Recensione Honor 9 – Il top di gamma di Honor è tornato e dopo un anno prova nuovamente a conquistare il mercato. Solo il tempo ci dirà se l’azienda cinese riuscirà ad avere successo anche con questo modello, dopo il boom di vendite avuto con Honor 8, nel frattempo vi spieghiamo come va il nuovo portabandiera della sussidiaria di Huawei nella nostra recensione di Honor 9.

Unboxing di Honor 9

La confezione di Honor 9 è abbastanza standard anche se non manca una “sorpresa”. Al suo interno troviamo il classico cavo USB Type C di Honor e il caricatore che supporta la ricarica rapida dello smartphone riuscendo a caricare il dispositivo in poco più di 2 ore, non un risultato eccezionale se paragonato al mercato attuale.

Honor 9 recensione

Oltre ai classici accessori troviamo una cover per lo smartphone trasparente e in plastica, lascia intatto il bel design e gli effetti di luce del trattamento posteriore, tuttavia la presenza di una cover ci pre-annuncia che il device non ha un grip fenomenale. Nella confezione di vendita sono presenti anche le classiche cuffie Honor e Huawei.

Video recensione di Honor 9

Hardware & Connettività

Il “System on a chip” di Honor 9 è lo stesso di Huawei P10, parliamo dell’HiSilicon Kirin 960, quindi un vero top di gamma che riesce a tenere testa anche allo Snapdragon 835, accompagnato da una Mali-G71 e da 4 o ben 6 GB di RAM. La memoria interna, invece, è da 64 o 128 GB di RAM espandibile con MicroSD.

VEDI ANCHE

Honor 9

Honor 9 è un Dual SIM Dual Standby e non Full Active, di conseguenza non potremo ricevere chiamate su una SIM se l’altra è in chiamata, a meno di non avere il servizio di chiamata in attesa e la funzione “inoltro chiamata” attiva su Honor 9. Ovviamente uno slot della SIM è condiviso con quello della MicroSD quindi se usate una scheda di espansione non potrete inserire due SIM e viceversa.

Honor 9 recensione

Tra le altre caratteristiche relative alla connettività è presente il Wifi 802.11 a/b/g/n/ac e il Bluetooth 4.2, con NFC e niente Radio FM. Per quanto riguarda la ricezione Honor 9 si comporta benissimo, anzi paragonandolo ad altri smartphone della fascia top con lo stesso operatore, il device di Honor si è comportato meglio in luoghi difficoltosi.

Prestazioni: un vero top di gamma

Le prestazioni pure sono uno degli aspetti fortemente positivi della recensione di Honor 9: lo smartphone riuscirà a starvi dietro in qualsiasi contesto, abbiamo provato a dargli del filo da torcere ma ha sempre risposto prontamente a ogni stress test. Il modello da noi testato è quello con 6 GB di RAM, tuttavia la memoria libera non è mai andata sotto i 2.5 GB, di conseguenza ci si chiede quanto sia utile effettivamente questa versione, in luogo della versione base da 4 GB. Guardando al futuro, però, potrebbe dare effettivamente qualcosa in più.

Honor 9 recensione

Anche il gaming è al top, Real Racing 3 è molto fluido e si apre in poco meno di dieci secondi. Volendo trovare il pelo nell’uovo potremmo segnalare qualche frame perso in curve con numerosi poligoni a schermo, tuttavia la situazione è identica anche con dispositivi di fascia più alta.

Un appunto da fare riguarda il surriscaldamento in determinate situazioni di stress, o durante l’utilizzo della fotocamera: in questi casi il bordo superiore dello smartphone diventa molto caldo, lo stesso piccolo problema era presente su Honor 8, poi parzialmente risolto con qualche aggiornamento, cosa che con tutta probabilità avverrà anche in questo caso.

Ergonomia, Design & Materiali

La recensione di Honor 9 non può non passare dall’analisi relativa al design: esteticamente, infatti, riprende quelle che erano le linee del modello precedente, aggiungendo dei tocchi piuttosto interessanti. La scocca è in alluminio molto bello al tatto, mentre abbiamo un vetro anteriore 2.5D e un vetro posteriore che va a curvarsi lungo i bordi laterale in maniera piuttosto evidente, riuscendo a migliorare leggermente il grip dando un tocco estetico interessante.

Honor 9 recensione

Il trattamento posteriore è magnifico, si riescono ad avere degli effetti di luce al pari di quelli presenti su Honor 8, qui però la curvatura rende tutto più bello, anche se le ditate vengono trattenute nonostante il trattamento oleofobico. Lo smartphone trasmette sensazioni di solidità, insomma esteticamente ci è piaciuto davvero tanto.

