Android deve restare libero? Google lo chiede alla Commissione Europea

Nello scorso mese di aprile la Commissione Europea ha inviato a Google uno Statement of objections esprimendo alcune perplessità sulle politiche del colosso di Mountain View. In particolare la Commissione Europea chiedeva chiarimenti in merito alla preinstallazione delle applicazioni di Google all’interno dei dispositivi dotati di Android.

Ci sono voluti alcuni mesi affinché Google preparasse la risposta che è stata pubblicata su “The Keyword“, il nuovo blog ufficiale della compagnia, ma ne è sicuramente valsa la pena. Nel lungo documento, che potete leggere integralmente visitando il link a fine articolo, Google ricorda alla Commissione Europea l’origine di Android, un sistema operativo open source che offre scelte ad ogni curva, Choiches at every turn come afferma Kent Walker, vice presidente di Big G e autore del post.

Sono 1 300 i produttori che distribuiscono oltre 24 000 dispositivi con Android a bordo e che hanno permesso agli smartphone di essere ormai onnipresenti nelle nostre vite. Gli sviluppatori europei, 1 300 000 secondo Google, possono distribuire le loro creazioni a oltre un miliardo di utenti in tutto il mondo attraverso un’autostrada piena di possibili scelte alternative.

Kent Walker ricorda alla Commissione Europea, nel caso ce ne fosse bisogno, che Google opera in un mercato dove sono presenti dei competitor, prima fra tutte Apple e che le due compagnie sono in competizione, fatto noto anche ai cittadini europei che hanno risposto a una indagine di mercato della stessa Commissione.

In seconda battuta sembra che la Commissione Europea non tenga in considerazione gli sviluppatori e la pericolosità della frammentazione, che renderebbe loro impossibile la vita. Android è un sistema operativo Open Source e ogni produttore può prenderlo e modificarlo a proprio piacimento per adattarlo alle proprie necessità. Google vuole però semplificare le cose permettendo agli sviluppatori di fare il loro lavoro con la certezza che le applicazioni da loro create funzionino su ogni dispositivo dotato di Android.

Walker prosegue ricordando che la Commissione Europea afferma che Google non dovrebbe chiedere ai produttori di installare le proprie applicazioni. In realtà nessun produttore ha l’obbligo di preinstallare qualsivoglia app di Big G su uno smartphone Android, ma la maggior parte di essi lo fa per garantire agli utenti la presenza di una serie di strumenti familiari e di servizi base per l’utilizzo del loro dispositivo.

Le applicazioni preinstallate da Google ammontano a circa un terzo di quelle normalmente presenti sugli smartphone, mentre concorrenti come Apple e Microsoft sono a livelli decisamente superiori, in particolare la casa della mela morsicata che installa solamente le proprie app negli iPhone.

Gli utenti sono liberi di scaricare applicazioni alternative a quelle di Google e i 65 miliardi di download effettuati nel 2015 dal Play Store sembrano dare ragione a Big G. Per quanto riguarda Google Search, il vero pomo della discordia, Google afferma che è il prezzo da pagare per mantenere gratuito l’intera suite di programmi, il cui eventuale costo andrebbe a ricadere sugli utenti finali. Walker chiude con un’affermazione alquanto provocatoria nei confronti della Commissione Europea che lascia aperta la strada a uno scenario poco piacevole per il mondo Android:

“L’approccio della Commissione Europea potrebbe rovinare l’equilibrio (delle piattaforme open-source NdR) e ci manda un segnale involontario di favore per le piattaforme chiuse rispetto a quelle aperte. Significa minor innovazione, minor scelta, minor competizione e prezzi più alti. Non sarebbe un brutto risultato per noi. Sarebbe un brutto risultato per gli sviluppatori, per i produttori di smartphone e per gli operatori e, soprattutto, per i consumatori.”

Una affermazione che non lascia molto spazio all’immaginazione e rispedisce la palla alla Commissione Europea per il prossimo atto di questa sfida. A seguire il video accompagnatorio mentre a questo indirizzo trovate il documento integrale pubblicato da Google.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Stoccafisso

    io direi grazie a Linus Torvald, senza il di lui Kernel non esisterebbe nulla.

  • La Commissione dei Druidi, Krukki e Gallici

  • Pan per focaccia, Google si fa rispettare! E fa bene 💪

  • marco

    hanno rotto le palle, sono solo degli incompetenti alla commissione europea, non sanno distinguere un iphone da un Android

  • Mattia

    Finalmente Google ha fatto capire che quelle teste di carciofi che quello che dicono sono castronerie insensate che non un senso logico alla base.

    • scumm78

      in realta’ affermando che google search e’ il prezzo da pagare per mantenere android libero secondo me si da un po’ la zappa sui piedi e in certo qual modo danno ragione alla commissione europea quando la accusano di abuso di posizione dominante.

      • ale

        Eh ma hanno ragione, non puoi pretendere tutto gratis senza dare nulla in cambio… ti danno l’OS tutto open, senza pagare nulla e quello che vuoi, in cambio si prendono i tuoi dati… mi pare ragionevole…

        • scumm78

          No, non assolutamente io infatti non sono contrario per niente a quello che google sta facendo. Comunque avevo letto male quindi il mio commento decade! :-)

      • Mattia

        Ricordati che nessuno fa niente senza qualcosa in dietro, pur troppo…

        • AB

          Sai com’è, la spesa a casa dopo una giornata di lavoro non la porti con i “bravo”, i “siete grandi” e i “vi stimo” di chi vuole tutto accomodato e anche gratis. Non c’è il coniglietto della Duracell che ti sviluppa le app, ma gente in carne ed ossa… A volte anche con una famiglia, ipotizzo.
          Prova a fare una riflessione e renderti conto che se una persona, anziché andare all’alba nei campi per zappare la terra o spaccare pietre, si reca in ufficio e si siede davanti a un PC, sta comunque svolgendo un lavoro.

          • Mattia

            Io intendevo che per forza Google dovrà trovare una fonte di denaro per mantenere Android Open-Source. Ma in qualunque cosa o progetto per mantenerlo in un modo bisogna avere un qualcosa che copra le spese… ;)

      • Enibe

        Google Search, Google afferma che è il prezzo da pagare per mantenere gratuito l’intera suite di programmi.
        significa che per mantenere gratuiti i programmi preinstallati da google usa google search, non per mantenere gratuito android

        • scumm78

          ah, hai ragione avevo letto male

  • drumbo

    Ben fatto google……ha rotto il c@@@o questa commissione europea. Hanno sempre il soldo in testa, l’importante è guadagnare moneta

Top