Google Pixel 5 e Google Pixel 4a 5G, gli ultimi due nati della serie di smartphone Made by Google, sono entrati ufficialmente nel programma Android Enterprise Recommended e, contestualmente, hanno ricevuto la certificazione ioXt in materia di sicurezza.

Se nella giornata di ieri vi avevamo raccontato di come i due nuovi Pixel si apprestino a migliorare lo sfruttamento del Dual SIM anche in 5G, oggi arrivano due attestati del livello di sicurezza che i due device sono in grado di offrire.

Android Enterprise Recommended

Android Enterprise Recommended √® il programma gestito da Google che raccoglie i dispositivi Android particolarmente consigliati per un utilizzo aziendale. Di recente Big G ha persino iniziato a mostrare il periodo di supporto di tali smartphone, in modo da rendere le scelte delle aziende pi√Ļ oculate.

Se nella giornata di ieri vi avevamo parlato dell’importantissima adesione di Samsung al programma, oggi (non che questo rappresenti una sorpresa) Google Pixel 5 e Google Pixel 4a 5G entrano ufficialmente nella lista degli smartphone Android Enterprise Recommended.

ioXt Security Pledge

Google Pixel 5 e Google Pixel 4a 5G possono fregiarsi anche di una seconda certificazione di sicurezza: l’ioXt Security Pledge.

Quest’ultima riunisce una serie di standard industriali attraverso i quali viene attestata la sicurezza di un dispositivo, non solo smartphone. Tra i fattori che vengono tenuti in considerazione per la certificazione o meno di un device figurano la sicurezza delle applicazioni preinstallate, i sistemi di autenticazione biometrica integrati, la frequenza degli aggiornamenti di sicurezza e non solo.

I primi smartphone a ricevere questa certificazione, lo scorso mese di agosto, erano stati proprio Google Pixel 4 e 4 XL. A partire da quel momento Google aveva assunto l’impegno di sottoporre tutti i propri futuri smartphone alla certificazione ioXt, richiesta per qualsiasi smartphone aggiornato ad Android 11 e presa in considerazione ai fini dell’inserimento nel programma Android Enterprise Recommended, di cui rappresenta quindi un prerequisito.

Pixel 4a 5G

Pixel 5

Leggi anche: Recensione Google Pixel 5: cambiano le priorità (in bene) ma resta la sostanza