Huawei rilascia un sistema di riconoscimento multi-facciale per alcuni smartphone

Huawei rilascia un sistema di riconoscimento multi-facciale per alcuni smartphone
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/huawei_mate_20_pro_31_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/huawei_mate_20_pro_31_tta-460x345.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/huawei_mate_20_pro_31_tta-635x477.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/huawei_mate_20_pro_31_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/10\/huawei_mate_20_pro_31_tta.jpg"}, "title": "Huawei rilascia un sistema di riconoscimento multi-facciale per alcuni smartphone" }

Nelle scorse ore il team di Huawei ha annunciato una nuova funzionalità dell’interfaccia EMUI: stiamo parlando di un sistema di riconoscimento multi-facciale.

Grazie a tale novità, gli smartphone del produttore cinese sono in grado di supportare simultaneamente due volti differenti e gli utenti possono creare un’apposita “zona di privacy” per due persone.

Tale nuova feature è al momento disponibile soltanto sulle versioni cinesi di Huawei Mate 20 Pro e Huawei Mate 20 RS Porsche Design ma non dovrebbe passare molto tempo perchè sbarchi su altri smartphone del produttore.

Questa funzionalità può essere trovata all’interno del menu Impostazioni, nella sezione Sicurezza e privacy e quindi in Sblocco volto. Una volta completato l’inserimento del primo volto, è possibile inserirne anche un secondo.

Ci sono diversi scenari di utilizzo per il riconoscimento facciale: il primo è la barra di notifica della schermata di blocco intelligente (quando è attivato, tutti i dettagli della notifica sono nascosti e vengono visualizzati solo quando il riconoscimento facciale ha esito positivo). Inoltre, entrambi i volti possono essere usati per avere accesso al blocco di applicazioni, ad archivi sicuri, a sistemi di pagamento facciale, ecc.

Fonte: Gizchina
Condividimi!