Recensione Asus Zenfone 3 – Il successo di ASUS Zenfone 2 nel 2015 è stato molto ampio e ha rilanciato con forza il brand taiwanese sul mercato degli smartphone. In realtà sul diffusissimo device c’erano anche tanti aspetti migliorabili nonostante la base fosse più che buona.

I progettisti però hanno preferito dare un taglio netto con il passato e ripensare da zero la nuova linea di Zenfone. E’ stata abbandonata l’adozione di processori Intel, a favore dell’americana Qualcomm e i materiali di costruzione, così come il design sono stati totalmente rivisti.

Il risultato è ASUS Zenfone 3, prodotto di fascia media con una grande qualità costruttiva, buon hardware e attenzione ad ogni comparto. Insomma, un bel prodotto che vale la pena scoprire meglio nella nostra recensione.

Unboxing di ASUS Zenfone 3

La confezione contiene un cavetto USB/type C per scambio dati e ricarica, il relativo alimentatore da parete con uscita standard a 5V – 2A (Zenfone 3 supporta il QC 3.0) e un paio di cuffiette in hear di buona fattura. La scatola è in semplice cartone, ma elegante come per tutta la nuova linea di prodotti ASUS.

Video recensione di ASUS Zenfone 3

Hardware & Connettività

ASUS Zenfone 3 è spinto da una CPU Octa Core di Qualcomm, lo Snapdragon 625, con tutti core Cortex A53 operanti alla frequenza massima di 2.0 GHz. La GPU è una Adreno 506, accompagnata da 3 o 4 GB di RAM e rispettivamente 32 o 64 GB di memoria interna.

La dotazione di sensori vede i classici di luminosità e prossimità, l’accelerometro, giroscopio e bussola. C’è anche un sensore per le impronte digitali davvero molto veloce e preciso e un evidente LED di notifica posizionato sul fronte vicino alla selfie cam.

In basso i 3 tasti soft-touch non sono retroilluminati, una scelta inspiegabile quella di ASUS, dal momento che la medesima caratteristica era stata evidenziata come uno dei difetti più grandi di Zenfone 2. Vi segnaliamo che anche il motore di vibrazione non è dei migliori, poco profondo e un po’ secco, nuovamente un difetto della passata generazione riproposto anche su Zenfone 3. Peccato.

zenfone36_tta

La connettività può avvalersi dello scambio dati in LTE di Cat. 7 con tutte le bande di frequenza presenti, il WiFi supporta i protocolli a/b/g/n/ac a 2 e 5 Ghz, mente il bluetooth è in versione 4.2.
Tra le modalità di comunicazione manca l’NFC mentre sono presenti OTG e RadioFM.

Prestazioni

Lo Snapdragon 625 è un processore di fascia medio alta, votato in particolare all’efficienza energetica più che alle prestazioni brute. Nonostante questo l’operatività di Zenfone 3 è assolutamente gradevole, quasi sempre all’altezza della situazione e mai in particolare affanno (surriscaldamento assente).
In navigazione e gaming assistiamo a qualche leggero lag o perdita di frame in base alla complessità dei siti internet o dei giochi. Nulla di grave comunque, Zenfone 3 rimane sempre sufficientemente veloce senza comunque riuscire a competere con altri device della stessa fascia di prezzo come OnePlus 3 o Honor 8.

Parte telefonica e antenne

Sotto questo profilo ASUS Zenfone 3 è impeccabile, ha una ottima gestione dual SIM (dual standby) e una invidiabile stabilità del segnale telefonico. Nessun problema nello scambio dati bluetooth e WiFi potente.

Non abbiamo difetti da segnalare sul GPS e anzi, vogliamo segnalarvi come nel nostro periodo di test non ci sia stato mai il benchè minimo intoppo utilizzando le funzioni standard telefoniche.

Ergonomia, Design & Materiali

ASUS Zenfone 3 ha dimensioni perfette (146.9 x 74 x 7.7 mm) e uno schermo da 5,2 pollici, peccato sia incredibilmente scivoloso. Il retro è in vetro Gorilla Glass 2.5 d, esattamente come il fronte.
Il telaio è in allumino tutto stondato e sinuoso, molto bello da vedere ma liscio che più non si potrebbe.

zenfone35_tta

In generale la qualità costruttiva è molto elevata e a livello estetico si distingue per l’equilibro e la pulizia del design. Rispetto a Zenfone 2 sembra un piccolo gioiello.

Zenfone 3 si può acquistare anche in una versione con display da 5,5 pollici e hardware identico. In questo caso le dimensioni salgono a 152.6 x 77.4 x 7.7 mm, l’ergonomia ne risente parecchio.

Display, Audio & Multimedia

Il display di ASUS Zenfone 3 è un LCD IPS da 5,2 (o 5,5) pollici. La risoluzione è FullHD e appare veramente come un pannello di qualità elevata.

I colori sono fedeli alla realtà ma non per questo poco accattivanti, in particolare ci è piaciuta molto la calibrazione del punto di bianco, che unita alla forte retroilluminazione riesce a rendere molto bene i contesti di lettura del testo.

zenfone3samplefoto10

Il trattamento oleofobico del vetro protettivo è buono ma non ottimo, così come la profondità dei neri che si fa apprezzare nella vista perpendicolare per andare a perdere intensità con lo sguardo di taglio.

