Questo sito contribuisce alla audience di

OnePlus 6T avrà uno scanner di impronte di tipo ottico nel display

Quasi certamente la feature che caratterizzerà maggiormente l’attesissimo OnePlus 6T sarà il lettore per il riconoscimento delle impronte digitali integrato nello schermo anche se in tanti si chiedono quanto sarà effettivamente utile.

Allo stato attuale, infatti, la tecnologia sfruttata da questa soluzione non è ancora matura e tanti produttori hanno per tale motivo deciso di rimandare il suo utilizzo per poterne perfezionare il funzionamento.

Nelle scorse ore OnePlus ha precisato che il suo nuovo smartphone utilizzerà un sensore di tipo ottico come lettore di impronte digitali, preferendo tale soluzione a quella probabilmente più affidabile basata sugli ultrasuoni.

Considerato che OnePlus fa parte del gruppo BBK Electronics (in cui rientrano anche altri brand come OPPO e Vivo), è probabile che il sensore montato su OnePlus 6T sarà lo stesso già adottato su VIVO Nex S (qui trovate la nostra recensione).

La speranza è che OnePlus riesca ad ottimizzare tale soluzione e renderla affidabile come un classico sensore per le impronte digitali esterno.

Fonte: Gsmarena

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Bio’

    Da oneplus 6 a 6t? no forse questa volta passo… ma passo al pixel xl 2 o proprio ad un iphone xs, così ho un device completo e compatto,e l’anno prossimo poi si vedrà

  • Marco Suzzi

    Comunque il sensore del vivo nex s funziona bene 9/10-meglio che lo sblocco dell’ iPhone 7 per intenderci

  • stephane thiam

    Questo problema è stato evudeeviden già dal 2017 sti sensori perdono di efficienza nel tempo già dopo sei mesi a causa dei componenti negli schermi amoled. Comunque l’articolo fa un errore il sensore è quello montato dagli ultimi vivo tipo x23 non l’s. Sono due sensori diversi sempre ottici ma di seconda generazione e dovrebbero ridurre i tempi di sblocco aumentarne l’efficienza

  • Max Leo

    Boiata. Infatti i test di gsmarena su oppo che usa lo stesso hw hanno evidenziato che questo tipo di sensore ha una affidabilità del 50%. Quindi Na c@gata pazzesca…… Rimango con il 6 normale e non passo al 6t😎

  • dg_eek

    Rip pagamenti tramite impronta

    • Paolo

      Perchè dici così? Dici che ci saranno problemi? Chiedo perchè il pagamento tramite google pay l’ho usato talmente di rado e con pagamenti inferiori ai 25 € che non so nemmeno come funzioni pagando di più

      • dg_eek

        Perché per Google il lettore di impronte ottico non è abbastanza sicuro da poter utilizzato come sistema di sicurezza per i pagamenti da smartphone

        • Paolo

          Ah! Non lo sapevo. Buono a sapersi, questo per me è un buon motivo per non comprarlo. Grazie

          • dg_eek

            Ovviamente sarà da vedere se magari l’hanno ottimizzato talmente bene da aver ricevuto il “lasciapassare” da Google, ma non ci spererei troppo

          • Jakob Bohme

            Deve superare la soglia SAR/IAR richiesta da google ma non penso sia impossibile. I primi sensori erano ancora acerbi e, con il degradarsi dell’amoled, i parametri di riconoscimento venivano abbassati altrimenti non avrebbero riconosciuto l’impronta una volta su due.
            Oneplus ha puntato parecchio su questa feature, il marketing è incentrato tutto su quello, il che fa pensare che lato hardware e lato software ci siano ottimizzazioni tali da permettere al sensore di sbloccare in modo efficace anche con luminosità inferiore. Diversamente è un’ingenuità enorme che pagheranno, secondo me.

Top