LG presenterà il nuovo flagship al MWC 2016 di Barcellona. Si chiamerà G5 ed a pochi giorni dall’evento, le aspettative sono altissime. Noi saremo ovviamente presenti e vi porteremo tutte le nostre impressioni, a maggior ragione, dopo aver provato V10.  Già perchè questo device non è solo innovativo, con la doppia fotocamera anteriore ed il display secondario, ma incorpora tutta la filosofia del brand, sempre attento ad affidabilità, praticità e soprattutto al comparto fotografico. LG V10 gioca ad armi pari con tutti i top di gamma del 2015 e per alcuni aspetti, si pone come punto di riferimento per i device in arrivo nel 2016. Scopritelo in ogni dettaglio nella nostra recensione.

Video recensione di LG V10

Confezione e ricarica

La confezione in se non è nulla di speciale, ma poco importa, quel che conta davvero è ciò che racchiude: caricatore da parete con fast charge a doppia uscita 5-9 Volt e 1,8 Ampere , cavetto usb/microUSB per scambio dati e ricarica, ed un paio di cuffiette in hear Quad Beat curate da AKG che offrono una qualità sonora sopra la media. Molto buone le rifiniture in metallo ed i gommini aggiuntivi di misura più piccola, raramente si trova questa attenzione agli accessori, ben fatto!

La ricarica completa avviene in circa 50 minuti, mentre in soli 25 potrete raggiungere il 50%, a patto di utilizzare l’alimentatore in dotazione.

lgv10review1

Hardware & Connettività

LG V10 è dotato di un hardware di tutto rispetto, a partire dal chipset di Qualcomm, lo Snapdragon 808. E’ un esacore con 4 cortex a-53 settati a 1,44 GHz e 2 cortex a-57 operanti ad 1,8 Ghz. Il processore è accompagnato dalla GPU Adreno 418 e da 4 GB di RAM ddr 3. La configurazione supporta il 4G LTE di categoria 6, Wifi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, Bluetooth 4.1, GPS con modulo A-GPS e GLONASS e RADIO FM. Non manca il trasmettitore NFC, mentre lo scambio dati wired avviene attraverso la porta micro USB 2.0 con supporto SlimPort 4K.

La memoria interna è da 32 o 64 GB, espandibile tramite microSD fino a 200 GB. Mentre a proposito di sensori citiamo quelli fotografici per autofocus laser e rilevamento dello spettro di colore. Sulla parte posteriore è posto anche il sensore biometrico per lo sblocco tramite impronte digitali, sul fronte invece troviamo i più classici sensori di luminosità e prossimità. Da segnalare infine che manca il LED di notifica, sostituito da addirittura un display secondario.

lgv10review5

Parte telefonica e antenne

LG V10 si fa piacevolmente notare per un impeccabile comparto telefonico, dona sempre la sensazione di funzionare a meraviglia. Non ha mai indecisioni ed offre un’affidabilità rara, anche nel segmento della fascia alta. Buono il WiFi, anche se abbiamo provato device migliori, come Sony Xperia Z5. Il bluetooth non ha alcun problema, testato anche in auto con successo, così come per i vari dispositivi di riproduzione audio.

Prestazioni

Lo Snapdragon 808 non è un drago, non riesce a trasmettere la sensazione di device scattante e velocissimo come invece avviene per Huawei Nexus 6P e Mate 8,  tuttavia il V10 si utilizza con piacere in ogni situazione, non ci sono mai rallentamenti troppo gravi e solo un occhio particolarmente esigente potrebbe rimanere deluso. Nel gaming ed in navigazione non abbiamo alcun problema, ed in generale ci sentiamo di promuovere pianamente la scelta di LG, soprattutto perchè ha dato modo di mantenere sotto controllo la temperatura e di conseguenza, le prestazioni.

VEDI ANCHE

LG V10

Ergonomia, Design & Materiali

Le dimensioni di V10 incutono timore al primo impatto, è un vero “bestione”, perdonate il termine. I materiali poi, gli conferiscono un look un po’ pesante e non tutti potrebbero innamorarsene a prima vista. Va detto però che dietro all’aspetto “granitico” ci sono precise scelte di produzione, che gli hanno valso la certificazione Transit Drop.

Parlando di materiali, abbiamo bordi totalmente sgombri in acciaio inossidabile; inserti sulla faccia anteriore rivestiti in silicone, mentre la cover posteriore è removibile e realizzata in policarbonato gommato. Acciaio anche per l’alloggiamento del sensore fotografico principale. V10 non scivola, grazie ai materiali morbidi, tuttavia viste le misure (159.6 x 79.3 x 8.6 mm) ed il peso di ben 192 grammi, risulta difficilmente utilizzabile con una sola mano.

lgv10review6

A proposito di ergonomia citiamo il funzionamento del sensore di impronte digitali, rapido ma non precisissimo rispetto ai più recenti competitor testati, è posizionato sul tasto di accensione e ciò porta inevitabilmente a doverlo premere per risvegliare dallo stand-by, prima di procedere allo sblocco.

