo/prestazioni secondo AnTuTu

Fonte: Gizmochina