Dal CES 2018 arrivano tre soluzioni per una casa ancora più vivibile

Dal CES 2018 arrivano tre soluzioni per una casa ancora più vivibile
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/SKIIN-smart-underwear.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/SKIIN-smart-underwear-460x276.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/SKIIN-smart-underwear-635x381.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/SKIIN-smart-underwear.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/SKIIN-smart-underwear.png"}, "title": "Dal CES 2018 arrivano tre soluzioni per una casa ancora pi\u00f9 vivibile" }

In questi giorni al CES 2018, la fiera dell’elettronica di consumo che si sta tenendo a Las Vegas, sono stati presentati centinaia di nuovi prodotti per la casa e non solo. Ne abbiamo presi tre che, ognuno a modo proprio, potranno migliorare la qualità della nostra vita in casa, soprattutto se siamo amanti della tecnologia.

Il primo prodotto di cui vi parliamo è prodotto dalla startup cinese Sleepace e si chiama DreamLife Smart Bedroom Solution, e promette di cambiare le vite di tutti i patiti di tecnologia. Immaginate di esservi appena infilati sotto le coperte dopo una giornata pesante e di non ricordare se avete spento la TV, abbassato il termostato, spento le luci in casa e altre amenità simili.

Invece di dovervi alzare imprecando con la soluzione di Slepace potrete addormentarvi serenamente, a patto che abbiate una discreta quantità di gadget connessi alla Rete. DreamLife infatti rileva la vostra presenza a letto ed esegue una routine preimpostata, che può comprendere operazioni da fare alla sera, quando vi coricate, e al mattino quando vi svegliate.

Se avete delle tende intelligenti potrete farle aprire al risveglio, per una mattinata caratterizzata dalla luce naturale, o accendere la macchina del caffè e farvi risvegliare dal suo aroma. Grazie all’integrazione con IFTTT è garantita l’interazione con qualsiasi altro gadget intelligente. Al momento non ci sono indicazioni in merito alla disponibilità e al costo del sistema.

Il secondo prodotto è sicuramente più di nicchia e si chiama Myant SKIIN. Si tratta del primo prodotto commercializzato da Energous, la compagnia che ha presentato qualche tempo fa il sistema di ricarica wireless WattUp. Ve ne abbiamo parlato in dettaglio in questo articolo e oggi vi mostriamo i caricabatterie wireless a corto raggio attualmente compatibili con i nuovi indumenti.

Purtroppo mancano ancora le autorizzazioni da parte della FCC per la ricarica a media e lunga distanza, e al momento non ci sono informazioni sulle tempistiche. Per il momento quindi dovrete sedervi sulla base di ricarica per ricaricare gli indumenti SKIIN, magari mettendolo sul divano o su una poltrona, sperando che sia sufficientemente comodo.

Il terzo prodotto di cui vi parliamo è realizzato in realtà da due diversi produttori: SōLIS e Jensen. Si tratta di due rivisitazioni in chiave davvero moderna delle classiche radiosveglie che buona parte di noi hanno sul comodino. La soluzione di SōLIS si chiama SO-2000 dispone di due speaker da 5 watt e un orologio a LED, che si sincronizza direttamente con il cloud.

Il pezzo forte è sicuramente la presenza di Google Assistant che permette di controllare la sveglia vocalmente, per impostare sveglie e riprodurre musica grazie al supporto Chromecast integrato. La troverete in commercio a partire da metà 2018 a un prezzo di circa 170 dollari.

È invece molto più simile, almeno nell’aspetto, a una radiosveglia tradizionale, Jensen JVA-500, che nasconde però un cuore tecnologico. Abbiamo una base di ricarica wireless per il vostro cellulare, connettività WiFi e Bluetooth, Chromecast per ascoltare musica e ovviamente Google Assistant per controllarla vocalmente.

In questo caso mancano i dettagli relativi al prezzo e alla disponibilità, che verranno comunicati nel corso dei prossimi mesi. Vi piacerebbe avere questi gadget in casa o pensate che in questo modo la tecnologia diventerebbe troppo invadente? Il box dei commenti è a vostra disposizione.

Thenextweb, Androidauthority, Androidpolice