Nuovi cambiamenti in arrivo per due tra le app e i servizi più utilizzati, ossia Google Chrome e Google Contatti. L’apprezzato browser potrebbe sfruttare l’intelligenza artificiale di Gemini per suggerire password più complesse, e starebbe iniziando a offrire una novità che gli “amanti” dei PDF apprezzeranno, mentre l’app per la rubrica sta accogliendo un ulteriore cambiamento riguardante una delle schede principali. Scopriamo tutto più nel dettaglio.

Google Chrome potrebbe suggerire le password con l’IA e offrire la firma digitale

Partiamo da Google Chrome, che potrebbe presto accogliere una funzionalità pensata per aiutare gli utenti a scegliere password più complesse. Come scovato da Leopeva64 e condiviso su X, in alcune parti di Gerrit sono spuntati riferimenti a Google Gemini, che possiamo apprezzare nelle immagini qui sotto; queste ci danno una panoramica di come l’IA di Big G possa essere integrata in Chrome per suggerire l’inserimento di password.

Offerta

LG OLED 55'', 4K, Serie B3 2023

Processore α7 Gen6, AI Super Upscaling, Dolby Vision, Dolby Atmos, 2 HDMI 2.1 @@48Gbps, VRR, ThinQ AI, Wi-Fi, webOS 23

826€ invece di 979€
-16%

A quanto pare, l’IA di Gemini potrebbe essere utilizzata per generare password più complesse, quando richiesto: in tal caso, gli utenti dovrebbero poter visualizzare i suggerimenti quando è il momento di creare una nuova password o quando è necessario aggiornarne una. Potrebbe trattarsi di una funzione interessante, ma sarà davvero sicuro utilizzare l’intelligenza artificiale per creare password?

Come tutti i Large Language Model (LLM), Gemini potrebbe diventare vittima di fughe di notizie o attacchi creati per indurre l’IA a fornire informazioni private, proprio come i dettagli di accesso in questione. Insomma, come probabilmente saprete, in questo campo nulla è sicuro al 100%, e una minima percentuale di rischio è presente praticamente ovunque: siamo comunque certi che Google implementerà ulteriori funzionalità di sicurezza per garantire la massima tranquillità possibile agli utenti.

Restiamo su Chrome perché la più recente versione beta del browser sta iniziando a integrare una funzionalità per firmare digitalmente i documenti PDF. Sappiamo già che Chrome integra la possibilità di visualizzare tali documenti in modo rapido e semplice, senza che gli utenti debbano lasciare il browser e aprire un’altra applicazione. Le più recenti versioni stabili dispongono di ancora più strumenti per visualizzare al meglio i file PDF, in modo da ingrandirli, adattarli, ruotarli, e così via.

Come fatto notare sempre da Leopeva64 su X, nella più recente versione di Chrome Canary (la 126) è spuntato un flag dal nome ” PDF Ink Signatures” che abilita la possibilità di annotare e scrivere sui PDF, ma per il momento non sembra portare a qualcosa di concreto. Solo pochi servizi dedicati offrono solitamente questa possibilità di firma digitale, come ad esempio la suite Acrobat. Per dare un’occhiata al nuovo flag, la cui attivazione come detto non sembra portare per ora a nulla, potete scaricare Chrome Canary in versione web e digitare “chrome://flags/#pdf-ink2” nella barra degli indirizzi.

Naturalmente vi sconsigliamo di sfruttare la release sperimentale di Chrome per l’uso di tutti i giorni, visto che potreste incorrere in problemi di instabilità o bug più o meno gravi. Siamo sicuri che torneremo presto sull’argomento, quindi continuate a seguirci.

Google Contatti accoglie la rinnovata scheda Organizza

Passiamo a Google Contatti perché è in distribuzione la novità che vi avevamo anticipato un mesetto fa: la terza scheda principale, che fino a questo momento si chiamava “Correggi e gestisci“, su Android sta prendendo il nome “Organizza” e sta accogliendo una riorganizzazione delle voci al suo interno.

Come potete vedere negli screenshot qui sotto, le funzionalità incluse all’interno della scheda rimangono sostanzialmente le stesse, ma sono organizzate e visualizzate in modo differente: ora c’è una lunga lista di funzioni, suddivise in due sezioni denominate semplicemente “Google” e “Questo dispositivo“; sono spariti i pulsanti di grandi dimensioni con bordi arrotondati, ma in compenso sono apparse brevi descrizioni al di sotto di ciascuna voce (in modo da aiutare gli utenti).

Nella sezione “Google” abbiamo:

  • Unisci e correggi
  • Promemoria
  • Contatti di emergenza
  • Gruppo Famiglia
  • Ripristina contatti
  • Cestino

Nella seconda parte della lista, nella sezione “Questo dispositivo“, trovano invece posto:

  • Suonerie dei contatti
  • Gestisci SIM
  • Importa da file
  • Esporta in un file
  • Numeri bloccati
  • Impostazioni

Altra novità derivante da questo cambiamento è costituita dalla persistenza della barra di ricerca superiore: come potete vedere negli screenshot più su, resta a disposizione anche in questa schermata, contrariamente a prima.

La nuova scheda “Organizza” è in rollout lato server a partire dalla versione 4.29 di Google Contatti. Per verificare di disporre della più recente versione ed eventualmente aggiornare l’app potete seguire il badge qui in basso verso il Google Play Store.

Offerta

Motorola Smart Tag

Compatibile con tutti gli smartphone e soprattutto la nuova rete Trova il mio dispositivo di Google

29€ invece di 39€
-26%