Questo sito contribuisce alla audience di

Google Store lancia Country Picker, per acquistare all’estero

Tutti produttori mondiali, non solo quelli di smartphone, commercializzano alcuni prodotti solo in determinati Paesi, rendendo difficile il loro acquisto in altri mercati. Non fa eccezione Google che, ad esempio, non commercializza i Google Pixel nel nostro Paese, obbligando chi ne volesse acquistare uno a ricorrere a siti stranieri.

Come vi abbiamo anticipato qualche giorno fa Google ha lanciato ufficialmente Country Picker sul Google Store che vi permetterà di scegliere da quale Paese acquistare il prodotto che state cercando. Ufficialmente Google offre questa possibilità per permettere, ad esempio, di regalare Google Home a un amico che vive a New York.

Con Country Picker potrete accedere dall’Italia al sito USA, effettuare l’acquisto, pagare con una carta di credito italiana e farlo spedire all’indirizzo di New York. In precedenza non era possibile accedere agli store stranieri né tanto meno pagare con una carta di credito che non fosse stata rilasciata in quel Paese.

Oltre a permettere di regalare o spedire prodotti all’estero, Country Picker permetterà agli italiani di acquistare prodotti non disponibili in Italia e farseli recapitare a casa, a patto ovviamente di conoscere qualcuno nel Paese nel quale viene effettuato l’acquisto.

Sfrutterete questa opportunità per acquistare, ad esempio, un Google Pixel o un Google Pixel XL? Il box dei commenti è a vostra disposizione.

Fonte: Google

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Lino99

    Citando dall’articolo “permetterà agli italiani di acquistare prodotti non disponibili in Italia e farseli recapitare a casa, a patto ovviamente di conoscere qualcuno nel Paese nel quale viene effettuato l’acquisto”

    Per come la vedo io, è proprio questa caratteristica a rendere il servizio inutile. Se conosco qualcuno negli USA di cui mi fido per farmi spedire in Italia l’oggetto X acquistato sul sito Y americano [Condizione necessaria con questo servizio] allora potrei anche inviare al mio amico USA i soldi necessari, lui lo compra e me lo spedisce. Dato che questa persona di fiducia è indispensabile anche con questo servizio, cambia soltanto che il pagamento lo effettuo io che acquisto e non il fantomatico amico negli USA, ma che comunque è necessario (potrebbe benissimo tenersi l’oggetto acquistato e non spedirmelo).

    Sarebbe una novità assoluta invece se una big come Google avviasse un servizio del genere che permette di comprare in un paese estero con spedizione ad un indirizzo locale di un magazzino (ad esempio) Google che poi provvede a rispedirlo nel paese da cui hai comprato, con anche un supplemento di spedizione. Servizi del genere esistono già, ma, essendo piccole realtà e non Google, i prezzi di spedizione sono proibitivi.

    • scumm78

      esistono tantissimi servizi “proxy” per farsi spedire le cose quindi diciamo che l’indirizzo del paese non e’ un problema grosso. Prima era molto piu’ difficile perche’ avevi bisogno anche di una vpn e onestamente far transitare la tua carta di credito su una vpn non mi pare una grande idea.

  • DaniloG

    domanda: ma uno smartphone americano non ha problemi in Italia? grazie per la risposta!

    • Gianni

      Dipende molto dallo smartphone. Io in america ho acquistato qualche anno fa un Nexus 5, proprio perché acquistato in america alcune bande del LTE non sono compatibili (io ho non posso usufruire del LTE di Wind).
      Iphone invece produce diverse versioni, alcune sono compatibili con l’europa, altre no

    • Flavio

      Se è unlocked non credo ci siano problemi…

Top