Questo sito contribuisce alla audience di

Google rilascia la versione 1.0 di Android Things, alla vigilia del Google I/O 2018

A un anno e mezzo di distanza dalla presentazione della prima versione di Android Things, la versione del robottino verde dedicata ai dispositivi IoT, Google ha annunciato la disponibilità della build 1.0. Si tratta della prima release dotata di supporto al lungo termine e destinata a essere utilizzata nei prodotti destinati al mercato consumer.

Tra i primi dispositivi a utilizzare Android Things 1.0 ci saranno i primi Smart Display con Google Assistant, presentati da numerosi produttori di terze parti al CES 2018 di Las Vegas. La versione stabile aggiunge il supporto ai SoM (System on Module) NXP i.MX8<, Qualcomm SDA212, Qualcomm SDA624 e MediaTek MT8516, senza ovviamente scordare Raspberry Pi 3 Model B.

Per garantire la massima sicurezza dei dispositivi IoT, vittima qualche tempo fa della botnet Mirai, Google garantisce tre anni di aggiornamenti per le versioni LTS di Android Things, mentre i produttori potranno rilasciare i propri aggiornamenti secondo le rispettive necessità.

Nei prossimi giorno è probabile che Google fornisca maggiori dettagli rispetto a quelli comunicati nella pagina del sito dedicato agli sviluppatori, raggiungibile a questo indirizzo.

Fonte: Androidpolice

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • “Per garantire la massima sicurezza dei dispositivi IoT […] Google garantisce tre anni di aggiornamenti per le versioni LTS”… Sono io che sono ‘strano’ o mi sembra una barzelletta?! Per dispositivi IoT, mi aspetterei (forse utopisticamente) un supporto mooolto più prolungato nel tempo… Obbligarmi a cambiare lo smartphone ogni due anni è un conto, farmi cambiare (per esempio) il forno o qualche sistema di domotica con quella frequenza per problemi di sicurezza/aggiornamenti (perché poi va a finire così) mi sembra pura follia…

    • danitkd93

      Oggi cambi il tuo allarme di casa perché obsoleto e bypassabile da uno che poco poco sa come fare? O ancora più semplicemente quante persone hanno cambiato la porta di casa con una blindata?
      La sicurezza è importante, ma sinceramente che uno me possa hakerare il forno di casa e chissà cosa fargli fare.. Mi sembrano paure sciocche.
      Ricordando poi che per i veri dispositivi di sicurezza legati alla domotica sarà preoccupazione del produttore mantenerlo efficiente sotto il profilo sicurezza.

      • Stef76

        Bhe, uno che hackera il forno di casa, il frigorifero o altri dispositivi potrebbe fare parecchi danni. In futuro dovremmo acquistare firewall e antivirus anche per questi dispositivi. Tutto x poter avviare da remoto un timballo o verificare se ho il latte…mi sembra che stiamo andando contro un’involuzione della capacità umana più che il contrario. Ed io sono un appassionato di ogni forma di tecnologia.

        • danitkd93

          Io ad oggi non ho mai comprato un firewall, quello di sistema di windows + quello integrato nel modem hanno sempre fatto un buon lavoro. Idem antivirus, ci sono soluzioni come Avira o Bitdefender che gratuite offrono una protezione più che efficiente!
          Poi per il discorso di come verrà dall’utente utilizzata c’è sempre da ricordare che una tecnologia nasce solitamente non solo per dare nuove possibilità di azione ma anche per semplificare azioni comuni. Come per i ragazzi di oggi che hanno sicuramente meno memoria rispetto ai loro nonni in quanto abituati a fare sempre affidamento su smartphone e internet, ma lo stesso si può dire di noi e la nostra muscolatura media che in confronto a persone di un paio di secoli fa è sicuramente meno sviluppata in quanto abituati a muoverci sempre in macchina, fare lavori meno pesanti fisicamente ecc.
          Più che evoluzione io oggi parlerei di adattamento continuo.

      • Mi sono spiegato male, intendevo dire quanto detto da Stef76… Se il mio forno Android di 4 anni finisce in una botnet perché ha una vulnerabilità non patchata da Google perché fuori dal periodo di supporto un po’ mi girerebbero…

Top