Display, Audio & Multimedia

Il display principale è un pannello LCD IPS con risoluzione 2K (2560 x 1440 pixel) protetto da un Gorilla Glass 4 di Corning. Si tratta di un’ottima unità, caratterizzata da una grande escursione sulla retroilluminazione, aspetto che permetterà all’utente di godere di buona leggibilità sia sotto la luce diretta del sole che in ambienti bui. Buona parte del merito è da attribuire al trattamento oleofobico del vetro protettivo, veramente eccellente.
Per quanto riguarda la calibrazione cromatica, potremmo definirla in “stile LG”. Ciò significa colori naturali, all’apparenza quasi slavati (la combinazione di colori utilizzata nell’interfaccia proprietaria è composta da tinte pastello molto tenui) ma molto fedeli alla realtà e sicuramente piacevoli per gli appassionati di fotografia e video. I neri sono profondi, i bianchi brillanti ed il contrasto ben tarato. Insomma, gli addetti ai lavori potranno solo dire bene di questo schermo, tuttavia la maggior parte degli utenti troverà molto più appagante la vista dei super Amoled con cui sono equipaggiati Note 5 e Blackberry priv, per citare le eccellenze del settore, che risultano certamente più di impatto e vibranti rispetto alla sobrietà di LG V10.

Il comparto audio è affidato ad un discreto altoparlante di sistema, posto nella parte inferiore della scocca, potente ma poco profondo e un filo gracchiante a volume massimo. Una menzione invece per le cuffiette, di buona qualità fornite in confezione, coadiuvate da un DAC HiFi di fascia alta integrato nel device, soluzione particolarmente interessante. Sezione video senza problemi di sorta, grazie all’app dedicata di LG che legge tutti i formati, con solo un po’ di fatica sugli h264 con elevata profondità di bit (oltre 72MBps).

Second Screen

Il display secondario di LG V10 è la vera chicca di questo prodotto, è posizionato appena sopra al bordo superiore del display principale. Le sue funzionalità sono da suddividere sulla base di due situazioni: schermo principale acceso e schermo principale spento.

Nella prima condizione, second screen funge da “coltellino svizzero”, presenta schermate successive sulle quali muoversi tramite swipe. La sezione più utile è certamente quella che mostra le app recenti, comoda perchè ci fa risparmiare un tap rispetto all’apertura della vera e propria schermata di sistema dedicata al multitasking. Potremo poi impostare 5 scorciatoie per applicazioni a nostra scelta, 5 contatti rapidi ed agire sui controlli di riproduzione audio e video. Ulteriori due schermate, visualizzeranno i prossimi eventi a calendario e semplicemente la nostra firma.
Nella condizione di device attivo, il second screen fungerà anche da pannello notifiche, visualizzando una breve anteprima della notifica in arrivo, esattamente come le heads up notification introdotte con Android Lollipop.

lgv10review3

Quando invece il V10 si trova in stand by, il piccolo display secondario visualizzerà, a nostra discrezione, data e ora oppure la nostra firma. In ogni caso con uno swipe potremo accedere ad alcuni toggle rapidi, quali torcia, WiFi, audio e fotocamera. In questa condizione, la parte sinistra visualizzerà le icone relative alle notifiche in arrivo, esattamente come sulla status bar.

La trovata è certamente interessante,ma ha ancora bisogno di affinamento a nostro parere. Ad esempio se il display fosse stato di tipo Amoled, le icone ed i testi sarebbero risaltati maggiormente sullo sfondo nero, inoltre non si sarebbe creato quella sorta di alone, dovuto alla retroilluminazione del second screen, che si espande sul display principale quando questo è spento. C’è anche una considerazione da fare sulla luminosità, ovvero che il controllo sulla retroilluminazione agisce simultaneamente su entrambi i pannelli, tuttavia una frazione di secondo dopo che spegniamo lo schermo principale, anche il second screen calerà vistosamente di luminosità, risultando poco leggibile durante il giorno.

