Fusione Wind Tre: dal 31 dicembre 2016 lunga vita a Wind Tre S.p.A.

Fusione Wind Tre: dal 31 dicembre 2016 lunga vita a Wind Tre S.p.A.
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/wind-tre-fusione-copertina-tta-460x259.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/wind-tre-fusione-copertina-tta-635x357.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/wind-tre-fusione-copertina-tta.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/wind-tre-fusione-copertina-tta.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2016\/11\/wind-tre-fusione-copertina-tta.png"}, "title": "Fusione Wind Tre: dal 31 dicembre 2016 lunga vita a Wind Tre S.p.A." }

Wind Tre S.p.A. sarà il nome che, a partire dal 31 dicembre 2016, si troverà alla guida del più grande operatore mobile italiano nato dalla fusione tra Wind Telecomunicazioni S.p.A. e H3G S.p.A..

Siamo giunti alla conclusione del primo passo, quello fiscale, che porta effettivamente all’unione i due operatori. La nuova società, Wind Tre S.p.A., riporterà la partita IVA 13378520152 ovvero quella di H3G S.p.A..

Tutto come previsto dunque dato che il piano della più grande operazione italiana di M&A (Merge & Acquisition) degli ultimi anni prevede proprio il passaggio del 100% della proprietà di Wind S.p.A. a H3G S.p.A., con conseguente dislocamento di tutti i dipendenti dalla prima alla seconda società. Seconda società ovviamente ora controllata a metà (50%) tra i due colossi: CK Hutchison Holding Limited e Vimpelcom Limited.

La squadra alla guida del nuovo operatore, Wind Tre S.p.A., prevede 8 prime linee con manager di esperienza nazionale e internazionale: Dina Ravera (Merger Integration Officer), Stefano Invernizzi (Cfo), Benoit Hanssen (Technology), Paolo Nanni (Business & Wholesale), Luciano Sale (Human Resources), Mark Shalaby (Compliance, Legal & Regulatory), Michiel Van Eldik (Consumer & Digital) e Massimo Angelini (PR Internal & External Communication).

La domanda che nasce spontanea è cosa cambierà per i clienti Wind e Tre dopo la fusione? Inizialmente nulla, sia sul fronte dei prezzi (con rispettive offerte diversificate) che di quello tecnico, come ad esempio un miglioramento o un peggioramento della ricezione del segnale. Wind Tre S.p.A. è infatti solamente il primo passo di una fusione che si completerà nel corso del 2017 quando si parlerà di fusione di infrastrutture, creazione ed eventuali rimodulazione dei piani tariffari. Da quel momento, grazie ai 21.000 punti di trasmissione e all’accordo con OpEn Fiber (gruppo Enel) per la rete ultra larga, punterà a consolidare la sua posizione di faro per la connettività mobile e fissa.

In tutto questo Free Mobile, operatore francese con a capo Iliad, ha ora accesso al mercato italiano per ristabilire la concorrenza che, come ben sappiamo, è a beneficio dei consumatori.

Fonte: Mondomobileweb
Condividimi!