Spotify fa a pugni con il Wi-Fi nell’ultima versione, fix in arrivo

L’ultima versione dell’app Android di Spotify sta creando non pochi problemi a diversi utenti, rendendo di fatto inutilizzabile il servizio sotto rete Wi-Fi. Le segnalazioni arrivano da possessori di diversi modelli di smartphone, tra cui Samsung Galaxy S8, LG G6, OnePlus 5/5T, Huawei P20 Pro, e non solo.

Il servizio di streaming musicale di Spotify è sicuramente uno dei più popolari in circolazione su Android, ma l’ultima versione dell’app, la 8.4.53.703, sembra aver portato gravi problemi: secondo le segnalazioni (numerose anche sul Google Play Store), utilizzare l’app sotto rete Wi-Fi porta a rallentamenti importanti e successivi crash, rendendo impossibile l’ascolto della musica.

I rimedi “classici”, come il riavvio dello smartphone, la reinstallazione da zero dell’app o la pulizia della cache, non sembrano sortire alcun effetto, per cui gli unici modi per non avere problemi sono due: effettuare il downgrade a una versione precedente oppure utilizzare la rete dati (3G o 4G).

Sulla community ufficiale è stato aperto un thread dove si evince che Spotify è al corrente del problema e sta lavorando alla soluzione. Sicuramente il tutto verrà corretto con il prossimo aggiornamento dell’app Spotify Music, per cui bisogna solo avere un po’ di pazienza.

Android app sul Google Play

 

Fonte: Androidcentral

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Cristian P.

    Samsung s6 con Nougat 7.0, nessun problema al momento.

  • Acida Lisergica 🍄

    Anche con Note 8 ho problemi e con iPad

  • Walter

    Ormai la regola aurea è roll-out prima, bug fixing dopo (con calma) in base alle segnalazioni degli utenti. Così si risparmia sui test.

    Che importa se è un servizio a pagamento. Tanto il popolo è bue e paga lo stesso.

Top