Salutate le icone tonde: la rivoluzione in scena da fine giugno sul Google Play Store

Salutate le icone tonde: la rivoluzione in scena da fine giugno sul Google Play Store
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_95_tta.jpg","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_95_tta-460x259.jpg","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_95_tta-635x357.jpg","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_95_tta.jpg","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2018\/01\/App_Google_95_tta.jpg"}, "title": "Salutate le icone tonde: la rivoluzione in scena da fine giugno sul Google Play Store" }

La prima beta di Android Q distribuita da Google ha fatto intuire come gli angoli arrotondati saranno il leitmotiv della prossima major release del robottino verde. Saprete già tutto se avete dato un’occhiata alla nostra raccolta delle migliori 30 novità contenute nella beta: gli angoli arrotondati esordiscono nella schermata delle app recenti e persino negli screenshot.

Ed esordiranno in piena estate anche nelle icone delle app presenti sul Play Store di Google. Si tratta di una piccola rivoluzione che richiederà tempo, e proprio per questo Google ha allertato gli sviluppatori tramite un post sul suo apposito blog fissando una dead-line: entro il 24 giugno 2019 tutte le icone che non si saranno adeguate per tempo al nuovo corso saranno convertite alla “legacy mode”, ossia come la mostra l’ultima icona sulla destra dell’immagine sotto.

Al centro, invece, potete vedere la forma a rettangoli arrotondati decisa Google per le icone degli anni a venire. Già nei primi giorni di aprile sarà permesso caricare le nuove in Play Console per avere conferma che rispettino i requisiti, mentre il primo di maggio ogni nuova icona caricata su Play Console dovrà necessariamente rispettarli.

Il nuovo design vi convince?

Vai a: Android Q è ufficiale: già disponibile al download in beta per i Google Pixel

Fonte: Googleblog
Condividimi!