Anteriormente, però, i bordi attorno al display sono importanti, non è stato fatto un gran lavoro sotto questo punto di vista: il sensore delle impronte digitali è stato spostato sul davanti insieme a due tasti capacitivi, in questo modo possiamo muoverci nel software senza una barra che va a coprire parte del display.

Honor 9 recensione

Il sensore delle impronte è velocissimo e si è dimostrato molto affidabile, peccato che non sia cliccabile come sul modello precedente. I tasti capacitivi sono retro illuminati, anche se non abbiamo gradito particolarmente il fatto che siano poco visibili. Sui bordi sono da segnalare due elementi: la presenza del jack da 3.5mm in basso e il sensore a infrarossi in alto.

Display, Audio & Multimedia

Il display è da 5.15 pollici con risoluzione Full HD e tecnologia IPS LCD. La qualità è davvero ottima, i neri sono da IPS ma i colori sono belli e fedeli alla realtà. Ottima anche la visibilità sotto la luce del sole ma abbiamo soprattutto due aspetti da segnalare: la gestione della luminosità è molto buona, nonostante non si raggiungano livelli elevatissimi, e il trattamento oleofobico del vetro è leggermente sopra la media, quindi scongiurato il difetto visto su Huawei P10.

Honor 9 recensione

Per la risoluzione su questa diagonale non abbiamo alcun motivo per inserire un pannello più definito, quindi un Full HD basta e avanza. Purtroppo, però, con gli AMOLED sempre più belli e appariscenti gli IPS sembrano arrivati al limite della tecnologia.

L’audio ci ha stupito non tanto per il volume, nella media dei top di gamma, quanto per la qualità corposa e definita. Ovviamente siamo lontani da sistemi a doppio speaker, ma avendo un solo altoparlante non si può fare di meglio.

Fotocamera

Siamo arrivati probabilmente al punto focale della recensione di Honor 9: il nuovissimo smartphone di Honor vede un importante salto in avanti nell’hardware della fotocamera con un doppio sensore, di cui uno RGB  da 12MP e apertura F2.2 e un altro Black and White da 20MP. Come sempre le due fotocamere lavorano insieme per avere risultati migliori e in particolare la configurazione è molto simile a quella presente su Huawei P10 e Mate 9, anche se qui manca la certificazione LEICA.

Honor 9 recensione

Un importante step è stato fatto nel software: ora con Honor 9 c’è la possibilità di attivare la modalità “live photos” per registrare un piccolo video prima e dopo lo scatto di una foto, insomma funzione ripresa da iPhone che abbiamo visto anche su S7 e S8, ma qui è più facile da gestire.

Siamo rimasti stupiti dalla presenza della modalità ritratto presente anche su P10, la quale opera molto bene nel portare il soggetto in primo piano e sfocare lo sfondo con un Bokeh digitale, con l’aggiunta dell’effetto bellezza: gli scatti risultanti sono interessanti anche se l’algoritmo sembra un po’ meno invadente rispetto a P10.

Presente anche la funzione “apertura ampia” per regolare manualmente il bokeh digitale con qualsiasi soggetto, e finalmente la possibilità di utilizzare solo la fotocamera Black and white anche sugli Honor: in questo modo cattureremo molta più luce di sera riducendo l’intervento del software, con foto meno mosse e risultati che potremmo definire artistici.

Honor 9 recensione

Analizzando gli scatti nelle diverse condizioni ci si rende conto che di giorno i risultati sono ottimi: la gestione delle luci è molto buona, anche se in presenza di luci forti i colori tendono un po’ ad appiattirsi rispetto a dispositivi di fascia superiore. Di sera la situazione è leggermente migliore rispetto al predecessore, si riesce ad avere più luce nelle foto grazie alle nuove fotocamere, il problema è che il software alcune volte sbaglia e aumenta troppo gli ISO, in questo modo c’è del rumore di troppo, probabilmente un problema di gioventù che verrà risolto con degli aggiornamenti.

Una cosa però è certa, l’apertura F2.2 è il principale limite hardware che non permette di fare foto al top di sera, di conseguenza il gap con dispositivi quali S8 o G6 è ancora importante in queste condizioni.

Con la fotocamera frontale accade più o meno la stessa cosa: di giorni abbiamo risultati soddisfacenti, buona gestione delle luci e dei volti, anche se l’effetto bellezza è sempre troppo marcato quindi vi consigliamo di disattivarlo. Di sera il rumore è evidente, in questo caso nessun dispositivo si comporta benissimo ma continuiamo ad essere un po’ distanti dai top.

