Le fotocamere di Google Pixel 8a sono state analizzate da DxOMark, che ha affidato al nuovo mediogamma di Google un punteggio non troppo esaltante, pur elogiandone alcune qualità. Il risultato potrebbe sorprendere alcuni, ma considerando che si tratta di uno smartphone che si posiziona nel segmento medio del mercato, i suoi sensori riescono più che bene in quello che promettono.

Come già sappiamo, Google Pixel 8a presenta essenzialmente gli stessi sensori fotografici già visti lo scorso anno su Google Pixel 7a. Nello specifico troviamo una fotocamera principale da 64 megapixel con apertura f/1.9 e stabilizzazione ottica dell’immagine, accompagnata da un sensore ultragrandangolare da 13 megapixel con un’apertura di f/2.2 e un campo visivo di 120 gradi. Come il suo predecessore, infine, non presenta alcun sensore teleobiettivo.

Offerta

Google Pixel 8, 256GB

568€ invece di 649€
-12%

DxOMark ha affidato a Google Pixel 8a un modesto punteggio di 136 punti, piazzandolo al 33° posto nella classifica degli smartphone. Il posto è condiviso con Vivo X90 Pro, Xiaomi 13 Pro e Xiaomi 12S Ultra, appena sotto Xiaomi 14. Da notare comunque che lo smartphone si piazza al secondo posto nella sua fascia di prezzo, superato soltanto dal top di gamma dello scorso anno Google Pixel 7.

I pro e i contro della fotocamera di Google Pixel 8a

Andando più nello specifico nei test effettuati, DxOMark ha evidenziato come Google Pixel 8a offra una “esperienza fotografica e video complessiva molto buona per il suo segmento”, vale a dire quello dei 400-600 dollari. Lo svantaggio principale è la limitata capacità di zoom, aspetto prevedibile considerando l’assenza di una fotocamera teleobiettivo.

Il punteggio più alto è stato invece dato alle fotografie scattate all’aperto e per la resa dei ritratti con la luce naturale, oltre ad un’ottima esposizione dell’obiettivo, un contrasto soddisfacente e buoni dettagli nelle immagini, con colori piacevoli e un bilanciamento abbastanza neutro sia nelle foto che nei video.

Per quanto riguarda invece gli aspetti negativi, i test hanno dimostrato come in condizione di scarsa illuminazione i risultati non siano stati altrettanto elevati, con una resa un po’ inaccurata dei toni della pelle nei ritratti scattati in ambienti interni, problemi di autofocus instabile e variazione di rumore tra immagine scattate consecutivamente allo stesso soggetto. Sono stati segnalati anche alcuni artefatti nella modalità bokeh e un leggero effetto di frangia cromatica.

In definitiva DxOMark considera Google Pixel 8a uno smartphone che eccelle se rapportato alla fascia di prezzo in cui si posiziona nel mercato, con una buona esperienza fotografica complessiva e alcuni difetti propri dell’hardware implementato, ma che potrebbero essere corretti via software, nei limiti del possibile, tramite aggiornamento. Potete dare un’occhiata ai test completi direttamente sul loro sito.