Una nuova fuga di notizie ci svela che OnePlus 11, il prossimo smartphone Android top di gamma del produttore cinese, potrebbe arrivare sul mercato molto presto, già nel corso della settimana.

Fra pochi giorni, infatti, OnePlus celebrerà il nono anniversario in Cina, in India e in altri mercati, e potrebbe cogliere l’occasione proprio per presentare la nuova arma che, stando alle indiscrezioni che circolano da settimane, dovrebbe essere plasmata attorno allo Snapdragon 8 Gen 2 di Qualcomm.

OnePlus 11 è dietro l’angolo, ecco quando arriverà

Chi ci segue abitualmente avrà letto o sentito parlare di OnePlus 11, il prossimo top gamma targato OnePlus che è stato spesso il protagonista di numerose indiscrezioni trapelate sul suo conto: l’ultima al riguardo è piuttosto recente e ci suggerisce una possibile data di lancio per lo smartphone.

Stando a quanto diffuso su Twitter dal noto leaker Abhishek Yadav, il OnePlus 11 dovrebbe essere lanciato il prossimo 17 dicembre (almeno in Cina), durante la celebrazione del nono anniversario di OnePlus.

Sebbene tutto ciò possa risultare sensato, va precisato che il produttore cinese non ha ancora confermato nulla in merito e, addirittura, sembra piuttosto strano che ancora non si sia lasciato sfuggire nemmeno un teaser sul dispositivo, ad appena tre giorni dal presunto lancio.

Niente dicitura “Pro”: sarà lui il fiore all’occhiello dell’azienda?

Facendo un passo indietro, e con riferimento alla serie numerata, il 2022 di OnePlus è stato caratterizzato dal lancio di OnePlus 10 Pro prima e OnePlus 10T poi (tralasciando il OnePlus 10R che non è mai arrivato dalle nostre parti).

A differenza di quanto fatto con la serie 10, dunque, la serie 11 dovrebbe essere inaugurata proprio da OnePlus 11, senza “Pro”, “T”, “Ultra” o qualsivoglia altra dicitura, sintomo di una sorta di passo indietro. La scorsa settimana sono trapelati i render stampa dello smartphone (che mantiene l’iconico Alert Slider), e ce lo hanno mostrato in quelle che dovrebbero essere le sue colorazioni per nulla sorprendenti.

Se dal punto di vista del design potrebbe esserci un deciso cambio di marcia, con un grande oblò circolare raccordato con la scocca a contenere il comparto fotografico (coi sensori disposti comunque sui vertici di un quadrato), OnePlus 11 dovrebbe essere proposto in due colorazioni molto simili (e con nomi identici) a quelle disponibili per OnePlus 10 Pro, smartphone che, a tutti gli effetti, può essere considerato come il suo predecessore: un nero opaco (Volcanic Ash) e un verde glossy (Forest Emerald).

Passando alla sostanza, OnePlus 11 sarà basato sul nuovo Snapdragon 8 Gen 2 di Qualcomm, soluzione che caratterizzerà la maggior parte dei top gamma Android di inizio 2023: ad affiancare il SoC, il produttore cinese doterà il proprio smartphone con memorie RAM fino a 16 GB e spazio di archiviazione fino a 512 GB con memorie UFS 4.0 super veloci.

Passando al comparto fotografico, per la terza generazione di fila si rinnova la partnership con Hasselblad (inaugurata con i OnePlus 9 e OnePlus 9 Pro del 2021). Lo smartphone dovrebbe offrire tre fotocamere al posteriore: un sensore principale da 50 megapixel (si dice che sia l’IMX890 di Sony), un sensore ultra-grandangolare da 48 megapixel e un sensore tele da 32 megapixel per lo zoom ottico 2X.

Anteriormente, invece, dovrebbe essere inserita una fotocamera da 32 megapixel, collocata in un foro circolare posto nell’angolo in alto a sinistra dell’ampio display AMOLED LTPO da 6,7 pollici con risoluzione Quad HD+ e refresh rate adattivo da 1 a 120 Hz, che nasconde un lettore ottico delle impronte digitali.

Grazie al passaggio sulla piattaforma di certificazione 3C, poi, abbiamo appreso alcune informazioni relative alla batteria su cui OnePlus 11 (codice modello PHB110) potrà contare e alle tecnologie di ricarica che metterà a disposizione: lo smartphone dovrebbe ospitare una batteria da 5000 mAh e supportare la ricarica rapida cablata a 100 W e la ricarica wireless (anche inversa); non sono trapelati, tuttavia, dettagli circa le potenzialità della ricarica wireless.

L’ultima nota, quasi scontata, riguarda il sistema operativo del dispositivo: OnePlus 11 potrà contare su Android 13, personalizzato con la ColorOS 13 in Cina e con la OxygenOS 13 nel resto del mondo. Per il resto, non mancheranno l’audio stereo, un comparto connettività molto completo e, forse, la resistenza ad acqua e polvere.

La possibile scheda tecnica di OnePlus 11

Mettendo insieme tutte le indiscrezioni trapelate nelle ultime settimane, proviamo quindi a ricostruire quella che potrebbe essere la scheda tecnica dell’inedito OnePlus 11.

  • Display: LTPO Fluid AMOLED da 6,7” QHD+ (1440 x 3216 pixel)
    • Refresh rate: adattivo da 1 Hz a 120 Hz
    • Luminosità: 500 nit (tipica), 800 nit (HBM) 1300 nit (picco)
    • Protezione: Corning Gorilla Glass Victus
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 (4 nm) con CPU octa-core e GPU Adreno 740
  • Memoria RAM: 8, 12 o 16 GB
  • Spazio di archiviazione: fino a 512 GB (UFS 4.0)
  • Fotocamera posteriore tripla co-ingegnerizzato con Hasselblad
    • Sensore principale (Sony IMX890) da 50 MP con Dual Pixel PDAF, Laser AF e OIS
    • Sensore ultra-grandangolare da 48 MP con AF
    • Sensore tele da 32 MP con PDAF e OIS, zoom ottico 2x
  • Fotocamera anteriore: sensore grandangolare da 32 MP
  • Audio: stereo (doppio speaker)
  • Reti mobili: 5G/4G/3G/2G
  • Connettività: Wi-Fi 6 (802.11 ax) o 6E, Bluetooth 5.3, GPS, NFC, USB Type-C
  • Lettore delle impronte digitali: ottico (sotto al display)
  • Alert slider: si
  • Batteria: unità da 5000 mAh con supporto alla ricarica rapida cablata a 100 W
    • Supporto alla ricarica wireless rapida
    • Supporto alla ricarica wireless inversa
  • Sistema operativo: OxygenOS 13 basata su Android 13

Non ci resta, dunque, che attendere sabato 17 dicembre per scoprire se quanto trapelato corrisponda a verità, nella speranza che con OnePlus 11 l’azienda ritrovi la dirittta via che ormai da tempo sembra smarrita.

Potrebbero interessarti anche: Recensione OnePlus 10 Pro: lo smartphone c’è, l’anima un po’ meno e Migliori smartphone OnePlus: ecco quali scegliere in questo mese