Per i video la stabilizzazione digitale funziona piuttosto bene, anche se è attivabile solo fino ai 1080p e 30 fps, mentre lo smartphone può registrare anche a 1080p e 60 fps, o in 4K e 30 fps. I video risultano davvero molto stabilizzati, tuttavia la qualità non è al top per due motivi: alcuni artefatti nella compressione dell’immagine, visibili soprattutto di sera a causa degli ISO alti, e una messa a fuoco leggermente ballerina.

In fin dei conti un miglioramento rispetto a Honor 8 c’è stato, soprattutto  lato software, anche se ci saremmo aspettati un upgrade più netto, specialmente per quanto riguarda i video e le foto con poca luce.

Batteria & Autonomia

La batteria di Honor 9 è da 3200 mAh, la capacità è buona considerando le dimensioni del dispositivo e la diagonale del display. Nella pratica questo nuovo smartphone di Honor ha un consumo molto lineare e abbastanza esiguo in standby, cosa non scontata. In linea generale riuscirà sempre a portarvi a sera, tranne in situazioni di stress estremo con numerosi cambi cella, raggiungendo in media tra le 4 e le 4 ore e 30 di schermo, in base alle condizioni di utilizzo.

Honor 9 recensione

Potreste avere risultati migliori guardando prevalentemente video, oppure peggiori con diverso tempo in navigazione GPS. In fin dei conti Honor 9 difficilmente vi lascerà nel bel mezzo della giornata, le ore di schermo raggiunte non sono da guinnes dei primati ma il consumo medio in standby lo rende uno smartphone affidabile.

Software

Honor 9 ha Android 7.0 Nougat con EMUI 5.1: il software ormai non offre molte sorprese, si tratta della solita ottima EMUI ricca di funzioni con app dedicate al benessere, un blocco note, una buona applicazione per il backup e un’app per gestire il telefono con il classico menu “pulizia schermata di blocco” che vi consigliamo di visitare qualora non dovessero arrivarvi delle notifiche a blocco schermo. Tra le altre cose c’è la funzione app gemella per usare due account di facebook, whatsapp o altre applicazioni.

Abbiamo anche la possibilità di variare la funzione dei due tasti capacitivi, oppure scegliere di gestire tutto tramite il tasto centrale con delle gesture.

Honor 9 recensione

Il software di Huawei è tra i migliori perché offre tante funzioni e riesce a dare un pacchetto completo all’utente, di fatto tutto ciò di cui avrete bisogno sarà già presente sulla vostra unità. Per i più “geek”, invece, è possibile gestire nel dettaglio i consumi e altri aspetti dello smartphone.

In conclusione

La recensione di Honor 9 non può che concludersi con alcune considerazioni importanti: il nuovo flagship di Honor non è una bomba paragonabile a quella sganciata durante il mese di Agosto 2016, si tratta di un buon upgrade rispetto al modello precedente, con diversi accorgimenti che rendono possibile un piccolo step in avanti.

Il prezzo ufficiale di vendita è di 449 euro nella versione da 4 GB di RAM mentre il prezzo della versione da 6 GB verrà annunciato in seguito. Si tratta di un rincaro di circa 50 euro rispetto al predecessore, anche se bisogna sottolineare che Honor 8 da 32 GB di memoria interna costava 399 euro, mentre Honor 8 premium da 64 GB di memoria interna aveva un prezzo di 449 euro.

Honor 9 recensione

Gli aspetti che non ci hanno convinto pienamente sono due: la fotocamera in condizioni di luce scarsa e la registrazione video, si poteva fare qualcosa di più sotto questo punto di vista.

Continuiamo, però, a definirlo il top di gamma al giusto prezzo, per quale motivo? Honor 9 può contare su hardware, prestazioni pure, software, design, tante funzioni della fotocamera, e in generale un’esperienza di utilizzo da vero top di gamma.

Il prezzo di vendita ad oggi non è troppo lontano dallo “street price” online di top di gamma che possono offrire qualcosa in più, tuttavia bisogna considerare due aspetti: Honor 9 viene lanciato oggi mentre gli altri dispositivi hanno diversi mesi alle spalle con conseguenti cali di prezzo, oltretutto il top di gamma dell’azienda cinese viene venduto allo stesso prezzo anche in negozi fisici, dove non ha rivali considerando il posizionamento di prezzo degli altri top di gamma.

Ricordiamo che fino al 26 Luglio 2017 potete acquistare Honor 9 a un prezzo di 399 euro, qualora abbiate acquistato in passato uno smartphone Honor, il regolamento della promozione è presente al seguente indirizzo.

Pagella

8.5
Display
8.5
Ergonomia
9.0
Hardware
9.2
Software
8.2
Batteria
7.8
Fotocamera
9.4
Qualità/prezzo
9.2
Materiali
8.2
Audio
9.5
Esperienza Utente
9.0