Stonex One, la nostra (troppo) veloce video anteprima

Stonex One, la nostra (troppo) veloce video anteprima
{ "img": {"small":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/stonex-one-1.png","medium":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/stonex-one-1-460x259.png","large":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/stonex-one-1-635x357.png","full":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/stonex-one-1.png","retina":"https:\/\/img.tuttoandroid.net\/wp-content\/uploads\/2015\/08\/stonex-one-1.png"}, "title": "Stonex One, la nostra (troppo) veloce video anteprima" }

Nella giornata odierna io, Matteo Virgilio e 20 di voi utenti di TuttoAndroid ci siamo recati in quel di Lissone, presso la sede di Stonex, per mettere finalmente mano a Stonex One, il top di gamma al giusto prezzo – o presunto tale – dopo la nostra intervista a Facchinetti dei giorni scorsi.

L’evento si è svolto totalmente in modo informale e piacevole: abbiamo potuto conoscere il team al completo e ci siamo ritrovati di fronte persone molto cordiali e disponibili. Per i tre quarti dell’evento abbiamo potuto ad assistere al teatrino di Francesco Facchinetti, sempre bello carico, che ci ha spiegato la realizzazione del prodotto, la filosofia aziendale e il focus sul futuro, in particolare sul medium che Stonex vuole lanciare a Settembre.

Anche Vanni ha avuto spazio di intervento e ci ha illustrato alcune scelte strategiche fatte sullo Stonex One come la fotocamera, fra gli ultimi sensori prodotti da Sony, ed il display QHD che farà sentire la differenza quando si inserirà il One all’interno di un visore per la realtà virtuale (dal Cardboard a cose come Homido).

La prova del telefono è avvenuta alla fine dell’evento in circa 20 minuti di tempo, tra selfie, benchmark e qualche gioco. Abbiamo chiesto più volte una stanza dove registrare un hands-on un po’ più approfondito, ma l’impressione che abbiamo avuto è quella di una certa diffidenza da parte di Stonex nei nostri confronti.

La stanza riservata non si è mai materializzata e il prodotto era un pre-serie, quindi ci è stato detto che non sarebbe stato così sensato girare un video (al contrario il Periscope con gli interventi di Facchinetti andava bene) e all’ultimo, alla nostra ennesima richiesta, è arrivato uno Stonex One ma il tempo a disposizione era quasi pari a zero perché era arrivato il momento di far entrare il gruppo successivo.

È possibile che il nostro cercare di porci in maniera obiettiva e di essere anche duri con le critiche quando serve abbia scosso qualche animo e Stonex abbia avuto qualche tentennamento alla prospettiva di ricevere una nostra prima valutazione su un prodotto ancora non finito (che però inizialmente dovevano già vendere al 23 di Luglio, quindi sarà in realtà quello finale?). L’impressione che Stonex non abbia volutamente creato lo spazio per girare un video più approfondito e meno frettoloso ci viene poi confermata dal fatto che altre testate, notoriamente più accomodanti, abbiano potuto provare con comodo il prodotto in questa ed altre sedi.

Siamo rimasti stupiti, e anche un po’ amareggiati, dal fatto che Stonex non abbia esaudito la nostra richiesta di spazi dedicati ed è difficile credere che sia stata una difficoltà nell’organizzare spazi per il ritrovo con gli utenti e, in contemporanea, per consentirci di fare le nostre prove e girare la video anteprima. Abbiamo sempre messo molto impegno e anche la nostra faccia nel proporre ai nostri utenti le ultime novità con imparzialità e serietà; abbiamo messo lo stesso impegno nell’organizzazione di questo ritrovo portando con noi 20 lettori. Perché Stonex non ha messo un minimo di impegno nel consentirci di svolgere al meglio il nostro lavoro?

In tutto questo, comunque, ci teniamo ad esprimere il nostro supporto ad un progetto italiano finanziato con capitali italiani e auguriamo a Stonex di avere il successo che saprà meritare.

La nostra video anteprima di Stonex One è quindi un po’ frettolosa e per questo ci scusiamo, pensiamo e speriamo comunque di ricevere un sample da recensire nelle prossime settimane per potervi dare un parere più approfondito e meno dettato dalle sensazioni “a pelle”.