Il comparto multimediale è affidato ad un’ottima app galleria e video ma non è sostenuto altrettanto bene dall’altoparlante di sistema, corposo e potente tanto quanto concentrato in solo punto con un effetto stereofonico inesistente.  La griglia di uscita è molto piccola e ciò porta spesso ad offuscare il volume totalmente anche coprendola leggermente.

Fotocamera

Il comparto fotografico è uno degli aspetti di rottura con la passata generazione di Zenfone. Su questo modello abbiamo un sensore principale da 16 mega pixel con ottica stabilizzata F/2.0, autofocus laser e doppio flash LED. Si tratta certamente di un hardware di tutto rispetto, degno della fascia medio alta del mercato.

Sul fronte invece abbiamo un modulo da 8 mega pixel F/2.0.

zenfone33_tta

L’ app fotografica “Pixel Master” è stata leggermente modificata a livello grafico ma le opzioni rimangono sempre tantissime, alcune utili altre meno. Forse addirittura in questo caso abbiamo una sovrabbondanza di possibilità che, almeno inizialmente, lasciano un po’ spiazzati.
Passato il periodo di ambientamento si scoprono tante chicche interessanti che daranno un valore aggiuntivo al device.

Le performance fotografiche sono quelle che ti aspetti da un device della fascia medio alta e in linea con i due punti di riferimento sulla stessa fascia di prezzo, che abbiamo identificato in OnePlus 3 e Honor 8 . Fotografie di livello in diurna e nelle situazioni “facili”, prestazioni in netto calo per le foto in notturna. Tutto nella norma e anzi, Zenfone 3 è certamente il device ASUS che scatta meglio di quelli testati fin’ora (in attesa del Deluxe).

Ottimi video grazie alla stabilizzazione ottica e digitale, è possibile girare anche in 4K ma si perde la stabilizzazione digitale. Purtroppo il FullHD si ferma ai 30 fps.

Batteria & Autonomia

La batteria di ASUS Zenfone 3 è da “soli” 2600 mAh (3000 mAh per la versione da 5,5 pollici di schermo) ma non lasciatevi ingannare. Il processore è un attento e parsimonioso gestore dell’energia disponibile e i risultati hanno dell’incredibile relativamente alla mera capacità della batteria.

Si riescono a coprire almeno 4h30min di schermo e si va per le 5h con utilizzo tranquillo. Se messo sotto stress continuo si riesce comunque ad arrivare a sera e se proprio ci fosse bisogno di ricorrere al risparmio energetico, la ZenUI 3.0 vi permette di scegliere tra 5 profili diversi ed eventualmente affidarvi al controllo automatico.

Software

Scherzando nella video recensione abbiamo passato in rassegna in un minuto (quasi) tutte le funzioni di Zenfone 3. In effetti la ZenUI 3.0 basata su Android 6.0 Marshmallow è ancora più ricca della precedente versione.
Le possibilità di personalizzazione sono sconfinate, tanto che ci si perde un po’ tra i menù e spesso ci si confonde trovando lo stesso settings in parti diverse del sistema.

Va detto che non è necessario andare ad esplorare tutti i dettagli della ROM e si può benissimo optare per un utilizzo in configurazione di default, senza incorrere in alcun problema. Vale però la pena approfondire la conoscenza almeno delle voci relative al sensore di impronte digitale, alle gesture a schermo spento, al controllo del movimento e alle varie possibilità di gestione del sistema in fatto di risparmio energetico e permessi.

Oltre a tutto ciò abbiamo le classiche voci di Android Marshmallow, che sono già molte.

La suite di app preinstallate è estensiva, abbiamo tutto ciò che occorre per un utilizzo totale del dispositivo fin dal primo avvio. Ci sono tutte le app di Google, affiancate dai programmi proprietari di ASUS, come gestore di file, calcolatrice, torcia, galleria, meteo, photo collage, miniMovie, DoitLater, Super Note, Share Link, WebStorage (con ulteriori 100 GB di Google Drive per 2 anni in regalo), il righello laser, la tastiera e una fantastica app di gestione dell’audio.

Tenete poi presente che ogni app ha un cospicuo numero di opzioni di personalizzazione al suo interno e capite perchè ci sia da perdersi.

Un aspetto molto positivo di tutto ciò è che ogni app si può aggiornare indipendentemente semplicemente da PlayStore, certamente un bel vantaggio che permette di avere un sistema sempre aggiornato senza necessariamente ricevere aggiornamenti di sistema veri e propri.

In conclusione

ASUS Zenfone 3 è un bel prodotto, l’azienda taiwanese ha lavorato molto bene per creare un device nettamente superiore al suo predecessore.

C’è da dire che nell’ultimo anno la qualità generale della fascia media si è impennata particolarmente e quindi, nonostante un sostanziale miglioramento, Zenfone 3 non può essere considerato sopra la media, pur certamente in grado di giocarsela con i migliori della sua fascia di prezzo.

zenfone34_tta

I suoi difetti sono più che altro peccati veniali, come i tasti soft-touch non retroilluminati, una vibrazione poco profonda e un software da affinare. Per il resto si tratta di un prodotto completo e affidabile sotto ogni punto di vista. Consigliato.

Migliori offerte sul web per ASUS Zenfone 3:

Pagella

7.8
Display
7.5
Ergonomia
7.5
Hardware
8.0
Software
8.6
Batteria
7.7
Fotocamera
9.5
Qualità/prezzo
9.5
Materiali
7
Audio
8.5
Esperienza Utente
8.5