Fotocamera

Fotocamera, leggasi: il punto di forza di LG V10. Siamo rimasti veramente impressionati dalla qualità che riesce ad offrire questo device in foto e video! Il sensore principale è da 16 Mega Pixel con apertura f 1.8, dotato anche di autofocus laser, rilevamento dello spettro cromatico e stabilizzatore ottico. Siamo di fronte al miglior device attualmente sul mercato, sotto questo punto di vista, sia nelle foto in diurna che negli scatti con poca luce. Dobbiamo sottolineare che anche il software compie al meglio il suo lavoro, con un’interfaccia chiara e ricchissima di controlli, possiamo scattare in raw ed in modalità completamente manuale. Per quanto riguarda la doppia fotocamera anteriore non c’è molto da dire, ci è sembrata più una soluzione di marketing che qualcosa di veramente utile, i due obiettivi possono essere utilizzati alternativamente per ottenere scatti con 80 gradi di apertura o 120 ma la sola camera grandangolare sarebbe stata più che sufficiente, oppure una via di mezzo per fare tutti contenti.

In video le potenzialità sono tantissime, soprattutto in modalità manuale dove avremo un pieno controllo sul bilanciamento del bianco, shutter speed e microfoni, per ricreare video dall’aspetto professionale e dal profilo flat, adatti per una gestione in post produzione di nitidezza, contrasto e saturazione. LG V10 ha la miglior qualità possibile in 4K, dove la concorrenza non è ancora riuscita a garantire una grande qualità.

 

Batteria & Autonomia

La batteria da “soli” 3000 mAh non è sufficiente a garantire una piena giornata di utilizzo. Nulla di drammatico, dal momento che i principali competitor non offrono molto di meglio, tuttavia è praticamente impossibile andare oltre le 4h di display acceso, su un utilizzo intenso spalmato su 8 ore. In una giornata tipo lavorativa, riuscirete ad arrivare circa alle 19 ma per non avere problemi dovrete limitare molto i consumi o meglio, ricaricare per qualche minuto a metà giornata, operazione comunque non così fastidiosa se pensate che in 15 minuti riuscirete ad immagazzinare un buon 30% di carica, per allungare l’autonomia di altre 3-4 ore.

lgv10review8

Software

LG V10 offre un software davvero completo ed appagante. C’è tutto ciò che vi occorre in termini di opzioni di personalizzazione, app preinstallate e funzionalità per non dover ricorrere ad app di terze parti per adattare l’esperienza di Android alle vostre esigenze. Al momento siamo ancora fermi a Lollipop ma l’aggiornamento ad Android 6.0 è davvero imminente, questione di poche settimane. A tal proposito vi consigliamo di dare uno sguardo al video sottostante, in cui il nostro Mikhael ha provato LG G4 già aggiornato a Marshmallow, anche su V10 il software sarà praticamente identico, chiaramente al netto delle opzioni legate al second screen, di cui G4 non è dotato.

Gli aspetti più interessanti sono legati ad alcune funzioni tipiche di LG come QSlide o Cattura + che rendono V10 particolarmente adatto ad un’utenza business, anche le varie possibilità per sfruttare le dimensioni dello schermo come il dual window o il ridimensionamento delle schermate per l’utilizzo ad una mano, concorrono a formare un’esperienza utente di alto livello. La presenza del sensore di impronte digitali è ben sfruttata, ad esempio, per bloccare alcuni contenuti in galleria o appunti, in modo che siano accessibili solo previo riconoscimento biometrico.

Ci è piaciuta come al solito la suite di applicazioni preinstallate, dal calendario, all’app musica e video, fino a funzionale strumento per i backup di dati ed applicazioni. Vi troverete bene con LG V10, d’altra parte ormai la LG UX 4.0 è un’interfaccia collaudata e riconosciuta un po’ da tutti come una delle migliori nel panorama Android.

In conclusione

LG V10 è certamente un prodotto ben riuscito, insieme a G4 testimonia la capacità della casa coreana di creare smartphone dalle ottime caratteristiche in fatto di affidabilità, qualità costruttiva e comparto fotografico. Il software è all’altezza della situazione e l’assenza di bug è certamente un aspetto da premiare. Rimane comunque un device non adatto a tutti, vuoi per le dimensioni abbondanti ma anche per un design nel contempo audace e pratico.

L’arma vincente di V10 è da ricercare nel comparto fotografico, punto di riferimento per i device che stanno per arrivare nel 2016, mentre il punto debole è certamente l’autonomia, non eccezionale ma comunque in linea con ciò che ha proposto il mercato nel 2015 (Mate 8 a parte).

Migliori offerte sul web per LG V10: Nessuna offerta al momento

Pagella

9.5
Display
8.0
Ergonomia
9.5
Hardware
9.5
Software
8.2
Batteria
9.8
Fotocamera
8.5
Qualità/prezzo
8.5
Materiali
9.0
Audio
9.5
Esperienza Utente
9.2